Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 17 ottobre 2010

Se non ti viene in mente nulla di degno, non dire nulla

Eh sì... ancora zucche non proprio piene...


http://tv.repubblica.it/cronaca/tg5-minatori-cileni-come-il-gf-la-rete-insorge/54906?video=&ref=HREV-2
oppure:
http://www.youtube.com/watch?v=cecdSkML-xQ

Il servizio "giornalistico" del TG5 in cui si fa un paragone tra la vicenda dei minatori cileni tratti in salvo dopo giorni di prigionia forzata sotto terra e l'uscita dei concorrenti del Grande Bordello dalla "Casa" e' semplicemente IDIOTA. Di un'idiozia che ti viene quasi scrupolo a criticare perchè ti sembra di infierire. Una delle varie (e tutte assurde) ragioni addotte per giustificare questa emerita cavolata è la somiglianza delle scene di giubilo, forse perchè chi scrive non immagina quelle che si avrebbero nelle piazze se certe televisioni e certi tg sparissero dal panorama televisivo. I giornalisti poco ispirati o, peggio, poco capaci non capiscono mai una cosa semplice: se non ti viene in mente nulla di degno, non dire nulla, racconta i fatti e basta, in Italia ce n'e' bisogno, credimi. Dare credito a qualsiasi baggianata che ti zompa nella testa e tradurla, per esempio, in un "insospettabile parallelismo con un evento molto meno drammatico" è pericoloso e porta a figuracce come questa. Sarebbe bastato rileggersi una volta quanto si era appena scritto per decidere di strappare il foglio in mille pezzi e passare ad altro, magari all'ultima inchiesta (l'ennesima) che vede coinvolto il premier di uno dei paesi più industrializzati al mondo che non riesce a quanto pare a candidare alla guida del paese uomini, capaci o meno, perlomeno in regola con la giustizia.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: