Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 28 luglio 2017

Il genio del giorno

Oggi si è raggiunta un'altra vetta di perspicacia assoluta... stavo discutendo su Twitter a proposito dell'obiezione di coscienza e del fatto che secondo me se uno ha di questi "problemi" non dovrebbe fare il dottore o il farmacista o altre professioni di pubblica utilità, perché esercitando il suo diritto (?) all'obiezione di coscienza lede l'aspettativa legittima di un cittadino a vedere applicata una legge e riconosciuto un suo diritto (d'altra parte se io soffro di vertigini non faccio l'acrobata), quando un tizio con cui discutevo se n'è uscito con l'affermazione curiosa secondo la quale visto che lavoro in un negozio e quindi non sono esperto della materia dell'obiezione di coscienza devo stare zitto, non posso parlare... probabilmente il tizio commercia in obiezioni di coscienza.
Ovviamente poi, come sempre accade quando si discute col 95% delle persone, il tizio ha condito le sue affermazioni deliranti con le solite offese tipo "cane" e giù di lì, dimostrando così a tutti quello che del resto era già evidente anche ai pochi dotati di maggiore intuito e cioè che era provvisto di ben pochi argomenti e quasi nessuno valido.

blog.mauroarcobaleno.it


Nessun commento: