Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

giovedì 23 aprile 2020

Non erano mostri, erano stati educati male

Il vero significato del 25 aprile
Cosa vuol dire resistere, anche e soprattutto oggi
———————

E’ accaduto, dunque può ancora accadere.
Questa frase di Primo Levi è enorme nella sua semplicità.
E chiarisce, soprattutto oggi, a tre generazioni da quei fatti orridi, che “resistere” è un modo di vita, che occorre resistere ogni giorno, senza aspettare l’irreparabile.
Resistere significa avere coscienza di sé, saper giudicare e discernere senza farsi condizionare; significa libertà di pensiero e coraggio di parola. Si tratta di non minimizzare, non trascurare, non girarsi dall’altra parte.

Dietro i forni crematori c’era la Germania degli anni ‘40, ci ricorda GIANNI #OLIVA in un bellissimo articolo pubblicato oggi sul Fatto Quotidiano. La nazione più alfabetizzata al mondo, il Paese di Brecht, Mann, Einstein. Eppure in pochi anni il totalitarismo ha trasformato un popolo di tedeschi in un popolo di nazisti e lo ha fatto mettendo a tacere le voci discordanti e controllando l’informazione e l’educazione. I nostri aguzzini, ricorda Primo Levi, non erano mostri non erano uomini geneticamente tarati; erano come noi, ma erano stati educati male.

Ecco perché la resistenza non è solo la Resistenza armata all’occupazione tedesca e a Salò negli anni ‘43-‘45; è anche e soprattutto un modo di essere, oggi più che mai valido.
E ringraziamo chi all’epoca decise di prendere la montagna, chi ha resistito con armi o senza, chi ha avuto il coraggio di portare avanti un sistema di valori opposto a quello imperante, a rischio della vita.
Se numericamente la Resistenza da sola non sarebbe probabilmente bastata, moralmente ha avuto e ha un significato altissimo.

Grazie ancora a Oliva.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: