Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

sabato 3 ottobre 2020

Banche e Covid



La cosa è proseguita anche durante l’estate, quando il Covid aveva un po’ mollato la presa, quindi la scusa della pandemia non regge. Le Poste sono più o meno tornate agli usi consueti e così gli altri negozi, a parte il limite all’ingresso, il flacone col gel etc.
Quindi non capisco.
Da marzo per andare in banca occorre prenotarsi. A volte ti danno appuntamento anche 5 giorni dopo. Se passi senza telefonata ti guardano maleanche se l’ufficio è vuoto (anche se poi io, una volta, sono stato comunque ascoltato e alla fine sono stati cortesi). So che ufficio vuoto non vuol dire assenza di lavoro per lo sportellista, però, insomma: un minimo di servizio lo vorremmo, a fronte del canone! Per tacer del fatto che se presto soldi io ho interessi negativi se me li prestate voi li ho positivi e salati). E tutto questo solo per un libretto di assegni o un prelievo (non fattibile col bancomat che comunque mia madre non ha e non vuole).
Io so che un conto è il banchiere e un conto il bancario. So che stanno andando nella funesta direzione di chiudere sportelli e lasciare a casa gente: quindi persone in difficoltà e clienti con sempre meno servizi a fronte di costi immutati o maggiori.  Infatti mi lamento con chi ha colpa, non con chi subisce come me. Non ha senso non aver ripreso il solito tran tran (con fila all’esterno, gel etc.) Cos’hanno le banche di speciale?
Non è che ci stanno marciando?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: