Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

giovedì 4 ottobre 2018

Ciclo

Del ciclo (mestruale) si parla sempre sottovoce (ho le mie cose, ho mal di pancia, etc), guai poi a dire in pubblico a voce alta parole come mestruazioni, flusso, assorbenti. Oh my God! Per non dire di preservativo.
Al di là di questo ho riletto ieri su Mind una cosa che non ricordavo: fino al 1963 non era permesso alle donne di entrare in magistratura, e fino al '57 di diventare chirurgo. Lo sapevate?
E sapete perchè?
Perchè si ritenevano inaffidabili a causa della labilità emotiva di "quei giorni".
In un certo senso l'equivalente della situazione in cui tu rispondi a bischera e l'uomo ti dice: "ehi che c'hai? sei sotto ciclo?" e tu ti inc@zzi ancora di più (specie se lo sei).
Oggi queste concezioni obsolete sono state superate, ma state tranquilli che un imputato che venisse a sapere (non immagino come, in ogni caso) che il giudice donna è sotto scacco avrebbe un po' di paura in più :-)
Spesso si dice che fra preciclo, ciclo, post ciclo e balle varie una donna è nervosetta 29 giorni su 30, ma queste sono ingiurie!...

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: