Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 29 luglio 2012

Houellebecq, necessariamente

Ho gia' scritto su Houellebecq, dopo aver letto Piattaforma e Estensione del dominio della lotta (qui). Ora ho letto La ricerca della felicità (una raccolta disomogenea ma con schegge irrinunciabili) e ho riletto i primi due citati. Houellebecq è agonia allo stato puro, è un viaggio nella propria carne con il bisturi in mano, piacere e dolore allo stesso tempo, un viaggio infernale ma necessario, che ti apre la carne ma anche la mente. E' uno sguardo cinico e fisso sulla vita senza il velo che la copre e che ci salva. Deve essere letto. E' indubbiamente una mente interessante, legge la realtà come noi non riusciamo. Dopo averlo letto si perde la voglia di vivere? Non lo so, direi di no. Nel caso, non la si è mai avuta, si credeva solo di averla, quindi poco male: non si puo' perdere ciò che non si ha. Se gia' sapete di recitare ogni giorno su uno squallido palcoscenico, preparatevi ad assimilare gocce di lucida verità. Ve lo consiglio, lasciate stare i librettini idioti che escono oggidì, scritti da comici, giornalisti del potere o mezze calzette pompate da editori alla canna del gas. Houellebecq ci nutre, gli altri ci ingrassano. Se non vi piace Estensione del dominio, curatevi: non siete inguaribili, ne sono sicuro, perlomeno non tutti.

Mi sveglio e il mondo ricade su di me come un blocco; / il mondo confuso, omogeneo.
(M.H.)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 21 luglio 2012

La bestia di Denver

Uno come il bastardo svitato di Denver, che aveva un arsenale in casa e che ha ucciso dodici persone al cinema e ne ha ferito una sessantina sparando all'impazzata sulla folla che aspettava l'inizio del film, lo processiamo pure? Ok, giusto per sentire cosa ha da dire quella testa marcia e strafatta. Poi pero', per favore, polverizziamolo in fretta. Aveva accumulato una quantità pazzesca di armi e munizioni, tutti regolarmente acquistati: ok, ma non dovrebbe scattare un controllo appena uno compra armi su armi? In casa ha predisposto trappole definite "sofisticate". In pochi mesi ha acquistato fucili, mitra, pistole, kit da assalto e 6000 munizioni. Le autorità non si chiedono cosa diavolo se ne faccia di cosi' tante armi un giovane sia pure incensurato? Evidentemente no. In America puoi acquistare armi su armi ma cavolo, un controllo fallo se vedi che uno fa la collezione e ne acquista a manetta in poco tempo: magari, che so, progetta una strage... Buona notizia: in Colorado c'è la pena di morte, con buona pace dei nessuno tocchi Caino. Brutta notizia: teste marce in giro, sai quante ce ne sono ancora? Non rispondeva al saluto, dice un vicino: imperdonabile! Era gentile con i bimbi (?). Era un tipo timido e solitario. Si autodefiniva "tranquillo". Di tipi così, complessati al limite dell'autismo e tendenzialmente maleducati e paranoici, ce ne sono a decine in ogni città. Chi si comporta da bestia (mi scusino le bestie) deve essere eliminato, così la penso io. E senza troppi riguardi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 16 luglio 2012

Suor Bindi e l'ultra' del Colle

Ho sempre pensato e detto, fino a poco tempo fa, che avrei visto di buon occhio Rosy Bindi come premier. Una donna capace, onesta, equilibrata. Lo so, con i buffoni al potere anche un cerebroleso sarebbe stato auspicabile alla guida del paese, ma non era questo il punto: pensavo davvero fosse una delle migliori scelte, dato il panorama s'intende, che in Italia fa piuttosto pena. Aggiungevo solo: ha un difetto, è troppo cattolica (si puo' essere "troppo cattolici"? No. O lo si è o non lo si è. Ma in un paese in cui ce ne saranno diecimila ad essere ottimisti, la licenza è permessa). Ma insomma, quell'altro rubava, puttaneggiava, mentiva, golpava, tramava, insozzava: non era il caso di fare i pignoli.

Purtroppo il difetto della Bindi non è quello di essere cattolica (uno, nel suo intimo, puo' essere quel che gli pare) ma quello di inquinare la sua azione politica con le idee dei cattolici, e questo è inaccettabile: lo Stato è laico e tutte le persone sono uguali e devono avere pari diritti, cattolici e atei, omosessuali ed etero, bianchi e gialli. La religione cattolica conta quanto l'ultima confessione al mondo. Anche la Bindi fa l'errore di tutti i cattolici: vuole farci vivere come desidera o come pensa sia giusto vivere lei. Oppure, fate voi, non vuole scontentare baciapile, vescovi e papa. Pertanto, per quanto mi riguarda, può continuare a fare quel che fa nel PD, un partito che se ne trovate uno piu' ridicolo siete in gamba. Per fare il premier occorre essere liberi da pregiudizi, mi sembra una conditio sine qua non.

Ma ci pensate? Nel 2012 stanno ancora a discutere se i gay devono avere pari diritti o no. Fanno pena. Fanno schifo. Precisato che faceva schifo discuterne pure un secolo fa, sia chiaro. E dall'altra parte ricandidano Papi bello; al centro l'eterno Casini che fece da palo per anni e anni a questa banda salvo poi dissociarsene e parlare da anni di grande centro. Speriamo che Grillo prenda il 40%, meglio essere governati da giovani inesperti e impauriti ma competenti e onesti che da questa marmaglia di destra, centro e sinistra che ci succhia il sangue da decenni e si fa i cavoli propri facendo finta di pensare al bene del paese.

Quanto alle piccate e fintamente scandalizzate reazioni del Palazzo alle parole di Grillo (che ha beffardamente insinuato che Rosy Bindi non ha mai avuto problemi a regolarizzare il rapporto con l'amore della vita perché non ne ha mai avuto uno) mi fanno un po' ridere. Certo, Grillo ci è andato giù duro, molto duro. Ma davvero un partito che ancora discute SE concedere a tutti gli uomini pari diritti ha diritto ad essere trattato coi guanti? No. Quello che non hanno fatto per i non eterosessuali, da quando avrebbero potuto a oggi, è di una gravita' inaudita, che volete che sia una feroce battuta di Grillo. Come al solito, si fissano sulle battute per svicolare dalle questioni: è il marchio di fabbrica del piddi'.

Sicchè Grillo sarà un burino, un maschilista e pure un po' volgare, ma quando il PD offre spettacoli simili fa pena. E, purtroppo, il PD decide della nostra vita, Grillo (che non si candida, ricordiamolo) no. Per ora no.

La chiusa la merita Napolitano, il nostro Presidentisssimo tifosissimo degli Azzurri che sta facendo di tutto per non far emergere quello che c'e' in alcune intercettazioni che lo riguardano, o almeno questa è l'idea che dà il suo comportamento. Credevate che il Colle fosse immune da certi giochetti che definire poco trasparenti è un eufemismo? Credevate male. Da quando, assecondando il volere dell'Europa impaurita, ha oliato la caduta del Papi è diventato un eroe e tutti hanno finito per dimenticare che "firmetta" ha siglato negli anni un bel po' di leggi paccottiglia senza fiatare, adducendo a volte giustificazioni paradossali. Certo, il ricorso viene fatto nel supremo interesse della Presidenza, mica nel suo personale; e noi ci crediamo. Però, scusa, per toglierci i dubbi, perchè non fai ricorso, lo vinci e poi, di tua spontanea volontà , non fai pubblicare quell famose intercettazioni? In questo modo tuteli le prerogative della tua carica e contemporaneamente fai chiarezza. Sempre queste benedette intercettazioni e sempre questa volontà di farle sparire...
Il papa, per caso, usa un cellulare? Avvisatelo per favore.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 14 luglio 2012

Avete sentito ragazzi? Si ricand

La notizia della preannunciata sesta discesa in campo di Silvio "Papi" Berlusconi è difficilmente commentabile con compostezza, perche' e' davvero difficile parlarne o scriverne per più di venti secondi senza cominciare a ridere senza fre

... dicevo, sarebbe come se il maggiordomo, una volta scoperto, avesse ancora la possibilità di servire nella stessa casa in cui era ambientato il giallo, ma come dicevo mi riesce difficile parlarne senza ri

... dunque, sarebbe come se dopo aver tirato un rigore decisivo e aver ciccato la palla davanti a due miliardi di spettatori, il giocatore dai piedi storti chiedesse di poterlo tirare di nuovo, ma so bene che nessun esempio puo' essere cosi' efficace nel

...vedete bene, e' difficile davvero non ridere, dunque dicevo nessun esempio spiega meglio la realtà di questa realtà assurda di un uomo, responsabile di danni incalcolabili arrecati al suo paese e compromesso irrimediabilmente dal punto di vista morale, giudiziario e internazionale, che decide di provarci ancora in un sistema che non ha trovato il modo legale e legittimo e sacrosanto di impedirgl

Passiamo ad altro. Conte, l'allenatore della Juve, viene interrogato quattro ore dai giudici e uscendo dice che la verita' e' emersa (?), poi pero' si vocifera che potrebbe pure patteggiare e cavarsela con due mesi; francamente, non mi e' chiaro. O ha ragione Carobbio e allora Conte merita il massimo della pena, o Carobbio mente e allora la merita lui, altre soluzioni mi parrebbero un po' bizzarre, stante le accuse del Carobbio.

Ha anche detto (si', parlo ancora dell'Unto) che senza di lui il partito rischiava l'8%: ottimista come sempre. Con lui immagino che trionfera', tempo due mesi e ricominceremo a sentire le solite panzane tipo ho il 70-75% dei consensi, attenti al pericolo comunista, se vince Bersani (che ossimoro eh?) i gay si sposano, etc. Vi mancavano queste puttanate, vero? A me come una puntura di serpente velenoso, ma so che voi lo amate, che cavolo! Lo avete votato per vent'anni...

Anni fa il cosiddetto cavaliere (sarà perchè ha la sella incollata al culo che lo chiamano cosi'?) disse in pratica che chi non avesse votato per lui si sarebbe dimostrato un coglione. Io non arrivero' a tanto. E' pero' sicuro che un italiano che alle prossime elezioni, dopo tutto quel che è successo in questi venti e più anni, dovesse votare per pdl-pd-lega-udc dimostrerebbe ai miei occhi con cio' stesso di non essere in grado di capire un perfetto belino, per dirla alla genovese. Perche' si puo' pensarla come si vuole, si puo' essere pazienti, o tradizionalisti, o un po' lenti a capire, e perfino accecati dall'ideologia (ma quale poi?) o autolesionisti, ma piu' ottusi di un sasso ottuso no.

Che bella novita' eh? Alle prossime elezioni avremo due sfidanti nuovi di pacca, due giovani emergenti, Bersani e Berlusconi, due promesse della politica. Secondo me Grillo si sta fregando le mani, non ci sperava neppure lui: cosi' fare il botto sara' ancora piu' facile. Forse questa volta lo sentira' pure Napolitano, il botto, se non sara' troppo preso col pasticciaccio delle intercettazioni in cui pare che dica cose un po' cosi' (pare perche' non ce le fanno sentire).

Dice: dai, su, ma ce lo vedi il Grillo alla Casa Bianca a parlare con l'Obama? A parte il fatto che Grillo non si candida a premier, io rilancio: ce lo vedo piu' di quanto ci veda Bossi, Calderoli, Berlusconi o Alfano. Sara' un po' piu' vivace di Monti, almeno. Sebbene un tale risultato possa essere garantito anche da un rododendro, dopotutto.

Mammia pero', se ripenso a quella notizia davvero non riesco a star fermo, mi viene subito da scompisciarmi dalle ris

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

sabato 7 luglio 2012

Scusate se vi abbiamo massacrato senza motivo e se per anni abbiamo coccolato i colpevoli

A 11 anni dalla notte della democrazia (Diaz), dopo aver mantenuto al loro posto anzi coccolato, difeso e spesso promosso i responsabili della macelleria messicana, i vertici della Polizia chiedono scusa, all'indomani della condanna definitiva che li inchioda alle loro evidenti e gravissime resposabilita'. A chiedere scusa è Manganelli, il capo della Polizia, di cui ricordiamo certe illuminanti intercettazioni. Decine di poliziotti che si sono comportati come i peggiori delinquenti, vari dirigenti che hanno insabbiato e depistato per non far emergere le responsabilità, per non parlare dei mandanti, ancora ignoti, e delle responsabilità dei politici, mai toccati dall'inchiesta e mai dimessisi: un bel quadretto puzzolente, dai tratti tipicamente italici, che ci ha accompagnato per un decennio e che ora trova la parola fine, con l'interdizione dai pubblici uffici per alcuni dirigenti e con la condanna per una trentina di poliziotti, che non faranno un gorno di galera (siamo in Italia, bellezza!) ma sui quali da oggi pende la scure dei risarcimenti a coloro che hanno massacrato con violenza inaudita e senza alcuna ragione. La Polizia ha avuto più volte l'occasione di smarcarsi da questi vergognosi episodi: sarebbe bastato ammettere l'evidenza e sospendere gli indagati prima e i condannati poi; prendere le distanze insomma, e fare subito ammenda. Non l'ha fatto. Adesso e' intuibile cosa possiamo farcene delle loro scuse, quindi non preciserò i dettagli dell'utilizzo che ho in mente. Vogliamo poi parlare di Aldovrandi, Cucchi e compagnia bella e delle decine di maiali impuniti della stessa Diaz? E dei ragazzi condannati a 15 anni (15 anni!) in primo grado per aver mandato in frantumi vetrime e danneggiato arredi urbani durante il G8, mentre uomini in divisa che hanno massacrato inermi innocenti non hanno mai visto il sole a scacchi nemmeno per un giorno e, in buona parte, non sono neppure mai stati individuati? Chi ha detto che l'omertà e' tipica della mafia?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 1 luglio 2012

In attesa di Italia-Spagna...

"Gaffe regia Uefa: "Tifosa tedesca non piangeva per gol Balotelli". La Sueddeutsche Zeitung accusa la regia della Federcalcio continentale di aver trasmesso un 'taglia e incolla' durante la semifinale di Euro 2012 tra Italia e Germania. Dopo il secondo gol azzurro realizzato da Mario Balotelli, sui teleschermi è comparsa l'immagine di una tifosa tedesca con il volto rigato da una lacrima. Come ha confermato l'emittente ARD alla Sueddeutsche Zeitung, la donna visibilmente emozionata era stata ripresa prima dell'inizio della partita." E non dunque dopo il gol di Balotelli.
Ragazzi, la tv è fiction. Prenderla per specchio del reale, ammesso che si possa definire in maniera soddisfacente cosa è reale, è da ingenuotti. La tv è un veleno che va assunto in piccolissime dosi e sempre con la salutare barriera di uno spirito critico sveglio e acuminato. Ma cosa pretendo mai da gente che vota Berlusconi o D'Alema da vent'anni?

"Sotto il vestito, la pistola. Si è presentato così all’incontro con il presidente venezuelano Hugo Chávez il piccolo Nikolai, 8 anni, figlio del leader bielorusso Aleksandr Lukashenko, «l’ultimo dittatore d’Europa»."
Lukashenko è uno dei capitoli più bui della storia attuale del nostro continente, ma non voglio parlare di questo, nè del fatto che Berlusconi gli rese più volte onore in maniera ridicola e vergognosa. Voglio parlare del bimbo: un'immagine penosa, davvero triste. Una pistola è gia' di per sé triste, se é addosso a un bimbo si tocca la desolazione.

"Roma - "Il posseduto dal diavolo ha le movenze, il portamento simile a un down". Parole pronunciate da monsignor Andrea Gemma, esperto di esorcismi, durante la trasmissione Vade retro, andata in onda il 9 giugno scorso su TV 2000, il canale di proprietà della Conferenza episcopale italiana."
Non voglio soffermarmi sulle vibranti proteste dei genitori di bambini down che hanno preteso le scuse del vescovo, senza ottenerle, o delle dichiarazioni da arrampicata sugli specchi del conduttore della trasmissione (Murgia) che affermando: "È noto che quando si parla del diavolo, questo ci mette lo zampino. E lo zampino questa volta è aver voluto estrapolare poco più di un minuto da un programma che ne dura 42." si prende gioco della nostra intelligenza. Voglio solo far notare che simili vaccate non mi stupiscono, perchè so cosa è la Chiesa di Roma. Anche qui a stupirsi sono i sempliciotti o quelli in malafede. Se una scimmia salta alla vista di una banana, vi stupite? E se un tuffo in mare vi bagna, siete sorpresi?

Euro 2012, finale Italia-Spagna grazie a due gol di Balotelli. Ottima partita di Mario che però, lo confermo, nonostante abbia un gran talento non vorrei mai nella mia squadra, al pari di Cassano (che tuttavia c'è stato), di Ibra e di alcuni altri giocatori: io guardo a tutto, non solo all'abilità tecnica, altri invece davanti a un golletto dimenticano tutto. Mi piace ribadirlo nel momento del trionfo, perchè a dire che non vuoi Balotelli o Cassano quando fanno pena rischi di passare per un idiota. Chi vincera' l'Europeo? Non saprei, si parte alla pari. Forse vinciamo noi, ammesso che si riesca a togliere palla alla Spagna.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...