Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

domenica 30 settembre 2018

Fraintendimenti

In tutta franchezza ho fatto il callo alla possibilità che qualcuno possa offendersi per quello che dico o per quello che scrivo, e non perché io sia un individuo arrogante oppure un cafone o un individuo insensibile o un carro armato che si muove nell'animo degli altri con la stessa delicatezza di un elefante obeso in una cristalleria, no.
Semplicemente per il fatto che il fraintendimento è sempre possibile quando si dicono o si scrivono cose senza timori o infingimenti; l'unico modo per evitarlo sarebbe non dire e non scrivere nulla, oppure dire e scrivere solo ovvietà, fare affermazioni banali, scontate, sui social limitarsi a inoltrare i soliti aforismi o a postare le solite frasette del tipo "che freddo che fa oggi" o "buongiorno, caffè?", e comunque nemmeno in questo caso saremmo del tutto esenti da rischi perchè le capacità di fraintendimento degli esseri umani sono sorprendenti e, infine, tutte le volte che si è chiamati a prendere posizione su una questione, non sbilanciarsi mai, dando un colpo al cerchio e un colpo alla botte, "veltronianamente".
Intuirete già, forse, che non è materia per me.

Il rischio di non essere capiti, o di offendere l'interlocutore, aumenta esponenzialmente quando si fa dell'ironia e dell'intento dissacrante una cifra rilevante della propria scrittura; è evidente che, quando si ricorre all'ironia e si tende a dissacrare tutto quello che gli altri considerano (a torto o a ragione, ma quasi sempre con fanatismo) sacro, i rischi sono maggiori e il terreno su cui ci si muove è più accidentato, ma anche qui il fraintendimento è inevitabile anche qualora ci si muova in ogni caso appropriatamente e con cautela.

Ecco quindi che, in definitiva, se si vuole scrivere o dire quello che si pensa, o comunque esprimersi senza particolari freni e odiose autocensure, ma sempre, si intende, nel rispetto degli altri, si deve accettare questo rischio come inevitabile, come un aspetto facente parte del gioco. D'altra parte è la lezione pirandelliana; noi non siamo una sola persona ma tante persone, siamo quello che noi pensiamo di noi stessi ma siamo anche tante persone quante sono quelle che ci conoscono.

Certamente la soluzione migliore e quasi del tutto esente da rischi sarebbe quella, come detto, di non parlare o di parlare poco e senza squilli, ma sarebbe come dire che l'unico modo per non rischiare una frattura è non muoversi dalla poltrona... Francamente io, che non sono certamente un tipo molto sportivo nella vita, per quanto riguarda la scrittura adotto invece un'altra filosofia: scrivo e dico quel che penso, sempre col mio solito savoir faire, che reputo non proprio indifferente, e se qualcuno si offende me ne faccio una ragione.

Ho già scritto in passato su questo argomento post nei quali facevo notare come se io dico che amo i cavalli questo non vuol dire che sono un proprietario di cavalli o uno che cerca di vendere cavalli o un cavallo io stesso... e allo stesso modo se critico una manovra economica del governo che per esempio aumenti eccessivamente gli stanziamenti per la tutela degli animali domestici questo non vuol dire che necessariamente io sono una persona malvagia o un torturatore di gatti. Forse molti confondono l'essere diplomatici con l'essere supini, l'espressione di se stessi con l'arroganza e la coerenza e saldezza delle proprie posizioni con la litigiosità, e pensano che tutti quelli che parlano siano mossi sempre da un interesse specifico. Certamente questo può essere vero in moltissimi casi, ma non sempre. Non bisogna mai, nella vita, trascurare le eccezioni...

Nel mio caso l'unico interesse specifico è quello di scrivere, attività che mi dà piacere; capisco bene che
costituendo io un'eccezione possa finire per determinare diversi problemi nel giudizio che altri si formano su di me. Ma, davvero, è un problema che non mi riguarda perché, il giorno in cui mi riguardasse al punto da dover stare attento ad esprimere le mie opinioni, sarei sicuramente più amato e più compreso, ma non sarei me stesso.

Ecco quindi che, se a causa di uno di questi fraintendimenti, mi trovo impegnato in una discussione che non avevo preventivato o addirittura ho la percezione che possa essere messa a rischio un'amicizia, ebbene pur dispiacendomi non posso che trarne l'ovvia conclusione che a volte è necessario discutere per far capire alle altre persone
che non hanno capito niente di quello che pensavano di aver capito, del tema trattato e in definitiva di te come persona, e che, parlando in generale, se l'amicizia è tale da poter saltare per via di un fatto di questo tipo, forse non era propriamente quella che si può definire un'amicizia, sempre se, si capisce, vogliamo ancora dare alle parole il significato e il peso che hanno e non assecondare invece la tendenza, che sta prendendo piede negli ultimi anni, di stravolgere il senso delle parole e di usarle a sproposito.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: