Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

lunedì 3 dicembre 2018

Sempre la solita storia, "La Juve ruba" etc... Ma non vi è venuta a noia?


Sì. A me sì. Non ne posso più di sentir dire che la Juve ruba. E anche degli scudetti che la Juve si appunta da sola sul petto (scudetti non di carta questi, ma inesistenti, in quanto non assegnati o revocati dall'organo di giustizia sportiva dello stesso sistema che a fine anno ti appunta quello che hai vinto e che vinci orami di seguito da anni...). E non ne posso più di chi al bar dopo due secondi di discussione con un bianconero passa al "sapete solo rubare", al che il bianconero ribatte con le solite trite ovvietà su Moratti. E dello juventino che parla solo di scudetti e tre punti, come se lo sport fosse (solo) questo.
Quindi sì, mi è venuto tutto a noia.
Ma c'e' un ma.

Se i tifosi juventini, di fronte all'evidenza delle prove di quell'immenso e vergognoso scandalo detto Calciopoli (intercettazioni oltremodo chiare, inutile discutere: chi lo fa dimostra idiozia o malafede) avessero pesantemente sconfessato la dirigenza del tempo e si fossero dissociati con forza da quell'andazzo, con forti contestazioni e richieste di dimissioni del blocco delinquenziale, adesso nessuno avrebbe nulla da dire o quasi. E se ancora oggi ricordassero con orrore quei tempi e quei figuri.
Se i miei dirigenti dovessero commettere azioni turpi a danno della società sportiva per la quale faccio il tifo, con loro me la prenderei, non coi giudici, di fronte alle intercettazioni poi!, e vi lascio immaginare quanto me la prenderei.

Invece la quasi totalià dei tifosi juventini non l'ha fatto, preferendo pensare al complotto (di fronte alle intercettazioni purtroppo si possono solo alzare le mani, per non dire poi dei fatti in campo e dei sospetti di anni) e preferendo adottare il sistema "ok, ma l'Inter?"
Ricordo che furono coinvolti pesantemente anche i dirigenti di altre squadre, Milan, Lazio, Fiorentina, Reggina etc. Ma il caso Juve era un unicum.

Ecco perchè adesso capisco la frustazione del tifoso juventino tipico, che ogni giorno è preso di mira da chi lo definisce ladro. Mi dispiace che ciò accada, anche perchè è brutto passare da il 4-4-2 forse non è il modulo più adatto a siete solo dei ladri, perchè è scorretto farlo, perché la Juve è una squadra molto forte come tecnica e come mentalità e avrebbe e ha i mezzi per vincere moltissimo in ogni caso, perchè si avvelena costantemente il clima che invece dovrebbe essere di concordia, trattandosi di sport.
Ma per i motivi sopra ricordati non lo compatisco, questo juventino tipico.

Perchè se ti schieri con chi ha barato (addirittura i bari sono nel Pantheon societario adesso) non meriti la mia compassione se ti chiamano ladro ogni giorno, anche quando non ce n'è motivo e anche se chi lo fa magari ruba pure lui. Ti sei schierato da una parte, ne prendi le conseguenze.

Mi dispiace per i bimbi e per quelli la cui passione sportiva è sincera e pura. Ma le colpe sono dei padri.
Nell'atteggiamento che hanno deciso di assumere quando è venuto a galla il marcio.
Tacere, sopire, negare.
Chiudere gli occhi.
Schierarsi non con la squadra sportiva, la passione, l'onestà e contro i bari. Ma con i bari, contro tutto il mondo.

Calciopoli per me sarà sempre una ferita aperta. Perchè io da quando seguo lo sport voglio vincere ma vincere non è mai stata la cosa più importante.
Così mi hanno insegnato, ho avuto ottimi padri, anche sportivi (Mantovani), un'ottima scuola calcistica.
Calciopoli sarà sempre una ferita. E tutte le piccole calciopoli che ci sono state prima e dopo.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: