Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

lunedì 5 aprile 2010

A parte questo, tutto bene

Una breve analisi del voto regionale di fine marzo 2010: strepitoso successo per il Movimento 5 Stelle ispirato da Beppe Grillo, buon risultato per l'IDV, notevolissimo exploit della Lega Nord, perdita secca per il PDL e perdita non male anche per il PD che però recupera rispetto alle ultime politiche e di questo si accontenta, stallo per l'UDC, secondo miracolo pugliese di Vendola.
Volete una lettura più chiara? Ok. Cota e Polverini incassano l'aiuto della Chiesa e si portano a casa due regioni, Cota subito paga il debito annunciando guerra alla RU486: ora sono cavoli di laziali e piemontesi. Di Pietro continua a crescere, Grillo avanza a passi da gigante, la Lega straripa intercettando i tanti berlusconiani delusi, i delusi del PD invece stanno direttamente a casa, un italiano su tre non vota più, si presume schifato da questa politica da vomito, i cattolici di Casini (14 anni di allenza col sultano) non si muovono ed è già tanto, Vendola vola e se dimentico una sua frase infelice sui magistrati posso considerarlo davvero un uomo nuovo a sinistra, quello che serve da decenni. Napolitano rimanda al mittente la vergognosa legge sul lavoro dimostrando che dunque sa come fare a non firmare un foglio, ma scommettiamo che ritrova la penna non appena gli portano l'ennesima legge ad personam (legittimo impedimento), palesemente anticostituzionale? Ma questa è un'altra storia.

Allargando un poco lo sguardo, devo farvi i miei complimenti più sinceri, cari miei concittadini, compatrioti, connazionali, coglionazzi... ecco cosa siete: dopotutto il nostro amato premier aveva ragione, quella volta, solo si era dimenticato di estendere questo epiteto anche ai suoi elettori, del resto non molto diversi da quelli del centrosinistra, in buona parte.
Votate persone che hanno guai enormi con la giustizia, credete alle loro promesse nonostante vi abbiano già preso più volte per i fondelli, parlate e parlate ma poi siete i primi a buttare le cartacce per terra e ad abbandonare i rifiuti per la strada, ad evadere le tasse ogni volta che è possibile, a danneggiare i beni pubblici, ad infischiarvene delle leggi, a discriminare le persone in base all'orientamento sessuale, all'origine e al colore della pelle, a fregarvenene dell'ambiente, della città, degli altri, del futuro vostro e dei vostri figli. Vi fate comandare da pregiudicati e da indagati, da criminali professionisti, da corrotti e corruttori, da puttanieri e da lobbisti, da incompetenti e bugiardi, da puttane e magnaccia, da nani e ballerine. E credete ancora alla favola dell'opposizione che si oppone, e che invece connive beatamente. Stanno sfasciando il nostro paese, la democrazia che abbiamo costruito col sangue ricacciando all'inferno nazisti e fascisti, stanno violentando la nostra natura con il cemento e i rifiuti, stanno compromettendo il nostro futuro e si ingrassano sempre di più, sono sfacciati, senza vergogna, violano le leggi, se ne fanno di adeguate, le cambiano a seconda delle loro necessità, svuotano di senso il Parlamento, del resto ormai pieno di nominati e non di eletti, ricorrendo con sistematicità ai decreti legge e alla fiducia, hanno i soldi anche in bocca e la faccia come il culo. Ma quando avete bisogno di un favore o di una raccomandazione a loro vi rivolgete, a loro chiedete di chiudere un occhio su una pratica, di accelerarne un'altra, di togliervi una multa, di assumervi il figlio o la moglie. Ve ne lamentate sempre ma in realtà li invidiate, li ammirate, vorreste essere come loro, non siete affatto meglio di loro, se delinquete meno è perchè non ne avete la possibilità. La causa di questo schifo che ci circonda non sono i politici, siete voi che lì li avete messi, voi che da decenni date il vostro consenso ottuso a persone che non lo meritano e che puntualmente vi fregano, voi che non fate nulla per mandarli a casa e che, ora, il massimo che sapete fare è stare col culo sulla poltrona rinunciando al diritto di voto oppure votare sempre gli stessi farabutti di destra e di sinistra. Non avete il coraggio di cambiare, non ne avete voglia perchè dopotutto vi va bene così e comunque il vostro cervello è compromesso da decenni di televisione. La vostra droga è la tv, che sparge scemenze e bugie in miscele ben studiate e vi ottunde quel po' di sensi che ancora avete, sepolti da anni di civilizzazione. Il paese dovrebbe essere messo a ferro e fuoco, dovrebbe rivoltarsi sull'onda dell'indignazione popolare e invece ad andare in piazza sono sempre i soliti quattro gatti mentre voi state pancia all'aria davanti allo schermo a bervi le panzane del regime e le tette al vento che chi comanda vi propina al solo scopo di fottervi quel poco di cervello che vi è rimasto. Accettate tutto, leggi ad personam, colpi mortali alla Costituzione, offese gravissime alle istituzioni, malgoverno, ruberie, ingiustizia sociale, disoccupazione, persecuzioni razziali, demolizione della tutela dei lavoratori, soprusi delle banche e delle grandi spa, minacce alla libertà di espressione, politici che gozzovigliano e fanno orge e festini mentre il paese va in malora.
Siete finiti, condannati, segnati. Game over, avete rovinato tutto cavalcando barbari invasori e sudici approfittatori, li avete prima eletti, poi sopportati, blanditi, incoraggiati, usati per i vostri fini perchè un paese senza regole vi faceva comodo, credevate di poterne approfittare pure voi senza pagare dazio. Avete votato sinistra e vi si siete ritrovati al governo un'accozzaglia di incapaci litigiosi e conniventi con la destra; avete votato la destra e vi si siete ritrovati una banda di pregiudicati e di indagati senza nessun senso dello stato e antidemocratici fin nel midollo che usano lo stato pe ri loro fini. Politici da terzo mondo che in tivù fanno finta di scannarsi e poi, spente le telecamere, vanno assieme al ristorante. L'Italia è destinata ad un inevitabile declino per colpa vostra; già oggi è la barzelletta dell'Europa e del mondo civile. Per voi le cose importanti sono il calcio e le donne, le auto e la televisione: avete il cervello fritto, alcuni nemmeno quello. La fine che vi attende la meritate tutta e quei pochi che non la meritano pagherano anche per la vostra stupidità, come sempre accade nel corso della storia. Votate per pratito preso, per appartenenza, per pigrizia, per abitudine, per conformismo, votate destra o sinistra così come si è della Lazio o della Roma, senza motivo. Ma la politica non è come il calcio, lì è una questione di passione, in politica invece ne va della nostra vita, del nostro futuro: come possiamo scegliere sempre gli stessi ladri, disonesti, antidemocratici, bugiardi e nello stesso tempo pretendere di passare per sani di mente? Se non decidiamo noi di cambiare le cose, le cose non cambieranno: continueremo ad essere schiavi sul lavoro e suddditi anzichè cittadini. Ma è quel che meritiamo, dopotutto, perchè facciamo schifo.

Certo, non siete tutti così. Qualcuno si salva, qualcuno è ancora in grado di ragionare e di distinguere le menzogne dai fatti, qualcuno ama ancora la libertà e sarebbe disposto a mettere in gioco la propria vita per difenderla. Qualcuno sa distinguere i fatti dalla propaganda, il ladro dall'onesto. E non tutti sono razzisti. Ma la maggioranza è come voi e fa schifo. La storia, passata e recente, non vi ha insegnato nulla e spesso nemmeno la conoscete. La vostra ignoranza non scuserà la vostra colpa, questo è certo.
Spero solo di non essere fra i primi a cadere, in modo da potermi godere almeno per un po' lo spettacolo di un popolo miope, stupido, senza amor proprio e senza orgoglio, incapace di rispettare le regole e di esigerne il rispetto, indisciplinato e disorganizzato, razzista ed egoista, tagliato fuori dal futuro in ogni campo, che rovina senza scampo e butta nel cesso, con la sua ignavia e la sua stupidità, quel poco di buono che è, che sarebbe e che potrebbe fare, sorpassato da altri paesi che magari sono pure inferiori ma meritano senza dubbio di scavalcarci e di lasciarci al palo della nostra condanna.
Ovunque guardo vedo da un parte schifo e rassegnazione, dall'altra stupidità e corruzione: siamo su una nave che punta dritta agli scogli.

A parte questo, tutto bene.

Il voto? Un pò più di astenuti, per il resto solita minestra: votate sempre gli stessi che da decenni ci fottono da mane a sera, e tutti hanno vinto o non hanno perso o poteva andare peggio.
Niente di nuovo sotto il sole, sempre la solita merda!
Dite che ci vuole più ottimismo? Come no! Ma chi siete per dirlo? Siete quelli di cui ho parlato sopra? E allora state zitti che è meglio. Siete diversi da come vi ho descritto? Ah si? E dove vi nascondete?? Perchè, sinceramente, non vi si vede e non vi si sente.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: