Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 19 ottobre 2014

Grazie, Ignazio Marino


"Un giorno normale, per il diritto all’amore", lo definisce Ignazio Marino. Ma il sindaco di Roma segna una giornata particolare registrando sedici matrimoni omosessuali celebrati all’estero, nei Paesi dove sono previsti. (La Stampa, 18 ottobre 2014)

Un plauso a Ignazio Marino, che ha fatto l'unica cosa giusta che un uomo degno di chiamarsi tale puo' fare. Spero che gli alfani e i prefetti che minacciano cancellazioni e fini del mondo si astengano dal prendere decisioni magari formalmente corrette (anche le leggi razziali, col dovuto paragone, erano formalmente corrette) ma assurde, non umane e antistoriche.
Io sono su queste posizioni (ce ne sono altre, di degne?) da quando il mio cervello gira, altri ci arriveranno fra vent'anni, molti mai: siete inferiori, e' un dato di fatto. Ma non vi discrimino, non sia mai, solo vi compatisco un po'. Io vorrei sapere cosa viene sottratto a un eterosessuale se a un omosessuale viene riconosciuto il suo stesso sacrosanto diritto (che esiste gia', sia chiaro, solo che non e' riconosciuto), vorrei sapere con quale diritto un uomo si arroga il diritto di negare un diritto di cui lui gode a un altro uomo o donna solo in virtu' della natura di quest'altro uomo o donna: siete patetici, vittima di una gabbia mentale che vi confina ai margini del ragionamento e del sentimento. Esiste solo un obiettivo, e doverne ancora parlare nel 2014 e' davvero penoso: il matrimonio civile senza distinzione alcuna di genere. Tutto quel che sta al di sotto di questo e' inaccettabile per uno stato civile. Se poi quello in Comune, fra uomimi e donne variamente assortiti, non volete chiamarlo matrimonio ma arcizuccola, fate pure. Chiameremo matrimonio solo quello cattolico ok? Le parole stanno a zero in questo caso, i diritti invece vanno riconosciuti subito!

Leggi anche: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/19/matrimoni-gay-e-ignazio-marino-presunzione-o-rivoluzione/1160553/

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: