Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 23 novembre 2014

Bergoglio, il lupo perde il pelo...

Bergoglio (il PAPA) e' simpatico, saluta la folla appena eletto (...), e' progressista, parla in modo suadente, si scaglia contro la vecchia Chiesa tutta intrighi e giochi di potere, dice chi sono io per giudicare gli omosessuali, collabora con le inchieste della magistratura, vuol far chiarezza sui preti pedofili, lancia strali contro i corrotti che ti vien da dire magari fosse lui il premier, e' accattivante e mediaticamente furbo.
Ma, sebbene il suo fascino non mi lasci indifferente, prepotente vive e vivra' sempre in me l'idea secondo cui chi diventa Papa e non sconfessa con forza e decisione la millenaria, sanguinaria, reazionaria e imperdonabile storia della Chiesa cattolica implicitamente la avalla e quindi, per quanto mi riguarda, non gode di alcun credito nei confronti di chi antepone la ragione alla fede cioe' ragiona.

Poi ci si mette pure Bergoglio stesso (grazie, ma non serviva) a ricordarmi e confermarmi la sempiterna validita' della mia posizione, con quelle ingiustificabili e imperdonabili frasi sull'obiezione di coscienza dei medici, pronunciate alcuni giorni fa.

Per me un medico che si rifiuta di effettuare una prestazione (es: somminisrazione della pillola del giorno dopo) per motivi di obiezione di coscienza andrebbe cacciato: ha sbagliato mestiere. Piu' volte e' successo questo e piu' volte non c'era nessun collega non obiettore a sostituire questi campioni di coerenza. Se le tue idee religiose, che dovrebbero riguardare la tua sfera privata, ti impediscono di svolgere il tuo mestiere (che in questo caso poi e' una missione e non un mestiere), vai anzi a fare il coltivatore diretto o il tassista o il bibliotecario: sempre meglio che impedire a un paziente di esercitare un suo diritto e violare una legge dello Stato.

Io ho fatto obiezione di coscienza: per un anno ho servito civilmente la patria. Un anno utile: non dodici mesi a far marcette e a lucidare armi. Chi preferisce fare il militare puo' accomodarsi pero' poi se deve sparare spari! Io non mi sono arruolato e poi, davanti al nemico armato, calato le braghe per motivi religiosi facendo uccidere i miei compagni.

La mia idea sulla Chiesa cattolica e sulle religioni (vedi mio post http://mauroarcobaleno.blogspot.it/2014/08/scegli-la-tua-religione-il-catalogo-e.html) e' una e tale resta, adieu.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: