Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI * ALIZEE *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

martedì 20 febbraio 2024

Triste e consueta parabola

28 giorni. 
E, nell’altro caso, 16 (ma negli ultimi 28 due soli lampi, ravvicinati e piuttosto neutri).
A me rapporti così irragionevolmente freddi e distanti, così faticati e diffidenti, così inspiegabilmente sofferti e timorosi, dopo tutti questi anni, dopo tutto quello che ho cercato di fare per abbattare questi muri di gomma, dopo tutta la mia amicizia, il mio vero affetto, la mia disponibilità, la mia sincerità non vanno più bene. Non ho più vent’anni, posso scegliere.
Mi dispiace enormemente, e non è un modo di dire, perché immaginavo persone molto diverse, e un futuro molto diverso, ma i fatti sono questi e sono chiari.
Se qualcuno non ti cerca, vuol dire che non gli manchi. E non è reato, certo che no. Ma tante cose brutte non lo sono.
Per non parlare della fiducia tradita, molto più che un sospetto.
Vi auguro di non pentirvi mai per aver calpestato con noncuranza, quasi con irritato fastidio, fiori così, perché la sensazione sarebbe orribile. Sarà comunque difficile che accada.
Ci ho provato a lungo. So di averlo fatto sempre in buona fede e col cuore, senza risparmiarmi mai.
Ma oggi come oggi il cuore serve ai più solo a pompar sangue. Lo so bene, ma ogni volta averne la conferma è disturbante. Non ti abitui mai a certe dinamiche.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

venerdì 16 febbraio 2024

La outine appetitosa del travet erotomane

E’ come lo yoga delle quattro o la meditazione serale, la corsetta mattutina o o la palestra o la pennichella: tutti momenti dedicati a te, che fai ogni giorno o quasi, per hobby, per divertimento, per mantenerti in forma, per inerzia, o quasi come un rito.

Un po’ più stuzzicante, in effetti, ma il senso è quello.
Un po’ più di fantasia. Membra tese e muscoli vivaci, smania e prurito, desiderio e paura, voglia di spaccare e voglia di farsi fare. Si fa in compagnia.
Un po’ più imprevedibile quanto a sviluppo ed esiti, un po’ più rischioso o foriero di stranezze e novità, e per questo più intrigante.
Un po’ più impegnativo quanto a ricerca del momento ad hoc e dell’incastro giusto.

Dopo, forse non stai meglio. Durante però ti sembra di non essere lì e questo è già un sollievo. Che si deve fare? Lo so che non avete risposte, appunto, come non ne ho io, quindi inutile chiederselo o chiederlo. Si fa, con continuità, con precisione impiegatizia, con solerzia quasi professionale. Giocando seriamente, come fosse un dovere e non solo un piacere; e quando sei “costretto” a farlo, e il copione è poco dignitoso e un poco vergognoso, sai trarne comunque il tuo piacere di attore consumato, in un vortice che ti risucchia, sia tu re o suddito, padrone o schiavo, cliente o cameriere, femmina o maschio, manico o secchiello.

E’ un impegno quasi fisso, che non è ossessione quotidiana ma abitudine ossessiva, che vuoi tu ma che anche ti è imposta, come un gioco di potere che ti regala vortici di sadico e perverso dominio come una punizione meritata e piccante cui ti sottoponi con umile e docile obbedienza; come un tè delle cinque, solo che a volte tu sei l’Inglese che se lo gusta con piacere e con i giusti biscottini e a volte sei il tè caldo nella tazza.

La routine appetitosa del travet erotomane.
Il cartellino presenze del ligio burocrate dell’amplesso.
L’ennesima tacca scalfita con orgoglio sul bastone del don giovanni o dell’alpinista.
La marchetta lubrica e scandalosa della meretrice del terzo piano.
“Tutti i muscoli del corpo pronti per l’accoppiamento”.
Il timbrino giornaliero sulla tessera punti o fedeltà.
La tua oasi di libertà o la tua gabbia di schiavitù.
Quel che ti fa volare nell’accecante piacere del possesso o che ti sprofonda nell’infimo e inconfessabile gusto della sottomissione. 
Sei scandalo e dai scandalo.
Il mondo ti guarda di nascosto, eccitato e divertito, curioso e scandalizzato, ma lubrico e diabolico, e finge di indignarsi ma ti chiede di continuare, e si prende senza indugio, quasi vergognandosi ma anche orgogliosamente, il suo piacere inconfessabile di santo guardone.

E quando non si fa aspetti il giorno che si fa, e quando si fa lo fai senza domande, come fosse ormai cosa nota e parte della giornata, sempre in equilibrio sul filo del possibile, con l’orologio a scandire i tempi, il sole a darti lo stop, la mattina o il dopo pranzo a darti il via, e poi il mondo che riprende il sopravvento e un inferno di disordine da sistemare in fretta, un umido teatro da riassettare, senza dimenticare il minimo dettaglio di questo spettacolo da giocoliere.
Comandi e imponi e regni o subisci e sei usato e manovrato, in un vortice che sospende il tempo e ti astrae dallo spazio: non sei più lì, potresti essere ovunque, potrebbe accaderti qualunque cosa, non ti curi più degli altri e del mondo di fuori, non esiste più nulla tranne quel che sei e che fai o ti fanno.

Una pausa caffè al bar dello sfizio e del perverso, un giro sull’ottovolante dell’indicibile, una sorsata di abisso, una leccata di caramello, una panna che monta, un muscolo che tende fino a scoppiare e una crema che spruzza, al galoppo senza sella e sei cavallo o sei fantino, ma sempre cavalchi nelle praterie della dimenticanza, ti annulli e riemergi, rinasci da padrone o da schiavo, per essere servito o per servire, fino a quando è ora di riprendere la vita e mollare questi giochi infamanti e dissocianti, con finali repentini e con foga da amanti scoperti, pepe al culo e muscoli tesi, fino al prossimo tuffo in questo mare agitato, lubrico e indecente, in cui sei squalo o pesciolino ma sempre ti dimeni come in gabbia un topolino. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 12 febbraio 2024

Consigli di acchiappanza

Ancora cercate di staccare una bella ragazza (o anche brutta, le bruttine vanno forte, a me piacciono: ehi baby, hai speranze, visto?) con frasi tipo: ma non ci siamo già visti da qualche parte (sì, nei tuoi sogni con la mano amica) oppure ma tuo padre fa il ladro? E perchè? Perché ha rubato due stelle nel cielo per fare i tuoi occhi (mecojoni)?
Vi do alcuni metodi di acchiappanza un poco meno neolitici.
1) “altezza è mezza bellezza”… e anche per l’altra metà sei a postissimo
(da non usare sotto 1,75 altrimenti si rischia; sotto 1,70 è una presa per il sedere)
2) certo che per il mestiere che fai è il colmo… (e, al suo: perchè?:) lasci senza parole… (da usare solo con logopediste fascinosce che si ambisce a ghermire)
3) senti, ho davvero bisogno di un aiuto, ho un amico che vorrebbe chiedere di uscire a una ragazza che adora ma ha paura del suo no, tu cosa mi consigli di dirgli? (E quando lei risponderà: deve dirglielo assolutamente!:) ok, a che ora ti passo a prendere stasera? Alle 8 va bene? (Se invece lei ti risponde: “il tuo amico deve stare zitto e farsi una s*ga”, ce l’hai nel kulo)
4) ehi baby… se tu avessi una gemella io potrei essere il bigamo più felice al mondo! (Eviterei il “baby” con quelle da sguardo incazzoso stile metoomortealpatriarcatol’uteroèmioemelogestiscoio)
5) “se fai l’amore come cammini… vengo a piedi con te!” (Cit.) (eviterei con chi cammina a papera o ha leggera zoppia)
Inoltre porterei sempre la fede al dito (attira le donne come il miele gli orsi, è per via della sindrome dello scaffale vuoto di cui un giorno vi parlerò —-dott. Ottonello, consulente relazionale ed esperto sessuale, ricevo privatamente nel seminterrato di zia un tempo pied-à-terre di zio che ora è morto, 100 euro a seduta, prima lezione di sesso gratis-).
E se ti chiedono: ma sei sposato? Eviterei la classica replica: sì ma siamo in crisi, sì ma ci stiamo lasciando, etc… funziona sempre, è vero, ma stilisticamente è un po’ lisa. Passerei a un “sì, ma mi vuole lasciare, dice che non mi merita e ha sempre sensi di colpa”.
 
 
autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 4 febbraio 2024

So che darete il meglio di voi

Vi daranno la notizia e voi direte: ma dai, l’ho visto un mese fa e stava bene!Oppure: chi??? O: E quanti anni aveva? O ancora: ma davvero? Però…
E due minuti dopo a farvi caffettino e brioscia da nerde quali siete, o a ciulare come cani infoiati, e buonanotte.
Non mi aspetto nulla da voi, perché nulla di buono fate presagire, mi spiace ma dico quel che penso.
Non esiste una sola persona che darebbe la vita per me (esclusa la madre ovvio) e ci sta, ma non esiste nessuno che farebbe un sacrificio più che piccolo per me, e questo è assoluto schifo, il vostro schifo.
Non mi aspetto lacrime, dolore, ricordo imperituro… ahahaha, nemmeno vi ricordate della gente da vivi, figurati da crepatissimi! Tempo due minuti e son mai esistito!
Del resto cazzomene di essere ricordato, pianto o rimpianto una volta passato di là: finisco nel nulla e vedo nulla, chissene. Ma è per chiacchierare: so che darete il meglio del peggio che siete, lo so perché vi conosco. La cosa mi fa un po’ schifo ma ci son preparato, sarà disgustato ma non sorpreso.
 
 
autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 29 gennaio 2024

Due idee grandiose

Da grande vorrei fare l’inventore.
Del resto al punto in cui sono per continuare a mangiare devo pur… inventarmi qualcosa.

Ho sempre ammirato chi ha migliorato la vita degli esseri umani con il frutto purissimo del proprio ingegno cristallino: pensate solo a quali grandi invenzioni siano state il telecomando senza fili per la tv  (Robert Adler) e la minigonna (Mary Quant)!

Oggi in particolare mi concentrerei per trovare la soluzione a due problemi che mi angustiano la vita e mi costringono poi a farmi di Cynar, il noto amaro che opera contro il logorio della vita moderna, come era uso dire il grande Calindri.

La prima invenzione ha a che fare con la cartoleria. Parlo delle graffettatrici o pinzatrici. E’ una scocciatura insopportabile quella di provare a graffettare e sparare a vuoto perché sono finiti i punti, da una recente statistica è emerso che si tratta di un evento in grado di aumentare lo stress degli impiegati ed è il responsabile di almeno il 7% di tutti i delitti avvenuti in ambito lavorativo nel secolo scorso. Inventerei dunque la graffettatrice che con un led luminoso a energia atomica avvisa l’utilizzatore quando siamo a 5-6 punti di metallo dalla fine, di modo che possa provvedere a ricaricare lo strumento senza soffire le atroci conseguenze del penoso shock appena descritto. Non mi piace volare ma per ritirare il Nobel farei un’eccezione.

La seconda è un chip che impiantato obbligatoriamente sottopelle a ciascun adulto over 20 renderebbe inevitabilmente visibili sulla fronte di ciascuno, a vantaggio degli altri, alcuni dati essenziali sulla persona: stato civile (sposato, divorziato, single, mortodifiga), partito per cui si è votato alle ultime elezioni, elenco dei primi dieci oggetti che nella vita ci si è sparati su per il sedere. Questo faciliterebbe le relazioni sociali e fornirebbe una fonte di intrattenimento gratuita durate le lunghe attese alle Poste o alla Asl.

Lo so, sembro un idiota, ma è tipico dei geni: genio e sregolatezza. autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

giovedì 25 gennaio 2024

Ciao, carissimo!


I social mi stanno un po’ stancando. Tiktok è per gente con problemi. Twitter era ottimo ma poi è arrivato Musk, adesso son quattro gatti e il pepe non c’è più. Instagram è pura vacuità. Facebook era quello in cui si poteva comunicare di più, ma negli ultimi anni è stato abbandonato da tanti, è da sempre snobbato dai giovani (quelli che hanno gusti musicali di nerda) e ormai la gente è sempre più assente o inerte, dopo tre righe passa oltre: la vita è stressante, i neuroni pochi e stanchi. Youtube forse sta tornando in auge, non saprei, ma i fasti di un tempo se li scorda. 
Il blog è un bello strumento, ma ormai se uno fa qualcosa va sui social. Pubblicare un libro per i contemporanei è come cercare di svuotare l’oceano con un secchiello: non avete idea di quanti libri escono in un mese, nessuno li legge, salvo rare eccezioni (quelle in cui l’autore è famoso e vende, anche se scrive minchiate). Potrebbe aver senso pubblicare un futuro classico: sarebbe odiato dalle generazioni successive e dagli studenti, ma almeno qualche lettore l’avrebbe. Vedrò cosa posso fare.

Continuare a scrivere qui mi dà l’illusione della presenza e della partecipazione di gente che perlopiù è invece indifferente; e non parlo dei like, a quelli non ho mai badato. Ma anche le illusioni alla lunga hanno l’affanno.

Non si comunica più. Io ormai saluto solo, con affetto intendiamoci (Carissimo! Ciao! Come stai? Tutto bene? Quant’è, eh?), ma è tutto. Se parli di qualcosa quell’altro già sta pensando ai casi suoi ma annuisce cortese: non gli frega nulla. Se ti chiede come stai? Rispondi “bene”, per carità, altrimenti poi è costretto a chiederti e come mai? E tu devi parlare di te, e lui manco ti ascolta. A volte neppure ti chiede “come mai”? Manco si ricorda il tuo nome, vuoi scommettere? A volte nemmeno annuisce, ti sta davanti come se fosse in coma e poi dice; ah sì, eh? Ti capisco, ora ti devo lasciare, ciao. Se è pronto appena ti vede da lontano cambia marciapiede o strada: io me ne accorgo, cari bipedi grigi e spenti, ma faccio finta di non vedere, mi fate pena. Saluto gente con la quale avrò scambiato dieci parole in dieci anni (saluti esclusi). Sembra che abbiamo tante conoscenze invece non abbiamo per amico manco un cane e se ce l’abbiamo sai che soddisfazione: il cane è fedele per definizione, anche il cane del baffetto tedesco era fedele al suo padrone nonostante fosse un verme schifoso, nella fedeltà del cane non c’è giudizio di merito né scelta, solo devozione per istinto. 

L’uomo nasce animale sociale, adesso è solo un animale. Non facciamo nemmeno più finta: ognuno pensa a sé, alla fine conta solo l’individuo, gli altri limitatamente alla misura in cui possono essere utili. Anche le storie d’amore, se togli quelle fresche di conio, quelle che vanno avanti per abitudine/convenienza e qualche raro caso fortunato, sono ormai solo o storie di sesso spesso non esclusivo o rapporti bianchi o separazioni di fatto. 

Se riesci ad astrarti e a guardare il quadro da fuori, hai un’immagine desolante del tutto. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

mercoledì 24 gennaio 2024

Amico è… ?

AMICO E’…?*

Ho pochissimi amici (li ho?), però ancora non ho trovato una definizione di amico che sia al contempo sensata e realistica. Ma non so che termine usare e allora uso quello, per farmi capire.

Ho standard troppo alti? Se lo dico sembro superbo, evito. La storia mi giudicherà, non io, ho altro a cui pensare. E poi mica faccio selezione. E chi seleziono? Il signor Nessuno e la signora Non C’è?
Sarà perché sono pesante? No, escludo 100%. Pesante mi trova chi ha gusti pessimi (non è arroganza o immodestia, è che è vero. Se son bravo a tirare i penalty e lo dico non sono superbo, son bravo a calciarli, è diverso).
Poco estroverso? Può essere, ma specialmente fino ai 30. Tuttavia adesso non sono un animatore, anche se non mi chiudo nel bunker.

Ma poi sono amici, quei pochi? In che senso? E io? Lo sono? Magari non per come loro vedono la questione.
Comunque da quando li vedo ogni tot anni ci vado molto d’accordo, questo è un vantaggio.

Il mio è un grido di aiuto? No. Un rimpianto? Forse. Una constatazione amara? Sì. Più che altro son confuso: a vent’anni non pensavo sarebbe andata così. Non sapevo come sarebbe finita, ma questo quadro lo avrei trovato strano e improbabile.

Troppi non ne vorrei, devo dire la verità. Del resto la parola troppi indica già un eccesso. Ma almeno capire la definizione mi piacerebbe, che diamine.
Oggi comunque l’amicizia non si coltiva più. Le lettere non sono più attuali. I whatsapp ok ma è un’altra cosa. Le telefonate, guai! Prima devi preannunciarti su whatsapp. Vedersi è facoltativo. 
Un tempo due amici si facevano un bicchierino e due discorsi, adesso questo gusto non c’è più.
Oggi trovo difficoltà enormi a coltivare un rapporto, nessuno fa sponda, è disarmante. Anche dopo anni non si fa breccia.

Se poi sei amico di una donna e questa è sposata, cancellala pure. Se sei amico di un uomo è questo è sposato, molte volte lo stesso.
Certo, l’istinto sessuale complica, ma quello è sempre esistito e non ha mai impedito le amicizie. I greci, ricordiamolo, avevano rapporti di ogni tipo anche coi maschi (giovani). L’istinto sessuale è parte di noi, non gli attribuirei troppe responsabilità. E’ che mancate di coraggio e di autonomia. Non siete padroni delle vostre vite. Un amico lo si butta via, se trovi altro. E’ questo l’andazzo. Del resto chi non si stufa di un gioco o di un gadget o di un luogo di villeggiatura, dopo anni e anni?

Alla fine il matrimonio forse qualche colpa ce l’ha, più che il sesso.
Ecco, se fosse per questo, non mi sarei dovuto sposare, perché in questo mondo, se ti sposi, con gli amici è finita, ad eccezione dei single, dei divorziati o di quelli (pochi) che interpretano il matrimonio nel modo giusto. Con le amiche stessa roba e pure peggio, le vecchie le perdi, di nuove non te ne fai: ci sono le convenienze.
Da non sposato gestisci meglio. Lo so che non ha senso, lo dico anche io. Ma così è.
La pandemia le cose non le ha migliorate, ma insomma: il problema è più antico.

Ma si fa per parlare, eh. 
Non avevo voglia stasera di parlare dell’Inter (mica sono bianconero) o di quel fenomeno del Ganassa che rappresenta un esempio per tutti: se ce l’ha fatta lui…

Un amico forse è quello che non cambia mai nei tuoi confronti e di cui non si avverte il peso: fra tutte le definizioni anche questa è parzialissima e forse assurda, ma non la trovo bruttissima. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Sugli “altri”, che non sono noi: e questo resta un gran difetto.

A volte ho l’impressione che gli altri ce l’abbiano su con me. Magari del tutto improvvisamente e, a mio modo di vedere, senza uno straccio di motivo. Ma naturalmente potrei sbagliarmi. Ad innescare questa mia sensazione può essere una risposta non data o data veloce, una carenza di attenzione, una mancanza di tatto.

Al riguardo individuerei tre possibili spiegazioni:
1) ce l’hanno su con me, senza ragione, perché sono umorali o interpretano le cose a cacchio;
2) non ce l’hanno su con me, semplicemente vanno di fretta, pensano ad altro, io per loro conto poco di più dell’ombrello durante un periodo anticiclonico, e quindi la loro fretta e noncuranza viene da me interpretata per astio, e invece è solo che non frega loro granché di me, insomma, non è rabbia ma solo sana indifferenza (ehi, che fortuna!);
3) nulla di tutto questo è vero e io ho un piccolo ma robusto complesso di persecuzione.

Fondamentalmente (che avverbione, eh: non vuol dire nulla ma iniziarci un periodo fa scena) il problema degli altri è che sono altro da noi. Se fossero noi, avremmo pochi problemi (no, non nessuno, perché ne abbiamo pure con noi stessi, pensateci). Il fatto che siano altro da noi complica le cose in maniera esponenziale. Ma questo è irrisolvibile, gli altri sono gli altri e noi siamo noi, anche se un trio sanremese provò a farci credere che non è così.

(Ogni tanto metto uno spazio per facilitare la lettura e anche perché ancora non costa nulla)

Penso che un elemento che intorbida le acque nel mio stagno sia che io do ai rapporti personali un’importanza maggiore di quello che la media delle persone è abituata a dare. E questo accade un po’ per dna/indole un po’ per educazione/abitudine. La vita è una, è breve e finisce senza preavviso, a volte anche presto o sul più bello (tipo quando stai per condurre in porto da vittorioso una finale di coppa). Nessuno ha mai letto il libretto di istruzioni e nessuno ha mai visto il libretto di garanzia: sa tanto di prodotto di dubbia provenienza, tendenzialmente taroccato, una di quelle cose che faresti meglio a non acquistare, specie online: il punto è che non la acquisti, te la ritrovi di botto e due secondi dopo un’ostetrica cattiva ti sculaccia e ti pulisce da strati di roba tipo muco con un asciugamano.

Essendo quindi la vita un articolo di natura incerta, dall’uso dubbio e potenzialmente una gran fregatura, tendo a non avere molti rapporti ma a non gestire quelli che ho come se fossero i calzini poco prima di finire in lavatrice (addio). E quindi mi scontro con persone che invece, a volte, ti trattano come se fossi un oggetto o anche meno. Io considero sempre una persona, anche la peggiore, più importante di qualsiasi oggetto (potrei fare un’eccezione per l’adrenalina se fossi nel pieno di uno shock anafilattico) e questa, a ben vedere, è la mia rovina, perché dà la stura a una serie di inevitabili, continue piccole e grandi delusioni.

Dovremmo allora fare a meno di questi “altri”? Forse sì, ma è impossibile, ecco quindi che occore sceglierli meglio, forse. Ma anche questa è una vana pretesa: faremo sempre errori, gli altri sono mutevoli, imprevedibili, traditori, come spesso, occorre ammetterlo, siamo noi: d’altra parte, io sono io ma per te sono un altro, la fregatura sta proprio qui.  

Alla fine, penso che occorra rassegarsi: del resto che si tratta di un prodotto di cui sconsiglierei l’acquisto l’ho già detto, vero? 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

martedì 23 gennaio 2024

Gli altri sono una bella rogna

Gli altri ti cercano quando hanno bisogno di te.
O di una cosa che puoi fare per loro, o per avere un po’ di compagnia quando sono soli. E tu ci stai, perché mica ci pensi sul momento.

Fin qui non ci sarebbe nulla di male, o almeno non troppo, non fosse che, quando stanno bene, hanno tutto, amano e sono amati o gli affari filano lisci, generalmente non ti cercano.
Ameno che tu non sia una persona che, per il tuo ruolo o status possa aiutarli indirettamente o indirettamente a migliorare la loro già luminosa esistenza.

Il caso tipico è quello dell’amico single: ti cerca, è sempre libero e propone cose. Appena ha la tipa, sparisce. Ma se si lasciano, viene a piangere sulla tua spalla.

Un caso da studiare sono poi quelli che si sposano e cessano di esistere come entità singole: fanno tutto in due, nessuno dei due ha più una sua vita, le amicizie non contano più, tranne alcune ma rigorosamente trasformate in frequentazione di coppia, mocciosi al seguito. E non si esce mai da soli né di giorno né (mamma santissima) la sera. Rapporti così, a parte qualche eccezione, sono destinati a finire oppure a trascinarsi.

A questo punto voi penserete: perché, tu cosa fai?
Io, per carattere, cerco poco sempre perché non voglio “disturbare”: son genovese e son così per carattere e per educazione. Ma il matrimonio o il fidanzamento (fatta eccezione per i primi due mesi, ok) non cambiano il mio modo di vivere, non butto a mare chi conoscevo prima, chi si sposa deve mantenere una sua vita. Certo è che, cercando già poco di mio, non appena noto un minimo raffreddamento mi fermo e non faccio nulla. Inseguire non è nelle mie corde, in questo campo le cose imposte sono squallide, false ed effimere. Io non impongo la mia straordinaria presenza.

Alla fine è difficile, da fuori, attribuire responsabilità nei casi in cui un’amicizia si appanna così, senza ragione, per inerzia. Ma sapendo io di non esser cambiato, per me è facile sapere chi ha colpa e chi no. Certo, posso sembrare anch’io sfuggente, ma solo per reazione: una differenza non facile da cogliere, dall’esterno, ma decisiva.

Il punto è che ai rapporti umani dovremmo dare poca importanza: sono essenziali, perché siamo animali sociali, ma sono molto spesso viziati dall’interesse e bacati dall’abitudine. Dovremmo sempre ricordarci che nessuno è per sempre. E’ durissima farsene una ragione e vivere avendo metabolizzato questa verità, ma l’alternativa è passare di delusione in delusione. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

venerdì 19 gennaio 2024

Segnatevelo, così mi evitate ulteriori scartavetrate alle gonadi

L’avrò detto centinaia di volte dai ‘70 a oggi, a centinaia di persone, per lo più amici o conoscenti o semplici tifosi; detto e scritto. Mi sarei pure un pochino stufato.

Se non vi è giustizia, se il regolamento vale solo per qualcuno, se si possono truccare i bilanci e farla franca, se ci si possono attribuire anche gli scudetti rubati, se la legge è uguale per tutti ma per qualcuno è più uguale che per altri, se ad alcuni il regolamento si applica alla lettera e ad altri usando il “buon senso”, se si è di continuo vittima non di errori (comprensibilissimi) ma di vere e proprie porcate inspiegabili (quindi in malafede), non ha senso parlare di come si è giocato, degli infortuni, della sfortuna, dei limiti tecnici e tattici della rosa, degli investimenti, delle scelte di mercato, dell’allenatore e delle sue strategie. Non ha senso non perché siano irrilevanti, ma perché senza la premssa il resto non conta nulla. 
Ve lo volete ficc -are in testa?

Non solo sono due temi del tutto separati (e quindi chi per esempio dice: ok l’arbitro ci ha danneggiato in maniera inspiegabile però noi abbiamo giocato male, oppure ok non era rosso però siamo stati ingenui etc. sbaglia grossolanamente) ma sono pure uno propedeutico all’altro: se non vi è correttezza di fondo nella direzione di una gara, se il gioco non è pulito, tutto il resto perde senso.

Se il gioco non è pulito, non è un gioco. E’ uno sporco affare.

Se a un tavolo da poker uno o due giocatori barano, non conta quanto io sia lucido, abile, fortunato; non ha senso rammaricarmi per gli errori che ho fatto, non ha proprio senso. Prima viene la correttezza: le regole devono essere chiare e valide per tutti. Poi il resto. Senza il primo punto, parlare del secondo è da stupidi.

Adesso ricominciate, eh. 


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Un sistema marcio nel profondo

Se io avessi i fondi e decidessi di investire nel calcio non lo farei mai in Italia. Qui il sistema è marcio nel profondo, governato da decenni dalle stesse facce, gestito malissimo. Non pensa al futuro, non investe sui giovani, ha strutture fatiscenti, non rispetta la tradizione nè lo spirito del calcio, calpesta i valori sportivi, non condanna chi sgarra, accarezza i potenti e vessa i deboli. Gli arbitri sono poco capaci o senza personalità e la loro carriera dipende da quanto accontentano chi comanda: quindi inutile aspettarsi trasparenza o arbitraggi sereni e corretti. I regolamenti sono due. Il gioco è, di fatto, truccato. In A attualmente abbiamo società che si sono macchiate di reati gravissimi e non hanno pagato per la loro colpa. Ogni domenica assistiamo a decisioni sconcertanti. I media sono del tutto inaffidabili o venduti al potente di turno. I giornalisti sono, nella media, di scarsa qualità. Nessuno sa più di calcio, al massimo incontri qualcuno che ricorda albi d’oro e statistiche. I calciatori sono mocciosi viziati che pensano solo ai milioni. I procuratori guadagnano decine di milioni sul nulla (avete presente gli influencer) e hanno un potere immenso: sono uno dei cancri di questo sport. Inoltre chi dovrebbe occuparsi dell’ordine pubblico non fa quel che dovrebbe. Tutto è studiato per allontanare le persone dagli stadi e costringerle a guardare i match su piattaforme inadeguate. Tutto è studiato per dar da mangiare ai soliti noti, gli squali che affossano questo gioco e che pensano solo ai quattrini; agli altri, quelli che praticano un gioco e non un business, restano solo le briciole.
Hanno ucciso la poesia di questo sport. 
Investirei in Inghilterra.
Manfredi e Raddrizzani, ve lo dico contro il mio interesse: pensateci bene prima di impegnarvi troppo. Ci avete salvato, ma come vi sarete resi conto questo non è più un gioco.
#Sampdoria #VivaLoSportPulito 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

giovedì 18 gennaio 2024

Scusa se non la penso come te e nemmeno mi scuso

*SCUSATE SE QUANDO DISCUTO CON VOI (ARGOMENTANDO CON CIVILTA’) E RITENGO DI AVERE RAGIONE NON MI METTO IN GINOCCHIO E NON CAMBIO PUNTO DI VISTA ADOTTANDO IL VOSTRO E SCUSANDOMI PER L’ACCADUTO!*

Negli anni mi hanno tolto l’amicizia alcune persone, sulle varie piattaforme che ho frequentato. Non molte, ma non due. Io non l’ho mai tolta a nessuno. Ho solo bloccato, e poche volte (tattica che faccio da poco tempo, peraltro) chi, sconosciuto, era secondo me in odore di segnalarmi solo per vendetta, dopo una discussione da parte mia civile e da parte sua sopra le righe: si chiama prevenzione, e lo scopo è evitare meschini atti inconsulti da parte di tizi agitati e con qualche problemuccio.

Uno (che conoscevo pure di persona, sia pure vagamente) me la tolse perché contestavo fortemente la sua idolatria per il maiale pelato che ha devastato l’Italia nel ventennio (sarebbe pure reato, oltre che minchioneria). Un altro, il “corifeo”, perché “osavo” scrivere commenti sotto ai suoi post, a volte, e a pensarla diversamente da lui (diceva che era la sua pagina Facebook -il che è falso, è di Facebook- e non si rendeva conto che è lecito eccome scrivere sotto i post pubblicati “a tutti” o, se sei amico di social, nella modalità “amici”). Un altro, addirittura ex compagno di classe, perché esprimevo nei commenti ai suoi post idee (politiche) opposte alle sue, e si diceva pure di sinistra, ehehehe. Naturalmente lo facevo come lo faccio ora, sempre con garbo, senza offedere personalmente e senza violare netiquette o leggi, magari solo mantenendo il punto con insistenza, questo sì, ma uno deve cambiare idea per compiacere un altro? E da quando? E poi ci sono stati altri casi, ma sempre piuttosto “classici”.

Ma stasera si è verificato un caso unico. 
Una persona che mi chiese l’amicizia anni fa annuncia di volermela togliere dopo una discussione (civile da entrambe le parti, non ricordo la minima offesa) su un caso di cronaca sul quale io ho ragione e lei torto (ma questo non importa, sarebbe lo stesso se avessi torto io): non ha saputo citare nemmeno i punti in cui i due accusati, da lei e da qualche altro, si intende, avrebbero violato la legge o sparso odi0, e il motivo è che non esistono. E poi il caso è chiaro, i fatti cristallini, anche troppo. 
Ma al di là del caso specifico (ripeto: decidere chi ha ragione è ininfluente ai fini di quel che sto raccontando) la cosa stupefacente è che l’amicizia mi viene tolta affermando tranquillamente che la ragione è che io “difendo l’indifendibile”. 
Cioè (sì, avete letto bene) mi si banna perché sostengo il mio punto di vista (che fra l’altro è anche quello dei pochi giornalisti che ragionano, sia detto en passant) senza cambiarlo, e lo faccio, si badi, argomentando a fondo, senza mai offendere e senza citare inesattezze o falsità, ma solo fatti. La cosa è incredibile! Un po’ come se un dittatore ti dicesse: ti mando al confino perché sostieni cose diverse dalle mie e perché mi stai antipatico assai. Sarebbe davvero incredibile. Invece in genere dicono ti confino perché sei un pericolo per la sicurezza nazionale, perché sei un nemico della nazione, perché sei una spia, etc: cioè si cerca almeno di salvare la faccia e di non far vedere che si censura solo perché non piacciono le idee dell’altro. 

Essere bannati e sentirsi dire che la ragione è che difendo (magari con insistenza, ok, ma difendere blandamente è non crederci, e allora tanto vale giocare a ramino con uno spaventapasseri) un punto di vista è bellissimo.

Vuol dire non aver capito che se stai su un social e pubblichi post non in modalità “solo io” devi accettare il confronto. Bannare un tizio perché difende un punto di vista per te indifendibile è addirittura meraviglioso. Che dite, non è quasi una medaglia?

Non ha detto che mi cancella perché offendo, o perché mento, o perché riporto citazioni false, o perché tarocco le recensioni (…), il che sarebbe falso, ma perché difendo il mio punto di vista e magari, aggiungo io, lo faccio con forza e non accenno a voler cambiare idea. Fantastico!

Poi, per rimpolpare una pietanza un po’ leggera, aggiunge (5 minuti dopo!) qualcos’altro, perché forse la ragione le appariva deboluccia (io invece la trovo massiccia, oltre che meravigliosa, ve l’ho detto) e dice che sulla pagina di Piovontrton sarò pure simpatico -mi ha conosciuto lì mesi e mesi fa (grazie 🙂) ma per il resto, sulla mia pagina Facebook (che legge, dunque, e di questo la ringrazio sinceramente) sono “piuttosto pesante”.  Ok. Ti banno perché non la pensi come me e insisti a pensarla come vuoi tu e anche se argomenti mi dai noia perché per me hai torto e argomenti l’indifendibile, e poi detto fra noi sei pure pesante e quando cammini sul pavimento si sente il rumore da sotto e vesti sempre con colori mal abbinati. 

Meraviglioso!!!

News 01:30:
Adesso parla di querela, cioè vorrebbe querelarmi perché ho detto che forse stasera è poco lucida una persona che dice di bannarmi perché sostengo il mio punto di vista. Ed è la stessa persona che poco prima mi ha definito “pesante” e ha pure lasciato capire che sono intellettualmente disonesto (darei ragione a X solo perché mi piace o mi sta simpatico, così ha detto!): ragazzi, ditemi cosa devo fare, devo querelare pure io? Ahahahahaha. Negli anni mi hannno detto cose gravi, mica ‘ste boiate. Uno mi disse pure che mi avrebbe aspettato nel parcheggio grande fuori dalla stazione e io non ho mai capito di quale stazione parlasse. 
Mi ricorda quella famosissima cantante che su Twitter mi disse che mi avrebbe denunciato alla postale perché avevo definito un suo tweet raxxista. La querela che scatta in automatico. Nota cautelativa per il giudice: per “poco lucida” intendevo opaca e la colpa era mia, non mi sono espresso bene perché avevo bevuto due cynar belli pieni (vero) e non mi ero accorto che avevo alitato sul mio tablet e in effetti non vedevo più bene, cioè non vedevo più lucidamente, i miei e suoi post, ecco spiegato l’inghippo; poi ho passato lo straccetto e tutto si è sistemato, ho trovato allora molto logico, dopo aver passato lo straccio, che uno ti banni perché la pensi in maniera diversa dalla sua. Basta come scusa o devo anche prendere i ceci e inginocchiarmici su?

News 01:46
Mi ha tolto la facoltà di commentare i suoi post. Quindi non mi esclude dagli amici, mi tiene lì insieme agli altri, ma con una museruola sulla bo —cca. Penso che il Nobel per il Confronto Civile e Democratico non possa ormai più sottrarglielo nessuno, da qui a fine 2024, e già mi complimento con lei per la superba vittoria!
Che senso ha tenere uno fra gli amici se non può commentare? E’ una punizione, lui ti legge ma porcaccia la miseria non può replicare e quindi tutti penseranno eh ma se Mauro non replica allora vuol dire che ha riconosciuto che ha ragione lei e lui ha torto!!! Ehehehehehe.
Molto astuta, come no…. 
Anche questo non è meraviglioso?
E poi ha offeso un terzo (quella sì che assomiglia a un’offesa, non le altre) e lo ha ribadito, ma non teme le querele che minaccia qui e là.
Il tutto è bellissimo.
La museruola è un poco stretta ma carina (è fucsia e io adoro il fucsia) e poi io parlo con gli occhi, anche, e grugnisco, e certi miei silenzi poi dicon più delle parole a volte, farò capire lo stesso che non sono d’accordo, il mio punto di vista mi sopravviverà, ho l’impressione che l’unica sia abbandonarmi in auto -stra -da, la museruola non basta.
Ehi, vedi Mauro, non replica più, quel tuo amico di Facebook si è convinto finalmente, ha messo la testa a posto quel peNsante che non è altro? Ah no, “pesante”, scusate.

News 01:57
Yup! E’ venuta a commentare un mio post (lei può farlo, io no, ecco perché io non speranze di vincere quel Nobel di cui dicevo poc’anzi, sigh) per consigliarmi (affettuosamnete, si capisce) una perizia alla testa! Quasi quasi appena becco l’offerta vado subito (del tipo due elettro —sciocc  al prezzo di uno). 
——


*ADESSO SONO FERITO*

La cosa che mi dà più fastidio non è essere bannato (figurarsi) o che mi si tolga l’amicizia per ragioni inesistenti (e vabbè) o che mi si minacci querela per niente (quando poi chi la minaccia ha detto cose poco carine su di me e io manco mi ero accorto, per dire). Né che altri la pensino diversamente da me sul caso Biagiarelli o su altri casi: so di aver ragione, ma non perché sono un genio, solo perché è un caso facilissimo, davvero, uno dei più facili che abbia mai trattato qui.

La cosa che mi dà fastidio (ma che è stata aggiunta però ben cinque minuti dopo l’originario post di abbandono, quasi a mo’ di rimpolpo) è che io sarei “pesante” nella mia pagina Facebook. Qui si lede la mia vanità di scrittore e il vulnus è notevole!!! E che lo faccia una persona che spesso ha detto di trovarmi divertente e di leggermi con piacere, o anche “simpatico”, peggiora le cose. Adesso sono in crisi.

Naturalmente scherzo, so bene che ce l’ha con me perché difendo il mio punto di vista e allora cerca di ferirmi, ma non importa. Il fatto è che io tengo all’opinione di chi mi legge.

Il pesante vi saluta con affetto.

(Ps: che sia un refuso e abbia voluto scrivere “pensante”? Lo escludo ma l’idea mi solletica!)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 14 gennaio 2024

Mi guardo vivere


Sto osservando la mia vita, mica la sto vivendo.

Cioè, non fraintendetemi: butto dentro ossigeno, muovo gli occhi, mangio, parlo, cammino, dormo, faccio cose, vedo gente, leggo, scrivo, faccio battute, guardo le gambe, i kuli e le tette, mi sporco e poi mi lavo e poi mi sporco di nuovo, entro in musei, mi fermo al rosso, disprezzo il disprezzabile, faccio la spesa, mi sistemo le mutande, parcheggio, od- I0 tutto e tutti, scarto i ciccolatini, non sc*p* (mi son sposato apposta, ero stufo del sesso): chiunque la definirebbe vita, questa accozzaglia di attività, e mi chiederebbe: e quindi cosa minchia hai scritto alla prima riga?
Devo chiarire.

Certo che vivo, se intendete quelle cose, ma è un fatto meccanico, che non sento mio: in realtà lo faccio come se lo facesse un altro, e nel frattempo, sotto sotto, di nascosto, mi guardo.
E non è un bello spettacolo.
Mi accorgo di questo, osservandomi vivere: una cosa di cui voi non vi accorgete, perché voi vivete, mica vi guardate vivere.
E’ uno spettacolo triste, a volte meschino, sempre piuttosto desolante. Non bastano pochi flash a illuminarne le lunghe e fonde ombre.

Inoltre, così facendo, vedo con più chiarezza anche voi, perché non sono sul palco con voi impegnato a recitare la mia parte del caxxo, ma sono sulla poltroncina, mi vedete? No? Ma come… guardate meglio, sono in decima fila, all’estrema sinistra, quello con gli occhiali e la mano sul bracciolo.

Voi avete sogni, desideri, obiettivi; fate programmi; vi disperate se qualcosa non va come avevate previsto, stappate una bottiglia se invece imbroccate qualcosa. Io no. Ve l’ho detto, è un fatto meccanico, come se non ne potessi fare a meno, come se fosse il movimento del Sole nel cielo, che non puoi comandare, ma solo osservare.

Questo non mi aiuta a vivere, anzi complica maledettamente le cose. Ti fa vedere meglio cos’è questa roba che chiamiamo vita e interazione sociale, certo, e questo è positivo, alzi il velo che offusca la vista degli altri; ma ti fa capire cose che è necessario non capire, anzi, nemmeno sapere che esistono, se si vuole provare a vivere senza la sofferenza del singolo giorno e della orribile notte che lo unisce al successivo.

Apparentemente, noi che ci guardiamo vivere (non sono certo il solo, ma siamo in pochi), siamo come gli altri; forse sembriamo un poco strani, a volte, ma è tutto. Molti direbbero anche che siamo felici, tanto per farvi capire quanto siete incapaci. E invece non lo siamo, su di noi pesa di più la vita, ci schiaccia con più forza e più gusto, perché qualcosa di più abbiamo capito, e quindi molte salvifiche illusioni ci sono precluse.

Non potete riconoscerci, né aiutarci. Alla fine, siamo tutti sulla stessa barca, solo che voi non lo sapete. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 1 gennaio 2024

Amore fra sconosciuti

Se Luisa si innamora di me non ama me. 
Ama il me che a lei sembra che io sia. 
E’ normale, dai, senza dover scomodare Pirandello.
Io non so come è il me che fa girar la testa e strizzare le ovaie a Luisa, posso solo a volte intuire qualcosa di vago dalle sue reazioni.
So però che non è il vero me, che conosco (non del tutto, sia chiaro) io.
E non è neppure il me che vede in me l’edicolante o la mamma o il padrone.
Fin qui mi pare tutto chiaro.
Allora è anche difficile agire in modo che Luisa continui ad amarmi (lasciamo perdere quelle condotte che sempre tengono vivo l’amore, tipo lusso e agio), posso solo andare a intuito. E se poi penso che quella che amo non è la Luisa in sé ma la Luisa per me, il discorso si fa ingarbugliato.
In pratica io non amo Luisa e Luisa me, ma entrambi amiamo degli sconosciuti a noi stessi. Sono loro che si amano, non noi.
Quindi quando un amore finisce (sempre, ammesso poi che fosse davvero iniziato e non fosse solo infatuazione o interesse economico) non finisce per noi ma per quei due sconosciuti: non so se questo possa consolare.
Ecco però che diventa più facile, forse, capire che un amore finisce sempre senza una vera ragione perché è così che inizia.
Buon anno, eh.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

martedì 7 novembre 2023

Appena so, vi dico


Quanti anni può un essere umano condurre una vita che non lo soddisfa se non in minima parte?

Escludiamo ovviamente il caso dei poveri individui che sono gravemente ammalati o coinvolti in guerre o che sono perseguitati, che vivono in contesti sociopolitici instabili o deteriorati o che rischiano di morire di fame, parliamo di individui che non hanno di questi problemi ma possono avere alcuni o molti di tutti gli altri.

E concentriamoci sul caso più difficile, quello di una persona che non sa, se non per sommi capi, come vorrebbe che andasse la sua vita, altrimenti sarebbe più facile: io voglio vivere in Canada e fare il guardaboschi e invece sto facendo il gelataio part time sottopagato a Rieti; posso sempre prendere il coraggio a due mani e partire.

Tralasciando come detto questi casi di chiare ambizioni non soddisfatte (non ancora), magari strampalate ma legittime, affrontiamo il caso più frequente: quello di chi ha un’idea vaga di quel che vorrebbe e di quel che non vorrebbe, e si trova a vivere proprio come non vorrebbe o comunque in un modo amorfo, che subisce per inerzia e rassegnazione.
Sono le situazioni più difficili e che è più difficile cambiare.
Anche perché il gelataio di Rieti può fare quel che sappiamo se non ha legami di nessun tipo con Rieti, in caso contrario è più arduo prendere il famoso coraggio a due mani.

Quanti anni, dicevamo. Ah, saperlo. 
Appena lo appuro, vi dico, non dubitate. 

(La casa del guardaboschi, Klimt, 1912)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 6 novembre 2023

I sogni nei periodi difficili

Nei periodi difficili si fanno sogni brutti, disturbanti, molesti, dannosi.

Non quanto ti capita una tragedia o la tua vita affronta un momento critico o impegnativo: durante non succede quasi mai di fare brutti sogni, semmai si dorme male o non si dorme, in quel caso i sogni si fanno nei mesi e negli anni a venire (la morte di un parente, per esempio, o banalmente l’esame di maturità: quelle notti le dormivi o le passavi a studiare, o le dormivi male e poco, ma i sogni sopra son venuti anni dopo e ci sono tuttora; come il ricordo dei defunti, anche se l’esame è certamente poca cosa se paragonata a un decesso, sebbene sia non poco impattante).

Nei periodi difficili invece, quelli in cui ti infili come in un imbuto che piano piano si stringe, i sogni nascono e crescono e rendono il sonno inquieto, poco ristoratore, e i risvegli allucinanti o opachi: la realtà fatica, la mattina, a cacciarne via la venefica ombra che vorrebbe allungarsi anche su parte della veglia.

In questi sogni accadono le cose più spiacevoli, quelle che inconsciamente o consapevolmente hai sempre temuto. Saltano fuori amici e parenti che non vedi da anni, situazioni passate, a volte stravolte, il tutto in una miscela impazzita ma, illogicamente, logica.

In questi periodi in cui la vita è dura, il presente carico di ansia e i pensieri sul futuro insopportabili, anche il sonno ti viene a mancare, il sonno che riposa e ristora, che rigenera.
Non hai tregua né di notte né di giorno, anche se di giorno spesso le incombenze quotidiane o la multiforme realtà ti distolgono almeno parzialmente da alcuni pensieri fissi.

Sei come un topo che si sta addentrando in una trappola, già la pre-sente ma non può che avanzare. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 4 novembre 2023

Meteo boys





Fino a due anni fa la gggente, al massimo, parlando di nuvole, ti diceva: ehi, “guarda come sono nere nere, adesso viene giù di tutto”. Oppure “aho, nun ce sta ‘na nuvola”. O ancora: “guarda quella, pare un elefante. E quella? Uguale uguale a un caz...”, ehm. Oltre al classico: “l’ha detto Bernacca”.
Adesso invece so’ tutti esperti. Tutti a parlare de nuvole a mensola, a baldacchino, a lasagna, a nido di rondine, a pene di criceto. E vai di duanbast, masse d’aria, raffica lineare, linea precipitativa, radar, fronte freddo, prefrontale, vusceped e balle varie. E se per caso te scappa detto tromba d’aria pare che hai detto ‘na parolaccia, se poi scrivi bomba d’acqua invece di nubifracico sei socialmente finito.
All’improvviso gente che prima apriva la finestra e diceva “va a piovere” disquisisce di minimi depressionari, cicloni e anticicloni, ostro, libeccio, prezzemolo e finocchio.
Ok, mi sta bene. Se uno studia e sa lo rispetto. Io non so un beato caxxo e difatti quando minaccia pioggia aggiorno il testamento, prego tutti gli dei esistenti, da Shiva a Ganesha, da Thor a Odino, da Persefone a Yahweh, senza far distinzione (credo in tutti) e poi mi rinchiudo in un bunker ordinato su Amazon (modello Armageddon) con scorte di cibo per due mesi.
Ma evitate di scassare le sacche scrotali con previsioni scatta-csanacs e di dirci ogni tre per due quanto è bello beccarsi sul muso un temporale che ti schiaccia il nas0 e te lo spo —stA sotto il ginocchio.
Img: Gratteri on Twitter 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

martedì 31 ottobre 2023

La guerra infinita

Israele-Palestina, questa roba triste esisteva già prima che nascessi. E’ triste e complessa, e io non ho la capacità di spiegarla bene (leggete Travaglio, lui ce l’ha).
Tuttavia alcune cose sono indiscutibili, alla luce soprattutto degli eventi degli ultimi anni.
1- Netagnau è, come Sputin, un criminale. Sta compiendo crimini di guerra. Mi ha sempre fatto ribrezzo. Perché non viene denunciato e ricercato? Quanti bambini innocenti deve uccidere ancora? Un bambino israeliano ucciso dalla feccia di Hamas quanti bimbi palestinesi vale?
2- Mi fanno schifo Hamas (sono luridi terroristi) e chi in Israele supporta Netagnau. Sono dalla parte dei Palestinesi che non supportano Hamas e degli Israeliani che non supportano Bibi the Killer.
3 - La Shoah non c’entra nulla, chi la tira dentro al discorso è un minchione.
4 - Che Israele abbia il diritto di esistere devo precisarlo? Davvero? Siete così idioti? Ok, ce l’ha. Come tutti. Come i Palestinesi che non supportano i terroristi.
5 - Hamas (feccia e ingiustificabile, autore di orrendi crimini, da eliminare) è stato supportato e aiutato per anni da Netagnau. Eh già...
6 - Qualsiasi nefandezza faccia Hamas (dai terroristi mi aspetto nefandezze) non giustifica nessuna nefandezza fatta da una democrazia quale Israele (da una democrazia non mi aspetto nefandezze).
7 - Nessuno, fra arabi e ebrei, ha mai voluto la pace; quei pochi che ci han provato sono stati uccisi da folli o dal Dio che ogni domenica pregate (più volentieri se d’inverno il prete accende le stufe).
8 - Bombardare un ospedale pieno di malati è folle anche se sotto l’ospedale ci fosse davvero una base di terroristi.
9 - Radere al suolo edifici civili (già abbattuti il 45% di quelli di Gaza) e massacrare 8000 civili per vendicarne 1400 è folle e criminale.
10- Uccidere 8000 persone a caso (perlopiù ragazzi e bimbi) per dare la caccia ai terroristi è criminale.
11 - Esistono diversi rapporti Onu che definiscono “apartheid” quello che Israele ha fatto e fa. Sono d’accordo con questa affermazione anche Francesca Albanese (relatrice Onu sui territori palestinesi occupati dal 2022), Amnesty International, Humans Right Watch, B’Tselem e Yesh Din (due organizzazioni umanitarie israeliane), diversi politici israeliani (Barak, Aloni, Sharid, Ben-Yair, Liel) e poi anche Desmond Tutu (Nobel per la Pace e uno che l’apartheid lo ha combattuto), Motlanthe, Mbete, Kasrils.
12 - Non è genocidio? Non ancora, semmai.  Non è pulizia etnica? Stiamo a vedere...
13 - Invitare i Gazawi a spostarsi a sud per poter bombardare il nord e poi bombardare anche il sud, come spossiamo definirlo?
14 - Israele ha il diritto di difendersi e anche quello di dare la caccia a chi compie crimini contro di esso, ma questo non vuol dire che può commettere abomini e violare le leggi internazionali. 
15 - Una guerra la fa uno Stato contro uno Stato, non contro terroristi luridi che infestano un altro Stato (che peraltro è occupato proprio dallo Stato che fa la guerra).
16 - Come afferma Albanese (ONU), Gaza è un territorio occupato: come altrimenti definire un territorio da cui non puoi uscire e in cui Israele controlla luce a acqua?
17 - La posizione uffiiale dell’Italia (che nemmeno vota una risoluzione che chiede il cessate il fuoco) fa schifo.
18 - Meloni non si azzardi più a offrire il nostro sostegno di popolo italiano a un governo di estrema destra che sta massacrando innocenti. Parli a nome personale. E si rilegga i suoi tweet pro Palestina di qualche tempo fa...
19 - Guteress (segretario generale Onu) ha fatto un discorso equilibrato e giustissimo. Chi lo contesta non sa leggere o è scemo o è in malafede.
20 - Chi in questi 19 punti vede una giustificazione di Hamas è un cretino integrale oppure un disonesto intellettuale conclamato. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 28 ottobre 2023

Anche loro sono increduli

ll modo in cui trattate cani e gatti vi qualifica.
A volte come persone violente, perché chi fa del mal3 a un animale è un essere schifoso e può facilmente farne a un essere umano.
Ma molto spesso vi qualifica come idioti, perché trattate i cani e i gatti come persone e questo è segno di malattia.

Trattare bene un animale non vuole dire che un cane è un figlio, né che va trattato come una persona. 
Sono due cose diverse.
La prima è tpica delle persone perbene, che amano gli animali e ne gradiscono la compagnia e l’aiuto.
La seconda è tipica dei disturbati.
E, ahimè, questa seconda categoria è quella prevalente in Italia.
Chissà perché un figlio è sempre un barboncino e mai un ragno peloso largo trenta centimetri o un topo, eh?

Gli stessi cani e gatti non si spiegano questa cosa: li vedi, sono increduli. Non si capacitano del fatto che gli uomini insistano a trattarli come bambini (a volte meglio) né credono al fatto che la loro nerda sia raccolta dai padroni: ma stanno zitti, perché non vogliono rompere questo incantesimo che li fa razza padrona. Qualsiasi alieno dopo poche ore di osservazioni deciderebbe di trattare coi cani e coi gatti per questione inerenti alla Terra...

L’unico inconveniente che hanno cani e gatti, se vogliamo dirla tutta, è quando decidete di castrarli... O quando impedite a due cani che si incontrano per strada di socializzare o impedite al vostro cane, durante la passeggiata (che dovrebbe essere pensata per lui) di annusare dove preferisce, e lo tirate via in malo modo con la catena che siete soliti mettergli al collo. Un cane incontra una cagna e vorrebbe ingropparsela seduta stante, senza tante balle, ma deve rinunciare: non è vita... Per il resto, vivono da re.

Ora dovrei parlare dei milioni di euro che si spendono per i quadrupedi e dei bimbi che muoiono di fame (1 ogni 5 secondi): ma son cose che sotto sotto sapete... Se dovete aiutare un migrante, gli suggerite di tornare a casa; per un cane date via un rene.
Ripeto: questo non è voler bene a un cane. Questo è non essere stato presente il giorno in cui distribuivano i neuroni. 

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

martedì 17 ottobre 2023

Non chiedo quel che so di non poter avere

Si sta avvicinando il Natale peggiore della mia vita. 
Sì, ok, c’è l’anno in cui è morto mio padre, ma quello è troppo facile, è fuori gara.
Sì, certo, mi lamento e non penso a chi adesso è in guerra, o all’ospedale, o su una sedia a rotelle, mentre io sono sano e vivo in un Paese che non è in guerra (o perlomeno: in una guerra di tipo tradizionale). Lo so, ma ragionando così, dato che, per quanto tu possa star male, esisterà sempre almeno una persona che sta peggio di te, possiamo chiudere con tutti i discorsi: ha senso?
Eliminate così le minchiate che di solito ti sparano contro quando inizi un discorso di questo tipo, arriviamo al nocciolo dlla questione.
Non posso esserne certo, ma queste sono le aspettative. 
Semplicemente, sarà il punto più basso degli ultimi anni, che a loro volta sono i più bassi di una vita: è dunque facile arrivare alla mia conclusione.
Ci arrivo senza fretta, senza squilli. Gradatamente, ma inesorabilmente, gradino dopo gradino ti accorgi di essere sceso per una scala molto lunga.
Se poi paragono gli ultimi tre anni, per dire, alla media di dieci anni a caso più vecchi anche solo di sei o sette anni fa, il confronto è impietoso. Si tratta di movimenti non impercettibili ma non vistosi, che però esaminati nel medio e nel complesso fanno impressione. Vedi il dislivello tutto insieme e ti rendi conto che non era solo una sensazione.
Di chi è la colpa? Del mondo infame, verrebbe da dire in questi casi. E probabilmente è così. Ma non puoi andare contro il mondo, o contro buona parte del mondo, quindi mi adatterò a dire che è colpa mia, che in questo mondo non so stare, che per questo mondo non son fatto: intima percezione che mi accompagna, a ben vedere, da sempre. E che potrebbe aver contribuito a far andare le cose per il verso sbagliato, certo (diamo il contentino allo psicologo dilettante di turno).
E’ una lenta scivolata. Da lontano sembro fermo: sono declini riservati, che non amano far chiasso. Ma se confronti due punti dopo un intervallo di tempo non minimo, capisci ogni cosa.
Perché non reagisci? Volere è potere. Se pensi di farcela, ce la farai. La vita è nelle tue mani. Sei tu che devi credere in te stesso. 
Di frasi così ne potrei citare almeno quattro volte tanto. Ognuna di esse è vera, quanto è falsa e inutile. Quando scivoli, non serve che qualcuno ti ricordi che se vuoi puoi fermarti, perché altrimenti non staresti scivolando.
Sto chiedendo aiuto con questo post? Francamente: no. Ma non perché sono superbo. Il fatto è che se ti salvi ti salvi da solo e quando affondi affondi e basta. E poi a nessuno importa niente di nessuno, questa è una cosa che molti di voi ancora faticano a capire. Quando dici che non potresti vivere senza una certa persona, non lo stai dicendo o sentendo perché vuoi a lei bene, ma perché pensi agli effetti che la sua scomparsa avrà su di te: sei sgomento non per lei, ma per te, per quanto soffrirai, per come cambierà la tua esistenza.
Gli oggetti che mi circondano (alcuni da una vita, è il caso di dirlo) e che il giorno della fine saluterò per sempre lasciandoli in mani pessime o nelle mani di nessuno (è la stessa cosa, senza di me saranno persi e io senza di loro) da qualche anno sono distanti. Ci guardiamo poco e male. Ci sono cose ferme da anni, progetti abortiti, percorsi ancora alle battute iniziali, idee che ormai si sono perse per strada. E’ tutto fermo, come se si fosse fermato il tempo, che invece si è messo a correre sempre di più.
E quel che si muove va male. A volte per interi giorni non vedo una cosa andare per il verso giusto, anche le più banali. E’ una cosa sconfortante che alla lunga diventa veramente insopportabile. Forse, se incontro solo auto in senso contrario, ho imboccato io il senso vietato...
E’ una sensazione strana: come essere alla deriva su un placido specchio d’acqua e con le mani legate.
I giornali non lo pubblicheranno mai, troppo lungo. Ne faranno un sunto, fatto male. Ma io non vedrò, quindi non soffrirò. Ho trovato una cosa positiva, finalmente.
Nulla ha più lo stesso colore di prima. Il calendario mi si sbriciola fra le dita. Navigo a vista, e con un solo occhio. 
Apparentemente sono quello di dieci anni fa, ma se la torre all’esterno è uguale, dentro manca poco al collasso e la polvere che farà sarà così tanta... Ma poi si poserà e tutto ricomincerà, senza la torre. Succede sempre così.
Presto gli scricchioli si faranno sentire e ne deturperanno un poco anche l’aspetto (sarà quando direte: da lui non me lo sarei aspettato, non è da lui, un tempo non gli sarebbe successo, e amenità simili), fino al botto.
In questi ultimi giri non ho la voglia di perdonare nessuno. Penso sempre male di quelli di cui pensavo male. Non finirò pacificato, sarebbe un’adulterazione. La lenta discesa a un certo punto farà una curva un po’ più stretta dopo la quale non vedi cosa c’è fin quando non l’hai superata.
Perché scrivo tutto questo?
E tu, perché lo leggi?
Torna a fare quello che stavi facendo.
So che non avrai sensi di colpa, tranquillo.
Dimenticami, so che ce la farai.

— autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...