Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI * ALIZEE *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

mercoledì 14 aprile 2021

Il mondo di Aldo



“Il mondo è grigio il mondo è blu”

e Aldo guarda con un lieve sorriso

chi dice che non ce la fa più:

sa come avanzare netto e deciso.


Egli ci osserva da privilegiata posizione

bonario ha sempre per noi un'assoluzione

come prete di una imbattibile religione

che spazza via qualsivoglia disperazione.


E una regina che senza por mano al timone

guida ispirata la nave su rotte buone 

e due piccoli sudditi che vivono a corte

preziose ciliegine su deliziose torte.


Avverto da lontano l'eco di una pace

che è non assenza di passione o di visione

ma è lingua di vivo fuoco sotto la brace;

non incendia: è il segno di una missione.


14 aprile 2021

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) 

 Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 4 aprile 2021

Restaurazione


Il "governo dei migliori" è solo un governo peggiore del precedente, e non di poco. Alcune nomine sono un brutto passato che ritorna, altre semplicemente vergognose. E' un governo di pura restaurazione.
Non deciderà nulla di essenziale, al di fuori dell'assegnazione dei quattrini. Inoltre è un esecutivo freddo, poco empatico, lontano dalla gente. Quanto a pandemia e vaccinazioni, e non solo, non fa altro che copiare le giuste misure dell'esecutivo di Conte, occasionalmente spacciandole per nuove grazie alla complicità di una stampa serva; la campagna vaccinale era partita benissimo con Arcuri, poi aveva rallentato per mancanza di dosi, esattamente la stessa ragione che la frena adesso, nonostante le roboanti e irreali affermazioni del generale. Salvini fa sempre la stessa parte, con la differenza che adesso protesta contro decisioni che vota; il PD guarda ancora a Renzi dimostrandosi incapace di spiccare il balzo; il Movimento pare avere imboccato una strada nuova e produttiva. Ben che vada, saranno due anni persi lungo il cammino del cambiamento; alla peggio, verrà demolita qualche conquista recente. Da politici compromessi, che sbagliano tutto da decenni, non dobbiamo e non possiamo aspettarci nulla di buono; la serietà e il credito internazione di Draghi, e la presenza dei 5S, non sono sufficienti a garantire alcunché, data la natura del resto della compagine.

 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

giovedì 1 aprile 2021

Non è bastato



A più di tre mesi dall’inizio della campagna vaccinale, in un Paese fra i più sviluppati e ricchi, culla della civiltà, fondatore dell’Unione Europea, io, cittadino 53enne, incensurato (mi vergogno di ammetterlo), mai una denuncia, un sospetto, un’indagine, un processo, una segnalazione, un fermo, un arresto, una multa stradale; una sola lieve insufficienza (in parte scusabile) in circa venti anni di studio utili a me ma non al mio Paese, nessun richiamo e nessuna nota disciplinare in nessun ambito, zero giorni di malattia in ambito lavorativo, un mese di malattia (con ricovero) durante il servizio civile poi recuperato volontariamente al termine dell’anno previsto, nessuno scheletro nell’armadio, tasse sempre pagate, nessun divorzio o peggio divorzio con figli alle spalle, nessun tradimento ad eccezione di quelli subiti, mai una mora o un sollecito, un anno di volontariato al posto dell’inutile servizio militare, buon senso civico, buon spirito critico, empatico e solidale, mai alzato le mani contro un mio simile, utilizzatore modesto del SSN (per fortuna), democratico e antifascista, laico e pacifista, arcobaleno e ambientalista, sportivo e sincero, fornito di etica ancorché non di religione, rispettoso da tredici mesi delle norme antiCovid, ebbene io pensavo di poter avere diritto, come tantissimi anche se forse non tutti, a essere vaccinato e con un vaccino di grande efficacia e non chiacchierato, per esempio con Pfizer, e adesso, non (forse) a settembre o a Natale.
Non dico passando avanti a malati gravi, soggetti fragili, anziani, operatori sanitari, etc. No, esserlo proprio perché tocca a me.
Invece vedo che non è così.
Non pochi farabutti sono responsabili di questa situazione che mi penalizza non poco (per l’assenza di una vaccinazione nel breve-medio periodo e per altre ragioni); e questi non pagheranno mai per le loro colpe. Probabilmente hanno già il vaccino in corpo, in ragione della loro età o della loro professione.
Purtroppo la mia vita non è stata abbastanza meritevole da poter ambire a una cosa così banale come una protezione efficace in tempi ragionevoli contro un virus che ha preso in ostaggio le nostre vite tredici mesi fa e che potrebbe riuscire a darmi una morte del tipo che sempre ho più temuto avendo provato la fame di ossigeno.
Avrei dovuto essere ancora più meritevole, ma non ce l’ho fatta e non so nemmeno se potrei farcela rifacendo il percorso una seconda volta.
Ho talenti inespressi, oppure anche espressi, ma non la capacità di farli fruttare, con tutta evidenza. Lo ammetto, non sono particolarmente adatto a questa realtà in cui vivo, l’ho sempre avvertito. Morirò , quando sarà l’ora, senza lasciar traccia, come tanti, portando con me il mio mondo, noto ai meno. La mortemi spaventerà, mi deluderà, mi angoscerà, ma, devo dire, non riuscirà a sorprendermi del tutto: siamo in rapporti.
Non ho salvato vite, non ho realizzato scoperte scientifiche, costruito opere destinate a rimanere nella storia; non ho tirato su imperi mediatici, industriali o finanziari, non ho creato opere artistiche di qualunque tipo riconosciute come immortali, ho sempre creduto nella pace, nella giustizia, nel rispetto dovuto agli uomini e nella loro totale e indiscutibile uguaglianza, sono stato di parola, ho sempre rispettato la natura ma ho dato al mondo solo una creatura e in tarda età, non ho accresciuto la gloria della mia patria o della mia città all’estero, non ho vinto trofei o medaglie di rilievo, non ho cambiato in peggio o in meglio la vita di nessuno, se non per trascurabili dettagli, ho capito, col tempo, molto della vita e di me stesso ma non tutto e probabilmente non quello che più mi sarebbe servito da vivo, non ho cambiato la storia, non ho dato esempi di particolare grandezza, solo una lunga, coerente, insignificante e noiosa catenella di piccole e giuste azioni quotidiane, economicamente irrilevanti e umanamente trascurabili, quasi invisibili nella loro ripetitiva banalità e accecante pochezza.
Aspetterò. Del resto nessuna vita vale più di una vita, anche se qualcuno ha onorato molto poco la sua e rispettato ancora meno quella degli altri.
Alla fine, non è la peggiore ingiustizia che ho conosciuto o che conoscerò.
Sono comunque contento di avere ancora oggi, dopo più di cinque decenni di vite diverse ed estranee che si sono misteriosamente sommate fra loro senza mescolarsi mai del tutto, la lucidità mentale sufficiente per capire cosa sono, cosa ho fatto e cosa non farò.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

mercoledì 31 marzo 2021

Il Far West non conviene a nessuno

Massima solidarietà, sento e leggo, a chi il 6 aprile riaprirà il suo locale violando un DL.
Non mi dilungo sul fatto che i ristoratori e i baristi hanno torto ma anche qualche ragione (piccola) e sul fatto che le misure restrittive degli ultimi mesi (diciamo terza ondata, quindi Conte II ai saluti e Draghi nascente) sono mal pensate.
Osservo questo. Se io rubo un’auto perché la mia è sotto sequestro da troppo tempo (che sia troppo lo valuto io, ovvio), faccio bene? Merito solidarietà? Se affermo la mia libertà di individuo e giro fra la folla a muso nudo, faccio bene? Se scavallo di regione a Pasqua, mi faranno una statua? Se per ripicca incollo la serratura della multinazionale che mi ha licenziato tre mesi fa sono un eroe? Se non trovo lavoro e non ho di che sfamare i miei figli e rapino le vecchiette fuori dalle Poste (senza usare violenza e solo quelle vestite meglio e ingioiellate, quindi non alla canna del gas come me) sono un disperato che va capito? Se tolgo qualche milione al commercialista del quarto piano per sfamare le centinaia di persone in fila per ore ai centri Caritas, sono Robin Hood o un volgare ladro?
Basta mettersi d’accordo.
Anch’io violerei qualche legge (es: razziali). 
Però se cominciamo a dire che se una legge per me non va bene posso ignorarla, qui tutto diventa far west.
 
autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Credo ai credibili



La credibilià si costruisce giorno dopo giorno.
Non puoi riportarmi una notizia dicendo che l’hai letta su determinati giornali o l’hai sentita su determinati tg che raccontano palle a manetta e che moltissime volte hanno dato prova di nascondere o taroccare le notizie, oltre in molti casi a dipendere in maniera evidente da personaggi indegni o da centri di potere nemmeno tanto occulti.
Sarebbe come dire: “hai sentito che la Pinuccia se la fa col garzone del latte e anche col pastore della montagna? Me lo ha detto Gigi.” E poi Gigi è il ballista del paese.
Se invece Marta, la postina, mia amica, nota per la sua correttezza e riservatezza, mi dicesse: “pare che la Pinuccia si sia innamorata di Carletto, quello del latte, ma non dirlo in giro, non è poi così certo e non sta bene, e poi la Pinuccia è una che si infiamma facile”, io le crederei, perché è persona sincera e misurata.
Non è una questione politica o di una fazione contro l’altra.
E’ diverso.
Se Piero Angela mi dice una cosa sui vaccini, io gli credo ciecamente. Poi verifico, ma per abitudine mia.
Se me la dice Ganassa, parto dal presupposto che sia una emerita e sesquipedale cazzata, poi verifico per scrupolo perché una chance la si dà a tutti, anche ai recidivi. 
Non è fare discriminazioni. E’ fare distinzioni. Fra un ballista e un serio uomo di scienza. Fra un cazzaro e una persona seria. Fra uno che apre la bocca per arieggiare il locale e uno che quando parla ha prima collegato la bocca al cervello. E’ distinguere: un martello non è un pomodoro.
Quindi se una notizia me la riporta il Fatto, o il Manifesto, o Gabanelli, o Ranucci, o Lerner, o Biagi (pace all’anima sua), o Barbacetto, o Ranieri, o Iovene, o Iacona, o Woodward, o Chomski io tendenzialmente ci credo, pur verificando: perché si tratta di fonti credibili, che di rado sbagliano e mai ho beccato a mentire apposta. Se leggo certe cose su noti giornali buoni per il cesso (in caso di blocco del canale di Suez e conseguente carenza di carta igienica) o le sento da tg servi, per prima cosa dubito fortemente, pur verificando per scrupolo (a volte anche un bugiardo o un venduto può dirla giusta, per distrazione o perché in quel caso gli conviene).
Se Il Microbo o il Ganassa o un fascista affermano una cosa, io dubito a palla. Se la afferma Sanders, Bersani o Conte ci credo. Perchè i primi hanno mentito o sparato assurdità decine di volte, i secondi mai (e se a volte hanno sbagliato, si sono subito scusati).
Alla fine, non è difficile da capire.
Anche voi date retta all’edicolante affidabile che vi avvisa su un giro poco chiaro al terzo piano del palazzo di fronte (dove sta quella biondina...) e catalogate subito come boiata l’affermazione del noto cazzaro del paese su un presunto complotto galattico su covid e vaccini.
Perché stupirsi? E soprattutto perché, pur non dimenticando mai di verificare per conto mio (anche con Travaglio, per dire), perché dovrei credere a bugiardi e traditori e dubitare di seri e sinceri?
Img: FQ 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 29 marzo 2021

Adesso che per la morte è tutto pronto


Io scrivo. Morirò di fame d’ossigeno e mentre morirò ti chiederò un foglio per scriverti una cosa.
Il mio necrologio è già pronto: per una volta che finirò sul giornale e sui muri della città, vorrei che si dicessero di me cose all’altezza (per esempio, che ero modesto).
Anche il mio epitaffio è pronto da anni: affidarlo a una penna terza sarebbe stato un affronto.
Adesso che per la morte è tutto pronto, posso continuare a far finta di ignorarla. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Ma dai! Che bello!!!


Se vai a un cocktail e ti presenti come scrittore, ti dicono subito: “Ma dai!... Che bello!!! (Chissà perché, cosa ci sarà mai di bello nell’inchiostrare fogli che nessuno apprezza e mangiare toast pranzo e patate a cena senza potersi permettere nemmeno un ristorante al mese? Boh). E cosa hai pubblicatollo, eh?” [Quella fava di tuo padre]

Se ti chiedono cosa fai nella vita e tu dici sono umorista (o comico), subito partono dei gridolini ormonali stile adolescente femmina infoiata al concerto dei Duran e ti chiedono: “allora raccontaci qualcosa, dai, prendi il micorofono” [facce ride]. Stessa cosa, amplificata per cento, se dici che fai il cantante. Ma scusa, perché? Se avessi detto che facevo il ferramenta,mi avresti chiesto di duplicare una chiave? Se fossi un pulitore di fosse bioogiche, mi imploreresti di farti vedere un po’ di merda? E se avessi detto che faccio il pornoattore, ti saresti calata la gonna e appoggiata sul tavolo a 90?

Se rispondi “vedo gente, faccio cose” fai una bella figura, tipo l’intellettuale morettiano che non considera produttivo tediare una platea per lo più ignorante spiegando in cosa consiste la sua importante attività cerebrale.

Se rispondi “in questo momento niente, sto cercando, sai che...” dopo due secondi ti rimangono solo.

L’importante è dunque vantare professioni misteriose dal nome preferibilmente straniero (sales manager è meglio di responsabile del reparto vendite, riorganizzatore delle risorse umane è meglio di figlio di puttana che licenzia gli esuberi), e fare sempre il vago e superiore: puoi rischiare di passare per quello che non sa cosa dire, ma il più delle volte passi per quello che ne avrebbe anche troppe da raccontare.

E ricorda: l’impoirtanza del tuo lavoro è direttamente proporzionale al numero di riunioni (ops: briefing) che fai ogni mese. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

martedì 23 marzo 2021

Bestia e pure maleducato



Mentre dormivo un tale in Colorado ha deciso di uccidere dieci persone in un supermercato. Continuate pure a vendere armi come fossero noccioline, su...

"Non ha detto una parola: è entrato e ha sparato" questo non è carino e dimostra che il
Killer di merda è anche un gran maleducato e non sa stare in società.

"Ho rischiato di morire per una soda e un pacchetto di patatine" ha detto singhiozzando (la soda lo fa) un ragazzo. Così la prossima volta impari e quando vai al supermercato ci vai per un motivo serio, cioè almeno una bottiglia di whisky.

"La comunità stia tranquilla: abbiamo arrestato il colpevole, non c'è più pericolo"
Che vuoi che sia, tutto ok.
10 bare. Ottimo lavoro, capo. 

Del resto gli Stati Uniti sono abituatissimi a questo genere di cose; pochi giorni fa ad Atlanta un ventunenne aveva deciso che era giunto il momento di far fuori otto persone e di queste sette erano donne, e di queste sette donne sei erano asiatiche, e per farlo aveva girato ben tre centri benessere: evidentemente i centri benessere in questo periodo sono poco frequentati.

Se pensate anche ai casi di Columbine e del cinema in cui stavano proiettando il film di Joker capirete che il Colorado sembra esercitare una particolare attrattiva su queste teste di cazzo armate, radoneuroniche e spesso di destra (scusate le ripetizioni).

Se trovate la mia ironia fuori luogo, pensate piuttosto a quanto è fuori luogo continuare a vendere armi a tutti coloro che si presentano al banco e possono permettersi il prezzo di acquisto in un Paese in cui in ogni momento un merdone sbrocca e ammazza una decina di persone, senza nemmeno salutare.


Leggi tutto...

sabato 20 marzo 2021

Altri cieli

Io capisco che chi vive e Genova (io da un po’ di anni sono in esilio) soffre gli sfottò a scuola, in ufficio, nei bar (o soffrirebbe se non potesse farne).
Ma a me, da tifoso doriano scuola Mantovani, non mi frega una beata mazza se i rivali cittadini, una volta ogni quindici anni, arrivano davanti in classifica. Non può essere questo il mio obiettivo e non lo è, sorry. Sarà perché abbiamo respirato per più di un decennio un’aria diversa, sarà perché comunque con Mantovani la porta dei sogni non era chiusa a chiave, ma è così.
In un solo caso voglio arrivare davanti al Genoa: se anche il Genoa è in finale, o se il Genoa è secondo in serie A.
Il nostro obiettivo, oltre che divertirci, divertire, rispettare regole, avversari e arbitri, è giocare, onorando i nostri colori e la nostra terra, e poi cercare di vincere. Il nostro cielo è quello di Genova, ma Genova è la rampa di lancio, non l’acquario che ci imprigiona.
Spero di essere stato chiaro. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

venerdì 19 marzo 2021

Pretese impossibili


Certo che a volte fate tenerezza.
Da persone che evadono le tasse appena possono e ammirano chi lo fa, gettano le cartacce per strada, non rimuovono la cacca dei loro cani dai marciapiede, guidano come criminali e parcheggiano come maiali cerebrolesi, si accoltellano per uno sguardo a una donna o per un fuorigioco, votano perfetti e inutili buffoni, spesso anche delinquenti, da decenni, leggono giornali screditati e guardano talk e tg servili, idolatrano influencer, cuochi star, cantantucoli e protagoniosti di reality, credono ai bufalari e disprezzano la scienza, discriminano neri e omosessuali, donne e migranti, ebrei e stranieri, si bevono le più assurde fake news e hanno la memoria storica di una farfalla, ebbene voi da queste persone pretendereste il rispetto della distanza fisica, la mascherina a coprire naso e bocca e il comportamento responsabile?
E quando chiederemo a un gatto di risolvere un’equazione?
Forse prima di scrivere certe cose sarebbe bene che metteste qualcosa sotto i denti, i cali glicemici offuscano i migliori neuroni. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 14 marzo 2021

Gli effetti collaterali della vita


(Non voglio più vivere)

Ero sulla LUNA.
Un essere strano, dal becco lungo, mi ha chiesto: vuoi nascere? 
Ho detto: ci penso, lasciami 48 ore (voglio dire, le ha chieste anche Letta per decidere se buttarsi nella tana delle serpi nota come Pd, lasciale pure a me per decidere se nascere, no?).
Mi sono un po’ documentato (sulla Luna abbiamo la Fibra, quella vera, non la fibra che fa cagare come quella italiana -del resto, la “fibra” si assume per quello, no? Nomen Omen).
E ho trovato notizie preoccupanti.
Ho letto che al mondo nel 2015 sono morte 56 MILIONI di persone. Praticamente in un anno è sparita un’ITALIA. E mi sono preso paura. Che roba è, questa cosidetta “vita”, che ogni anno vede 140 milioni di persone decidere di assumerla (i “nati”), cioè di fare la scelta che sto valutando io, ma ben 56 milioni di persone morire!?? Mi pare pericolosa, una roba che ha effetti collaterali così grandi: 56 milioni!
E che cosa è, questa “vita” tanto pubblicizzata, se ogni anno, su quella sfera deforme e colorata che vedo molto bene da quassù, ben 800.000 persone decidono di uccidersi volontariamente? E ogni giorno 860 donne muoiono di parto?
Ho deciso, la Vita non fa per me. E’ troppo rischiosa.
VIta e vaccini hanno troppi effetti collaterali.
—- 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 13 marzo 2021

Elogio del Premier (il precedente, però)


E’ cambiato quel che non si vede, ma che conta più di tutto il resto...
——

Potrei dire: sta facendo le stesse cose di Conte, presentandole in maniera peggiore.
E potrei anche dire: non illustra le sue decisioni, non si fa fare domande dai giornalisti; non si sporca le mani, non ci mette la faccia.
Potrei pure aggiungere: non comunica coi ministri, decide tutto lui, sostituisce ruoli apicali senza prima consultarsi coi ministri che lo vengono a sapere dall’Ansa.
E infine chiosare: dopo un mese i ristori non si vedono e come vaccini siamo più o meno dove eravamo. In più, abbiamo infinite restrizioni in più.

Ma preferisco dire un’altra cosa, che nessuno nota ma che è quella più grave.
Parla di rado e sta sempre sul vago e sull’ovvio. Non comunica. Non interagisce. Non spiega perché assume certe decisioni, perché licenzia certe persone e ne prende altre, perché si affida a consulenti esterni.
Fa cose che prima avrebbero provocato indignazioni e rivolte e lo fa anche perché sa di avere dalla sua il silenzo ovattato e bavoso dei media.
E, lasciatemelo dire, quando parla non “trasmette”.
Dire parole non è la stessa cosa di comunicare, di entrare in contatto.
Poca empatia, poca connessione col popolo. Sono parole, ben dette certo, ma se ne avverte la freddezza, o comunque si sente la mancanza di un trasporto emotivo che, unito a un comportamento più trasparente e collegiale, prima ci faceva sentire più seguiti e più uniti e ci portava ad accettare anche decisioni scomode.
Ecco perché adesso, oltre che sfiniti dopo 12 mesi, ci sentiamo anche più persi, più soli, più in balia degli eventi. autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 7 marzo 2021

Una parola, un modo di dire


Stasera sulla mia pagina comincia una nuova RUBRICA. Si chiamerà “Una parola, un modo di dire”. Sarà una delle migliori rubriche mai pensate e viste su un social.
(Applausi)

Sì, lo so, è una bella idea: grazie per i complimenti, grazie davvero (no, non accetto offerte sessuali, anche se per quella biondina che vedo in terza fila e che si sta agitando parecchio potrei derogare a questo mio debolissimo principio), vi ringrazio per gli incitamenti, gli urletti e la standing ovation però adesso state un po’ zitti perché devo parlare io.

Questa fantastica rubrica avrà cadenza giornaliera, anzi no: settimanale, anzi... Insomma, ci sarà quando mi va, questa rubrica. Ok? Tre volte al giorno, se mi garba, o due all’anno: sono cazzi miei, ok??? Voi cosa c’entrate? Da quando decidete con quale frequenza io devo tenere una rubrica? State al vostro posto, ottusi!

Qual è lo scopo di questa rubrica, oltre a quello di mettere in mostra le mie preclare e indubbie doti?
Questo: ogni volta spiegherò a voi ignorantoni l’origine di una parola, di un modo di dire, il suo significato, già sapendo che metà di voi non ci capiranno nulla e l’altra metà solo qualcosa e a tratti: duro è il mestiere del divulgatore di sapere, del resto qualcuno lo deve pur fare.

Quali parole? Per esempio “noumeno”, o “effervescenza naturale” o “catarsi”, a mia scelta insindacabile. Oppure espressioni tipiche e curiose come “me ne batto il belino” , “ambarabà ciccì coccò” o “te e tu sorella”.

Magari lo farò copiando da Wikipedia o dalla Treccani (ma senza citarli) per farmi bello, oppure inventando cose false senza il minimo scrupolo, e usando paroloni tipo “ontologico”, “apologia”, “palingenesi” o espressioni tipo “ca va sans dire” per farvi vedere che io ho studiato e vi sono inevitabilmente superiore, cari i miei ottenebrati.

Cercherò di fare il brillante, cosa che del resto mi riesce benissimo per talento naturale, e lo farò, naturalmente, solo per smerdarvi e farvi capire quanto siete meno spiritosi di me, quanto io sia deliziosamente cinico, affascinante e divertente e voi invece piatti e monotoni, quanto io sia acuto e voi ottusi.

Non mi aspetto nessun like né condivisioni, perché tanto non me li mettete mai (siete invidiosi e un po’ bastardi) e perché vi darà fastidio essere trattati da ignorantoni da uno che invece le cose le sa perché le ha studiate ed essendo molto intelligente (e bello e sexy) le ha capite e avendo una buona memoria le ricorda e sapendo scrivere bene ve le saprà spiegare magnificamente, usando le “h” quando necessario e mettendo le virgole al posto giusto.

Anche la foto che adorna questo mio imperdibile post è stata scelta con cura, avendo ben presente le vostre ridotte facoltà intellettive e la vostra irresistibile tendenza ad interessarvi solo o preferibilmente ad immagini che contengano un qualsivoglia richiamo sessuale (che per gli uomini si manifesterà nella forma presumibile di “guarda tu questo gran pezzo di ...” e per le donne in quella riconducibile a  “guarda te questa grandissima tr***, ora clicco per vedere cosa diavolo ha più di me”)

Grazie per l’attenzione, adesso potete leggere la parola di stasera (“innamoramento”) e poi tornare a leggere Topolino o a navigare su Youporn.
——-

INNAMORAMENTO

Con “innamoramento” si intende una delle malattie più gravi che possa colpire un essere umano, al pari del tetano e della lebbra, che però io personalmente ho sempre preferito.
Non è ancora considerata come una vera e propria malattia dagli organismi scientifici internazionali e questo rende ancor più complicato affrontarla e mitigarla.
E’ responsabile di almeno il 60% dei disastri individuali e collettivi, dei mal di testa, degli scazzi e dei tentativi di suicidio, nonché di guerre, carestie, pandemie, sconfitte ai supplementari e senatori fiorentini. Inoltre spiega efficamente anche due terzi dello share medio giornaliero di rete4 e molti errori di ortografia o scelte elettorali folli.
Al momento non ci sono cure valide conosciute per l’innamoramento, che mediamente colpisce un uomo una o due volte nella vita, e una donna una o due volte ogni semestre. Per fortuna è una patologia ben conosciuta dagli specialisti ed è temporanea e reversibile; in più, dopo ogni episodio infettivo, tende a fare sempre meno danni, un po’ come se si sviluppassero degli anticorpi in grado di aiutare sebbene non di rendere del tutto immuni.
E’ un virus che accompagna la specie umana fin dal suo sorgere e che presumibilmente non riusciremo mai a debellare del tutto, e questo anche a causa della resistenza delle donne e dei fiorai e dei venditori di cioccolatini e gioielli.
Si appalesa sotto forma di sintomi vari e spesso molto diversi fra loro, come una ridotta facoltà di giudizio, una totale assenza di spirito critico, un tipico sguardo di chi è perso nelle nuvole, e poi sospetta demenza, clamorosi sbalzi di umore, inaffidabilità totale, insonnia, scambi di persona, amnesia, tendenza a poetare, frequenti sospiri, strage di margherite, lunghe telefonate, cene costosissime, interminabili sessioni in sala da bagno, cura manicale dei dettagli, irritabilità, allucinazioni, disturbi motori, occhi lucidi, giovanardi.
Durante la fase acuta, si sconsiglia qualsiasi approccio terapeutico. Solo una volta passato l’apice del disagio, sarà possibile intervenire con apposita cura farmacologica unita a adeguato supporto psicologico al fine di indirizzare il paziente, già duramente provato, sulla via della guarigione (fine della storia) o di assisterlo durante l’incancrenimento del malanno (fidanzamento) che però, come detto, è destinato, presto o tardi, ad attenuarsi naturalmente sino alla crisi successiva, secondo onde sinusoidali via via meno accentuate di cui so parecchio ma nulla vi dico perché non siete in grado di capire nulla che sia poco meno che banale. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Scelte collettive

I vaccini sono sicuri?
Quanti sono e quali gli effetti collaterali?
E' sicuro assumere vaccini dei quali sono stati testati in fretta gli effetti a breve e malamente o per nulla quelli a medio-lungo?
Avrò problemi?
Non so.

MA deve essere chiaro che:
1) la vita è fatta di scelte, ne facciamo decine al giorno, ciascuna ha rischi e vantaggi ed esclude tutte le altre migliaia di alternative
2) alcune scelte sono individuali (cioè i rischi sono personali), altre collettive
2) la scelta di vaccinarsi o no non è una scelta individuale, ma è collettiva.
——
In altre parole, se Piera non si vaccina e invece Luca (suo marito) lo fa, Piera non compie una scelta individuale. Se si ammala, certamente le sofferenze saranno perlopiù personali (con ricadute su altre persone, però). Se muore o se si infetta senza conseguenza ma contagia altri che poi muoiono (esempio: un passante non ancora vaccinato, un immunodepresso, un minore sconosciuto, o i suoi figli piccoli), le conseguenze non saranno personali: nel primo caso lascerà i suoi figli per sempre, nel secondo causerà gravi danni alla salute o alla vita di altri.
——-
Se una persona vuole poter sempre assumere decisioni in piena libertà e senza vincoli, dovrebbe non sposarsi e non fare figli. Nel caso di una pandemia, poi, scegliere una vita da eremita.
——-
Vivere in società porta vantaggi e responsabilità.
Io da quando sono padre evito attività pericolose e superflue. Ogni mia scelta è compiuta ragionando in termini di famiglia e in particolare di chi dipende da me.
Il ragionamento è lo stesso, quando si deve decidere se "rischiare" qualche conseguenza (piccola o grande) con un vaccino tirato su in fretta e furia.
——-

Leggi tutto...

sabato 6 marzo 2021

Alla fine era la scelta meno invalidante

Sulla decisione dei 5s di dire sì a Draghi si è scritto molto.
A distanza di qualche giorno vi sono però alcuni punti fermi:
-Draghi ha garantito a Grillo quel che a Grillo premeva dal punto di vista della transizione ecologica
-Non si poteva fare nulla di più per impedire al disegno indegno del Microbo di andare a segno
-Essere dentro questo Governo mal assemblato e nato solo per far fuori Conte dalla gestione dei soldi europei (da lui ottenuti) e Bonafede dalla Giustizia, ha comunque consentito di difendere il blocco della prescrizione e il Rdc (che sarebbero stati rispettivamente spazzato via e ridotto) e siamo appena all'inizio; è ovvio che si dovrà cedere su qualcosa -è una necessità nei governi di coalizione, figurarsi in quelli mescolati a schifo e con dentro il bianco e il nero-, ma si avrà modo di ottenere cose rilevanti o difendere quelle già conseguite
-Per mollare tutto se qualcuno comincia a fare il furbo si è sempre in tempo
-La tua natura non cambia se dici sì o no a un governo dentro tutti (quindi senza anima politica); cambia se cominci a mentire e rubare
-Quello che conta di più non sono le dichiarazioni di principio ma semmai i principi, e il programma: è per realizzare quello che i 5s sono nati, non per altro
-Non vedo alcuna ragione per non continuare a fidarsi di alcune persone che in tanti anni non hanno mai deluso, tradito, rubato o mentito: la fiducia si costruisce nel tempo e non rovina in un secondo sulla base di semplici suggestioni
-Se alcune regole dell'associazione di cui fai parte non ti piacciono, cerchi di cambiarle, ma fin quando sei dentro devi rispettarle, altrimenti manchi di rispetto a te stesso e a tutti
Amen.

Leggi tutto...

giovedì 4 marzo 2021

Bevete!


Bevete. Bevete. Bevete.
Vino. Birra. Superalcolici.
Qualsiasi cosa che si possa definire alcolica (alcol denaturato e gel igienizzanti esclusi).
Bevete a canna. Sempre. Senza limite. Senza rimorso.
Fatelo di nascosto, fatelo sfacciatamente in faccia agli altri.
Fatelo come se non ci fosse un domani (che poi non c’è).
Quando non dovete guidare o lavorare.
Meglio se dopo le 18.
Nutrite con follia le vostre vene urlanti, portatele all’orgasmo.
Tramortite con bastonate alcoliche gli irrequieti nervi.
Narcotizzate l’irriducibile ansia che vi consuma le pareti del cervello.
Smorzate lo stress che vi brucia lo stomaco.
Colorate di rosa il vostro futuro color escremento.
Storditevi.
Fregatevene degli alert del fegato: non vivrete abbastanza a lungo perché quel bastardo possa rinfacciarvi di aver avuto ragione.
Acquistate solo alcol italiano!
Sbronzatevi da patriottici.
Morite sereni e paciosi.
Basta covid, zone rosse, tamponi, virologi e tiggì.
Una nuova alba ci attende, frizzante e inebriante.
Poi riciclate correttamente latta e vetro. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

mercoledì 3 marzo 2021

Anche oggi a posto

Anche oggi ci hanno messo abbastanza terrore i media, i virologi, i “governatori”? 
Ci hanno ripetuto a sufficienza che i contagi stanno aumentando, che siamo messi peggio della prima ondata, che i posti di TI sono pieni, che moriremo tutti, ma proprio tutti, e forse più volte, e soffrendo moltissimo, che stanno per arrivare altre varianti (la lappone, l’onduregna e la carbonara) e che se sopravviveremo saremo soli al mondo e senza soldi e senza cibo e quindi poi ci suicideremo per disperazione, e che ci vorrebbe un lockdown feroce stile dittatura cinese per 89 mesi, al termine dei quali comunque moriremo tutti perché cadremo dalle scale per la fretta di uscire per strada? 
Sono certo che lo hanno fatto.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Covid - qualche numero - qualche distinguo

Oggi i virologi erano impegnati (dentista e pilates). Allora ci hanno pensato i governatori (anche Bonaccini, che fino a pochi giorni fa era per riaprire dove si può -bella forza, chi non vorrebbe che si riaprisse, dove si può- ed era stato lodato dal Ganassa) a farci un po’ di paura e a cercare di aumentarci ansia e stress. Con l’aggiunta di un Bertolaso che non guasta mai e che da quando sa metterrsi la mascherina giusta e applica le tre norme base non ha più problemi. ——

Da un lato i NEGAZIONISTI: il virus non esiste, la mascherina non serve, io voglio essere libero di fare quello che voglio e me ne fotto se così facendo faccio rischiare la vita agli altri, è un complotto mondiale, le prove generali di una nuova dittatura sanitaria, se hai paura rinchiuditi in casa, i pronto soccorso sono vuoti, è colpa dei migranti, dei cinesi, degli omosessuali, ha stato Soros, etc. ——

Dall’altro gli ALLARMISTI: moriremo tutti, molto presto e soffrendo moltissimo. Ci vorrebbe un lockdown durissmo, alla cinese, per 89 mesi, al termine dei quali moriremo comunque tutti a causa della 127esima ondata e alle sue varianti neozelandesi e lapponi. ——

In mezzo poi ci sono tante sfumature e, in una regione a parte, ci stanno pure QUELLI CHE RAGIONANO. 

 Il virus si trasmette con modalità tali per cui indossare una mascherina (meglio se FFP2), stare a distanza e lavarsi bene le mani sono tre metodi efficaci per ridurre il rischio di un bel po’ (non si azzera). Qualunque Stato deve adottare misure più o meno restrittive. I negazionisti vanno emarginati e silenziati, fanno danni. Anche gli allarmisti, però. I media dovrebbe poter parlare del virus solo 1h al giorno a testa, sempre con un bel fact checking. Fin qui siamo d’accordo, se i tuoi neuroni girano bene. 

Poi possiamo discutere se le misure prese sono esagerate/insufficienti, giuste/sbagliate, coerenti/contradditorie, comunicate bene/male. E su questo punto da dire ce ne sarebbe parecchio. Ma qui si può discutere, senza per questo essere o apparire negazionisti/criminali o allarmisti (seminatori di panico).

 Il virus finora ha ucciso 97.000 persone, grosso modo. 10 volte un paese come Montignoso, in 12 mesi. Non poche anziane o già malate (ma senza il Covid non sarebbero morte e una differenza tra vivere e morire c’è ancora, nonostante la programmazione televisiva spesso sembri fatta pposta per convincerci del contrario). Ma sono morti anche molti adulti sani. Inoltre molti hanno sofferto parecchio senza morire e molti hanno problemi anche mesi dopo la guarigione ufficiale. Molti, poi, sono morti in maniera orrida, e da soli. E poi pensiamo ai danni da lockdown, ansia, stress, paura, asocialità e alle perdite economiche etc. Di solito l’influenza nello stesso periodo ne uccide 7-8000 (comprese in quei 97.000). Lo so, di tumore muoiono 190.000 persone all’anno, ma il tumore non è contagioso, quindi non intasa ospedali e TI e non manda a rotoli il sistema ospedaliero. Del resto ogni anno muoiono anche tante persone sul lavoro, e per incidenti stradali. Ogni anno in Europa ben 1000 per fulmini a ciel sereno. E i femminicidi, poi? Mi pare 120 l’anno nella sola Italia, quando già uno sarebbe eccessivo. I morti per colesterolo, problemi cardiovascolari e inquinamento sono poi tantissimi. Nel mondo finora i morti per/da Covid sono 2.500.000 -stimati- (0,031% del totale). In Italia come detto 97.000 (0,16% del totale). Negli Usa (che hanno adottato misure meno rigide) ben mezzo milione, ma è sempre lo 0,15%. Molti si chiedono: senza lockdown i morti quanti sarebbero? Il triplo? Ok, solo lo 0,48%... 

Come vedete, gli angoli di visuale sono molteplici e diversi. C’e’ anche chi dice: valeva la pena devastare tutto in questo modo per mesi per un virus che ammazza una percentuale irrilevante della popolazione e spesso gente già destinata a morire? Vi sembra un discorso orribile, però se lo fa chi non nega il virus può essere accettato, perché è discutere, non è inquinare come fanno negazionisti e allarmisti. 

 Ribadisco: i negazionisti sono sostanzialmente idioti. Gli allarmisti sono fanatici pericolosi. Chi ragiona è preferibile agli altri. Discutere se una misura è stata azzeccata o no, e se si sarebbe potuto fare altro, è lecito, eccome. 

 autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Boselli e il suo sogno

Boselli, siccome siamo vicini a un derby, viene intervistato e, bontà sua, dice di ricordare bene e con gioia il gol che “mandò la Samp in serie B”. All’inizio, leggendo questa cosa, mi inquietavo, adesso rido. Ora, non starò qui a farvi il solito discorso secondo il quale alcuni ricordano vittorie e trofei, altri che non vincono mai nulla si fanno le pippe ricordando le disgrazie altrui: è argomento volgarotto. 

Noto un’altra cosa.

 Quel gol non mandò la Samp in serie B. Lo so, spiace rovinare un sogno. Ma mica impedisco ai rossoblu di crederci, diamine. C’è chi crede che siamo stati creati da un essere invisibile e onnipotente che ci manda all’inferno se ci facciamo le pippe di cui sopra, uno può benissimo credere a un fatto sportivo mai accaduto: siamo in democrazia! 

 Quell’anno andammo in B perché era un’annata storta, giocavamo male, eravamo anche un po’ sfigati e maltrattati e, da ultimo, un tale, che adesso gioca proprio nella ex squadra del Boselli, e che nel maggio del 2011 giocava nel Bari, fece un gol nella sua porta (Bari) apposta, durante un Bari-Lecce, e lo fece per SOLDI: è reo confesso. Quel gol sì che ci mandò in B, salvo’ il Lecce e ci mandò in B, se proprio vogliamo assegnare a un gol questo merito, cosa che è sempre un po’ pretestuosa perchè quando vai in B in genere ci vai per una somma notevole di fatti e circostanze che si accumulano durante tutta la stagione. Il gol VENDUTO di un giocatore CORROTTO ci mandò in B, non il golletto del Boselli che si vanta come un pavone e che, non avendo mai vinto nulla, invece di tacere si vanta di una disgrazia altrui (che non ha determinato), omettendo il fatto criminoso. 

Certo, andammo in B perchè facemmo una stagione pessima, ma chi fa una stagione pessima ha il diritto di salvarsi e di certo non può accettare di retrocedere per via di un corrotto. Quell’anno (2010-2011) fu all’ultima giornata che ci andammo, in B, perché perdemmo col Palermo in casa e contemporaneamente il Lecce batteva il Bari grazie al gol del corrotto reo confesso. I punti persi che ci mandarono in B furono molti quell’anno... perdemmo una secchiata di partite, spesso male, non poche volte contro squadre inferiori. Perdemmo 18 partite e ne vincemmo solo 8, a un certo punto a Marassi vincevano tutti, anche il porco. Ecco perché sostanzialmente e matematicamente il gol di Boselli ci ha mandato in B come ciascuno dei gol presi quell’anno. Quindi la frase di Boselli è stupida. Lo è sempre stata. Falsa e stupida. Ma lasciamolo sognare, i sogni aiutano a vivere. In vita mia non ho mai dileggiato un genoano, se però volessi farlo non inventeri cose, troppa fatica: pescherei a piene mani nei fatti oggettivi. 

 Resta il fatto che siamo retrocessi per via di un fatto criminoso, nel maggio del 2011, e nessuno ci ha mai risarcito. E resta il fatto che qualcuno continua a dire stupidate e qualcun altro a crederci, stavolgendo i fatti oggettivi. Lo ripeto: parlo di reati confessati dall’autore, non di aria fritta (quella è specialità di casa Boselli, di cui mai ci ricorderemmo, del resto, se non fosse per quel gol e per il significato messianico che i suoi fan hanno deciso di attribuirgli). 

 Nella storia di Samp e Genoa ci sono stati invece, nei derby intendo, episodi di gol decisivi per la retrocessione o la salvezza. Ma quelli lo furono davvero, non nei sogni di qualcuno. 
Se io gioco una finale di Coppa (so che è argomento ignoto ai cugini) e perdo per un gol del centravanti avversario al 97’, posso anche dire che ho perso per colpa sua, anche se una partita è fatta di mille episodi. Ma al di fuori di questi casi, è solo fantasia e poraccitudine. Ehehehe. BOSELLI POTREBBE CHIEDERE LUMI AL REO CONFESSO CHE ADESSO VESTE I SUOI STESSI COLORI...


 —— 

Da Il fatto Quotidiano dell’aprile 2012: Sì, l’autogol lo segnai apposta”. Lo aveva negato più volte, ma alla fine ha ceduto. Andrea Masiello, il calciatore di 26 anni arrestato stamani per l’ennesima inchiesta sul calcioscommesse, ha ammesso di aver buttato la palla nella sua porta coscientemente durante Bari-Lecce del 15 maggio 2011 (il derby pugleise finì poi 0-2). Una confessione arrivata con una nota inviata dallo stesso Masiello al pm Ciro Angelillis quattro giorni fa. Una rete che permise ai giallorossi di vincere la partita e di restare in A, ma che soprattutto avrebbe intascato quanto pattuito per quel suo impegno a far perdere la propria squadra. La nota inviata il 28 marzo al pm è contenuta negli atti giudiziari alla base del provvedimento di arresto di Masiello. Per la combine l’allora giocatore del Bari (e ora all’Atalanta, anche se sospeso da svariate settimane) ha intascato, secondo la Procura, 50mila euro mentre i suoi amici scommettitori arrestati, Gianni Carella e Fabio Giacobbe, avrebbero ricevuto durante in un incontro in un hotel di Lecce 180mila euro da un faccendiere probabilmente vicino al Lecce che i carabinieri stanno per identificare. “Voglio aggiungere – scrive l’ex difensore del Bari ai magistrati – che, quando il risultato era sullo 0-1, ho sfruttato un’occasione che mi si è posta per poter cristallizzare definitivamente l’esito di sconfitta per il Bari e per poter – quindi – ottenere il pagamento promessomi, realizzando così l’autogol con cui si è concluso l’incontro”. —— 

 autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Una mattina...

...mi sono svegliato e c’era ancora Conte premier. Il Covid era ormai alle battute finali e l’Associazione dei Pipistrelli Cinesi aveva riconosciuto le sue responsabilità. I vaccini si trovavano anche in farmacia, accanto alle Zigulì, a 2 euro l’uno ed era consigliato da 9 virologi su 10 bersene due o tre a settimana assieme al caffè del mattino. Nessuno accusava più la Juve di essere coccolata dal sistema. Gli spalti erano strapieni. Orsato si era fatto prete e chiedeva scusa a Giordano Bruno. Agnelli frequentava un corso di matematica. Dal cielo piovevano cioccolatini al latte. Ogni settimana c’erano tre domeniche. Salvini aveva trovato un lavoro come guardiano del faro a Lampedusa, Renzi teneva conferenze in cinese, Berlusconi presentava Sanremo che nel frattempo era passato a Mediaset. Tutti pagavano le tasse ad eccezione dei poveri. I ricchi si picchiavano per riuscire a pagarle per primi, e di più. I fascisti si erano trasferiti su Marte, suscitando le proteste dei germi autoctoni (prima i marziani!). Le autostrade erano statali e con pedaggio moderato; il livello della manutenzione altissimo. Le carceri erano luoghi in cui regnava la legge ed erano semivuote; i processi ridotti a un terzo e veloci, le forze dell’ordine spesso disoccupate. Quasi nessuno dava retta ai giornali più noti e ai talk e molti giornalisti si erano riciclati come personale di servizio presso residenze signorili. I puzzle riuscivano sempre e in breve tempo, i sacchetti della spazzatura stavano sempre in piedi da soli, il dolore era stato abolito, i capelli non cadevano, le rughe non si formavano, la digestione era sempre regolare e anche l’attività intestinale, il lavoro era stato abolito perché facevano tutto i robot (a parte presentare Sanremo, fare speech e presidiare i fari). Poi ho aperto la Tv e sono tornato a dormire. 


 autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...