Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

martedì 31 dicembre 2019

Gli anni

Gli anni se ne vanno sempre, il 31 notte.
Se avessero le palle, starebbero qui a spiegarci tutto quello che è andato male. Ad aiutarci a capire. A scusarsi.
Gli anni sono solo infidi bastardi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Buon 2020

Auguro buon anno
a tutti quelli che mi conoscono, nella vita fasulla o solo nella vita vera (il web),
a tutti quelli che mi leggono,
mi stimano (ehi, un saluto personale a tutti e tre!)
o che non ne possono più di me e che però ancora non mi hanno ripudiato nella vita o nel web:
si sono riservati questa magnifica possibilità per il 2020, anno bisestile.
Una scelta intelligente.
A quelli che non mi conoscono dico: vedete che la vita a volte è bella?
A quelli che mi hanno abbandonato in malo modo (pochi ma pessimi) non auguro nulla, nè il buono né il cattivo: mi mantengo neutrale come la Svizzera.

(img: pixabay)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

venerdì 27 dicembre 2019

La vera felicità



Penso che nella vita non si sarà mai così felici come è felice un bambino piccolo, che ancora crede davvero a Babbo Natale, la sera del 24.
Trent’anni fa non avrei precisato “piccolo”.
Questa è vera felicità perché pura, senza preoccupazioni in sottofondo, senza i dolori del passato, le infamie del presente, le angosce del futuro. Senza sapere cosa di male può esserci e accadere.
Con un po’ di egoismo, è vero (questo è connaturato nell’essere umano), ma senza l’idea del male.
Nella vita quella che a volte chiamiamo felicità è una sua parvenza.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Coltivare storture genera mostri


Quando accade un crimine, la maggior parte della gente non si chiede come sta la vittima, ma di che nazionalità è la vittima e di che nazionalità è il carnefice. In questo educati da una massa di giornalisti della carta stampata, del web e della Tv che definire straccioni della parola è fare un complimento. E in questo sobillati da politicanti ciarlatani che seminano odio e paura per raccogliere facili voti.
Non ci si chiede perché e in quali circostanze quella cosa spiacevole è successa, ma di che colore era la pelle del presunto colpevole, laddove il “presunto” si omette qualora il colore non sia il bianco.
L’essere umano nasce egoista e violento, e anche razzista, nel senso che ha paura del diverso da lui. Naturalmente siamo tutti uno diverso dall’altro, ma vi è il bisogno di riconoscersi fra simili e porsi contro quelli che non sono così simili, in virtù di luoghi di origine o di segni esteriori quali il colore della pelle, la lingua parlata, etc. Ma queste pulsioni possono essere depresse fin quasi a divenire irrilevanti (sebbene non inesistenti) se l’educazione impartita e gli esempi familiari e sociali sono virtuosi, altrimenti esploderanno facilmente, dando vita a un adulto razzista, egoista, per nulla solidale o empatico, alla fine asociale, disumano.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Bere e guidare


Il discorso: "bevo due o tre bicchieri e poi riesco a tornare a casa lo stesso senza problemi" io posso pure starlo a sentire, nel senso che se tu mi costringi, pistola alla testa, a bere due o tre bicchieri a stomaco vuoto e poi a guidare sino a casa io lo faccio e ti assicuro che non ammazzo nessuno, per mia colpa perlomeno.
Ma è e resta una immane boiata. Per almeno 4 motivi:
1) violi comunque una legge, che ha un senso e che, se beccato, ti causerà parecchie noie, pratiche e legali;
2) io magari ci riesco, perchè guido prudente sempre e quindi sarei ancora più cauto in quel caso, ma su 10 a cui fai bere quei bicchieri, almeno 6 o 7 rischieranno fortemente di provocare grossi guai a sé e agli altri;
3) per quanto tu possa comunque farcela senza grandi rischi, non sei comunque per definizione nelle condizioni ottimali per guidare, questo è un fatto, e quindi manchi di rispetto agli altri e a te stesso;
4) se un tizio quella sera vuole uccidersi e si butta davanti a te, e tu lo prendi in pieno con modalità tali per cui si può dire che lo avresti preso e ucciso anche da sobrio, passerai comunque da assassino ubriaco.
Direi che sono 4 motivi sufficienti per fare quello che faccio io: quando guido nemmeno un cioccolatino al liquore, senza alcuna eccezione; anche perché se bevo non voglio dover stare a contare le gocce.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Centri massaggi

Se il marito annuncia che andrà in un centro massaggi (fesso se lo annuncia), la moglie è tranquilla?
Eppure, è un centro massaggi...
Sarebbe come preoccuparsi se il marito va in libreria: non vende libri, la libreria?
Per quanto oggi sicuramente sia più raro frequentare librerie e biblioteche che centri massaggi e, per dire, VLT.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

domenica 22 dicembre 2019

Amicizie?

A ben vedere io non ho mai perso amici.
Perchè il modo in cui li avrei persi indicano con evidenza che tali non erano.
E poi io sono ben poco distratto, in 50 anni avrò perso due ombrellini, una sciarpa e, ok, sì, un padre.
Ma amici, come detto, mai.
Quindi quando accade, e devo dire che accade di rado, non si tratta della fine di un idillio, ma dello svelamento di un imbroglio.
E’ che io sono romantico e spesso mi sacrifico, e potrei andare avanti per secoli a farlo, ma tutti hanno un limite, anche quelli come me che a volte paiono non averlo, e superato questo limite poi le cose non stanno più insieme.



autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

2 + 2 FA 4


Il clima è cambiato, la scuola forma molto meno, la Tv è da vomito, non si legge un libro, lo smartphone regna sulle nostre vite. Ma se davvero non cogliete la differenza umana, culturale e politica (prima ancora che di idee e di azioni) che cv’e fra un Conte e un Salvini, fra un Renzi e un Fico, tra un Di Maio e un Salvini, fra un Berlusconi e un Bonafede, allora ragazzi siete messi male e, in particolare, se ultra venticinquenni, ormai belli che andati.
D’altra parte aspettarsi riflessioni mature, memoria storica, comportamenti civili da un popolo che non sa quasi scrivere due righe coerenti, non capisce testi oltre le tre righe, non legge niente se non i nomi sui campanelli e si imbottisce di tv e fake news, o aspettarsi voti consapevoli, sfiorerebbe l’assurdo e configurerebbe serie ipotesi di sadismo e di credulità.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

mercoledì 18 dicembre 2019

Dolce Remi


Dolce Remi
Piccolo come sei
Per il mondo tu vai
[e già qui c’e’ qualcosa che non va... è piccolo e gira da solo per il mondo?]

Suona Remi
La tua arpa e poi
[enfant prodige? X Factor?]
Ballare fai
La scimmietta e il cane
[sfruttamento di animali, spettacolo non autorizzato, accattonaggio]

Forza Remi
Di casa non ne hai
[e nessuno interviene? Il Comune, i servizi sociali, un volontario... Comunque nessuna casa uguale niente tasse e niente rogne]
Ma tre amici ce li hai
[allegria, hai risolto i tuoi problemi, non hai un soldo, sei solo al mondo, dormi per terra, ma hai tre amici, e a carico se non erro]

Vivi tu con fantasia
[beh se manca pure quella che ti resta?]
Salti su il primo treno e via
[senza pagare il biglietto o cosa?]
Tu lo sai un grillo cos’è
[un genio, proprio]
Sogni però di andare in città
[tutti che vogliono lasciare il caos cittadino e andare in campagna e lui niente, pur di fare il bastian contrario... ]

Quattro voi, che compagnia
[eravamo quattro amici al bar]
Senza cena però che allegria
[certo, campi di allegria, vedi stanotte come dormi allegro con la pancia vuota]
Tu non hai un tetto su te
[e dai, rincara la dose, a che serve ricordarglielo sempre?]
Basta però un ponte per voi
[come no, al gelo si sta benone]

Dolce Remi
Racconta come fai
Ad esser così sempre buono e allegro
[si drogherà]
Dicci Remi dimmi se anche tu
Hai paura del buio
[sì, adesso con tutti i casini che ha vedi un po’ se ha paura del buio]

Vieni Remi
Fermati a casa mia
[era ora, due ore a cianciare e quello al freddo, finalmente ti sei deciso]
Qui troverai
Pastasciutta e un letto
[la base, insomma: non c’hai nulla e hai beccato un morto di fame]

Caldo Remi
dimmi che bravo sarai
[due minuti che lo ospiti e già gli righi le palle]
Porta gli amici con te...
[sì tanto questa casa è un albergo, su, anche gli amici dai]

Quattro voi, che compagnia
Senza cena però che allegria
[ma come, non si era detto pastasciutta e letto? Prendi per il sedere?]
Tu non hai un tetto su te
[mi ospiti e non hai un tetto?]
Basta però un ponte per voi
[ma basterà a te, porco demonio!]

Suona Remi
La tua arpa e poi
[canta che ti passa.... è piccolo e suona l’arpa, come fa a sorreggerla?]
Ballare fai
La scimmietta e il cane
[saltano per non sentire il freddo, non illuderti]

Forza Remi
Di casa non ne hai
Ma tre amici ce li hai
[che culo!]

—-
Il testo della sigla di questo indimenticabile cartone è di Luigi Albertelli, fra parentesi quadre i miei deliri.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Sempre il solito errore (in malafede) che adesso torna in auge dato che...

SEMPRE IL SOLITO ERRORE (IN MALAFEDE) CHE ADESSO TORNA IN AUGE DATO CHE SI PARLA DI DEGUSTAZIONE DI GIOVANI CULETTI FEMMINEI.

Alcuni, dopo anni, non hanno ancora capito o, meglio, fanno finta di non capire che il punto non è scandalizzarsi se un certo premier invitava a casa sua decine di ragazze per fare sesso, pagandole con denaro o regali vari e nemmeno preoccupandosi troppo di accertarne in maniera sicura la maggiore età, e magari promettendo carriere di vario tipo a chi si rendeva docile e disponibile e minacciando di negarle a chi invece faceva il difficile, o se si faceva mettere sulla faccia il sederino profumato e levigato da avvenenti fanciulle, pratica del resto che non mi sento di condannare e che non trovo neanche particolarmente sgradevole, anzi.

il punto è che faceva tutto questo da premier e quindi, come hanno dimostrato, in residenze anche istituzionali, mettendo a rischio la sicurezza nel nostro Paese, saltando impegni istituzionali, gettando una luce di discredito sulle nostre Istituzioni, visto che le notizie filtravano e non era nemmeno così cauto da fare tutto in silenzio, e poi dimostrando una gravissima incoerenza personale e politica, che per un politico è un difetto enorme che ti deve spingere alle dimissioni, perché non puoi fare sesso a destra sinistra e poi tanto per fare un esempio schierarti a favore della famiglia tradizionale, rompere le pallette agli altri o sfilare a quella carnevalata del Family Day...

Ovviamente aggiungo che non puoi neanche poi cercare di sottrarti ai processi che giustamente ti istruiscono contro, o fare leggi ad personam per evitare conseguenze giudiziarie a te e ai tuoi amici, o cercare di corrompere o farti incriminate per aver cercato di corrompere testimoni e simili.

Altrettanto ovviamente chi vuole confondere le acque continua a dire che tutti quelli che si scandalizzano per questi comportamenti sono solo cattolici bigotti sessuofobi o comunisti mangia bambini, ma il punto non è questo... Si tratta solo di una tattica stupida e abile per sviare l'attenzione dal tema, anche perché io non sono né cattolico né sessuofobo né una di queste brutte cose😐 e non degusto infanti, e anche perché chi ragiona e non è accecato da fanatismi politici o da idolatrie personali sa benissimo che il punto non è assaggiare le natiche di una ragazza o divertirsi la sera con plurime fanciulle discinte e ammiccanti, ma è "rappresentare" le istituzioni in maniera indegna, calpestando specifici articoli della Costituzione e avendo un comportamento pubblico e privato non consono alle cariche che si ricoprono e, per giunta, in assoluto contrasto con quanto si propugna politicamente.

Mi stupisco che dopo tanti anni e dopo tante evidenze ci sia ancora un notevole numero di Italiani che lo sostiene, lo vota, lo giustifica e lo ritiene vittima di persecuzioni, quando a me era già chiaro prima ancora che si presentasse in politica che tipo fosse, perché avevo avuto la fortuna o la sfortuna di conoscerne dinamiche e comportamenti nel mondo del calcio.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

lunedì 16 dicembre 2019

Tranelli idioti per menti (che si suppone) ragionanti

Menti che ritengo ragionanti cadono in tranelli idioti che più idioti non si può e danno retta a parolai incompetenti che da decenni inquinano l'aria di questo Paese e che hanno già dimostrato di essere totalmente incapaci, in malafede e anni luce lontano da valori quali tolleranza, sincerità, onestà, coerenza, rispetto etc. Un filo sotto sta l'innamoramento, quanto a patologie, ma subito dopo l'infatuazione per un leader di carta straccia.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Dacci oggi il nostro sondaggio quotidiano

Ogni giorno Salvini guarda i sondaggi e, tronfio, si bea.
Brandendo la percentuale del giorno e, occasionalmente, il rosario, strepita e si candida a salvare il Paese che in 29 anni ha solo peggiorato.
Parla con la Madonna, giura sul vangelo, irride avversari, magistrati, istituzioni. Si contraddice, afferma cose che definire inesatte è atto gentile, pontifica su temi che ignora, svicola di fronte alle domande scomode.

Certo, i sondaggetti paiono gradevoli (anche se meno di qualche mese fa).
Intanto il governo governa benino.
Mai visto un “partito” cercare di realizzare quanto promesso e, in parte, riuscirci pure pur avendo quasi tutti pregiudizialmente contro da sempre; mai visto prima del Movimento, si capisce.
Il Pd frena il cambiamento ma meno della Lega e, per ora, è più leale.
Se il governo dura gli anni previsti, Salvini ogni giorno guarderà i sondaggi.
Buon per lui.
Io leggo Dostoevskij e Schnitzler, lui Doxa e Ipsos: de gustibus.
Al momento però ha il 17% e non i “pieni poteri”; ha fatto 14 mesi orribili da ministro e vicepremier e si è messo nel sacco da solo il 7 agosto per vanagloria e per colpa dei... sondaggi.
Non è avere il 30 nei sondaggi che rende intelligenti le tue proposte (a proposito, quali?) o buone le tue idee. Come non le rende idiote avere il 7%.
Se sono idiote restano tali anche al 50%.
Mio zio ogni giorno guardava il prezzo delle azioni, mia nonna il cielo per decidere se fare il bucato.
Salvini guarda i sondaggi.

La sua idea di governare è strepitare, promettere cose impossibili, non fare niente, prendersela con i migranti e le “zecche”, tenere qualche nave carica di disperati al largo per una o due settimane mentre tutti gli altri sbarcano tranquillamente dai barchini sotto il suo naso, dividere e distruggere, tuittare amenità e bufale, fare il gradasso offrendo il petto al nemico (per esempio, i magistrati) salvo poi scappare quando arriva l’ora della pugna, guardare i sondaggi e bearsi di essere in crescita. Un’eterna, sfibrante, molesta, ridicola, grezza, inutile campagna elettorale.

Ma i sondaggi lo premiano. Non do giudizi sull’intelligenza di chi vota, una buona misura di questa la si evince la sera delle elezioni, di solito.

Ecco perché astenersi è idiota come sempre e più di sempre.
Ed ecco perché, anche se i 5 stelle non ti piacciono, anche se il Pd controllato da Renzi, favorevole alla prescrizione e al bavaglio e con decine di indagati non ti convince, se sei dalla parte della Costituzione è opportuno che voti bene per fermare questa destra sgangherata, dannosa, orribile e connivente con frange estremiste davvero pericolose.
A volte si vota per convinzione di quel che si vuole, a volte per convinzione di quel che si vuole evitare a tutti i costi: non è meno importante.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

giovedì 5 dicembre 2019

War Pigs

Vogliamo parlare del primo minuto di questo pezzo immortale e del testo incredibile? E dell'assolo finale?

WAR PIGS
I MAIALI DELLA GUERRA

Generals gathered in their masses,
just like witches at black masses.
Evil minds that plot destruction,
sorcerer of death's construction.
In the fields the bodies burning,
as the war machine keeps turning.
Death and hatred to mankind,
poisoning their brainwashed minds...
Oh lord yeah!

Politicians hide themselves away
They only started the war
Why should they go out to fight?
They leave that role to the poor
Time will tell on their power minds
Making war just for fun
Treating people just like pawns in chess
Wait 'till their judgement day comes, yeah!

Now in darkness, world stops turning
as the war machine keeps burning
No more war pigs of the power
Hand of god has sturck the hour
Day of judgement, god is calling on their knees, the war pigs crawling
Begging mercy for their sins
Satan, laughing, spreads his wings

Testo di Geezer Butler
Musica di Tony Iommi, G. Butler, Bill Ward & Ozzy Osbourne

https://www.youtube.com/watch?v=-ssFjyDIyQ0&fbclid=IwAR1pRi_9ntIJkgqdVFPHPWN-JuElRLlvvxHDIVye14pIRg2NgZxPC_-GakQ


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Insegnare non è roba per te, fratello

#Siena #nazismo #antisemitismo

Chi scrive o pronuncia frasi chiaramente apologetiche del nazismo o antisemite e, per giunta, lo fa più volte e le difende, deve sicuramente essere escluso dall'insegnamento, come da tutte quelle attività istituzionali, pubbliche o che comportino in contatto col pubblico, oltre che punito secondo le leggi vigenti.
Non possono bastare giustificazioni puerili o scuse.
Pensare ed esprimere determinate opinioni è assolutamente incompatibile con l'insegnamento. Se una persona vuole essere libera di scrivere queste assurdità idiote sui social o di pronunciarle fra amici deve dedicarsi ad altre professioni, e stare attento a non incorrere in ogni caso nei rigori della legge.

La reazione iniziale del rettore è stata assolutamente sconcertante e inadeguata, per fortuna almeno lui si è ripreso in tempo gettando la palla in calcio d'angolo e riuscendo così a salvarsi.

Al di là del caso particolare di Siena e delle leggi vigenti, e parlando quindi adesso in generale, trovo veramente assurdo e
sconcertante che le menti di persone che hanno anche una certa cultura e una presunta capacità di elaborazione di pensiero possano essere infettate da germi così disgustosi.

Ribadisco quello che ho sempre detto: chi ha una passione per il fascismo, per il nazismo e per quei maiali che rispondono al nome di hitler e di mussolini può certamente coltivarla, ma è pregato di espatriare, dato che questa Repubblica si fonda su un patto antifascista e quindi non prevede un posto per i fascisti, i danni delle cui vomitevoli idee abbiamo del resto già sperimentato in maniera bruciante sulla nostra pelle in quel ventennio di merda che ci siamo lasciati alle spalle.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Un danno, innanzitutto

Se il Pd o quel caso singolare di Renzi Forza Italia Viva vogliono far cadere il governo e regalare i pieni poteri al Cazzaro Verde (cit.) perché non si sono rassegnati a una legge sacrosanta e già decisa (la blocca prescrizione) e intendono quindi continuare a garantire impunità a malfattori assortiti, si accomodino. Dovranno poi spiegarlo agli elettori.
Quanto a Salvini, in 14 mesi da Ministro non ha fatto niente e lo ha fatto male, quindi se lui fosse premier sarebbe prima un danno, e solo dopo una sciagura.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...

Adoro gli Italiani

Adoro gli Italiani.
Sanno farsi fregare così bene dai parolai, presunti uomini forti e reali mezze calzette, da chi urla e strepita, agita crocefissi e alimenta paure, mente, millanta, promette a vanvera, non sa far nulla, non dice mai cose utili o ragionevoli, tradisce, dimentica, falsifica e mesta nel torbido.
Che popolo!

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.

Leggi tutto...