Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 1 gennaio 2017

Un muro senza crepe

Il 2016 ormai agonizzante e il 2017 appena nato ci hanno detto, proprio nel momento in cui si stavano stancamente passando il pesante testimone, che stiamo facendo alcuni errori con Alizée e questo, per uno come me che desidera un bimbo dall'età di 14 anni e che immodestamente ritiene di essere portato per la cura e l'educazione della prole, è abbastanza fastidioso e impone correzioni brusche ed immediate: a tre anni e quattro mesi siamo già a un'età in cui non si scherza e nulla va tralasciato; il tempo non sistema quasi mai i problemi da solo, al massimo attutisce il dolore, che non è poco ma non riguarda ciò di cui sto parlando.
Io ho diverse idee in merito a quel che non va e andrebbe corretto, il percorso di crescita ed educazione è però a due e questo, laddove non vi sia condivisione e concertazione di intenti e di metodi, può creare ulteriori problemi.
Il bimbo è fin da piccolo abilissimo nell'individuare le più piccole crepe e fenditure in quello che dovrebbe essere il monolitico muro genitoriale, e se le individua ci si infila con perizia facendo leva e trasformando giorno dopo giorno la fenditura in breccia e poi voragine. Poi, anche accertato che il muro sia solido, il discorso si sposta sul metodo e sulle regole, e qui si aprono più fronti.
La questione dell'educazione è una delle più complesse. Se è vero che fattori esterni come scuola, compagnie, televisione, internet hanno un rilevantissimo potere di influenzare il piccolo (nel bene e nel male, spesso nel male, in particolare i fattori 2 e 3), e se quindi è vero che fare il genitore oggi è estremamente più difficile e complesso di quanto lo era negli anni '60, tuttavia è anche vero che il genitore ha un potere immenso fino ai 12-15 anni, e comunque grande sino ai 18 e oltre, quindi può fare bene, e molto, per modellare il figlio che è come creta nelle sue mani e per contrastare gli eventuali effetti negativi dei fattori di cui sopra.
Ma, appunto, ci vuole abilità, pazienza, e condivisione di intenti e metodi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: