Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

sabato 10 marzo 2018

Le prime intemperanze di Alizée Doria Primavera

Prime intemperanze disciplinari della piccola (4 anni e mezzo) in ambiti differenti da quello familiare.
Due piccoli episodi per i quali ha attenuanti varie (oltre a quelle della giovine età e dell'inesperienza delle cose della vita) ma anche specifiche colpe, da quanto emerso dal racconto delle "Mamme di scuola" altrimenti definite Maestre e dall'"interrogatorio" cui l'ho sottoposta ieri, con modi garbati ma stringenti, MAIEUTICI direi. L'imputata, sebbene un filo reticente, ha ammesso le sue responsabilità senza accampare scuse, cercando solo di minimizzare l'accaduto. Verificheremo poi se ha vuotato interamente il sacco o se sul fondo ha lasciato i particolari più sgraditi.
Due episodi non rilevanti, certamente, quasi banali (non è che a 4 anni puoi sparare a uno eh, anche se negli States capita) ma io sono da sempre dell'idea che se si spegne un incendio quando ancora è piccolissimo si evitano danni peggiori e maggiori fatiche.

I piccoli hanno un bisogno fisiologico di provare ad eccedere le regole con sistematicità per verificare sul campo quali sono i limiti e quali le autorità; sta a noi confermare loro che hanno superato i primi e irritato le seconde. Senza far terra bruciata, specialmente ai primi giri, ma anche senza troppa accondiscendenza: un mix è l'ideale.

Vedremo se la mia ramanzina di ieri e il lavoro sottotraccia che svolgerò nei prossimi giorni riuscirà a spegnere il piccolo (e devo dire non del tutto inatteso, data la natura dei piccoli in genere) focolaio di insubordinazione.

Purtroppo c'e' chi è esuberante di suo e prende l'iniziativa grazie alla sua maggior sfacciataggine (che però mette al servizio di stupide disobbedienze invece che di proficui atteggiamenti ed apprendimenti) e chi segue l'esempio negativo a mo' di pecorone. Sono entrambi comportamenti sbagliati, anche se forse il secondo è più facilmente correggibile.

Occorre far capire qual è l'errore e quanto è grande la delusione che si provoca in chi crede ciecamente in te (come vedete, psicologia a piene mani), e far anche presente che se il pecorone smette di seguire il capo branco dopo un po' il capo branco cambia comportamenti, non vedendoli più premiati dall'adesione entusiasta e acritica dei compagni di goliardia.

Il futuro, come sempre, si incaricherà di dirci tutto quel che ancora non sappiamo.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: