Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

sabato 19 settembre 2015

Quanto faccio schifo io (Parte 1)

OVVERO: come una donna che mi conosce appena e con la quale non ho mai scambiato una parola che non fosse di lavoro possa arrivare in pochissimo tempo ad offendermi in maniera così globale, circostanziata, reiterata e livorosa. Tutta questione di intuito o ha avuto solo culo?


Parte 1
Abbiamo parlato per sei-sette minuti in tutto, nella nostra vita, divisi peraltro in due occasioni, sempre alla presenza di testimoni. Ho parlato molto di più col mio edicolante. E abbiamo parlato sempre di questioni di lavoro. Mi pare di non averle nemmeno mai stretto la mano, ma non ci giurerei (ci sono persone che ti fanno la radiografia già con la stretta di mano, a me invece basta guardarle, spesso).
Ci siamo scambiati alcune mail, sempre per questioni di lavoro (in tutto sette o otto mail, anche se lei per abitudine a una mia mail lunga risponde a pezzi inviandomi anche otto mail nel giro di dieci minuti), comprendendo anche le ultime in cui lei ha "sbroccato".
Mai parlato per telefono o su whatsapp, chat o simili. Non so di preciso dove abiti, quale sia il suo numero di cellulare, dove lavori. So di lei qualche dettaglio, per sentito dire, del tipo fa questo lavoro qua, odia o ama questo regista o questo cantante qua, è di questa religione qua (mamma mia).
Siamo entrati in contatto perche' conoscente di persona che conosco bene e, si badi bene, su suo impulso e per questioni professionali (es: sapete che la moglie o la sorella di un vostro amico vende tostapane e chiedete all'amico se vi fa avere un preventivo e un consiglio, questo è il quadro).
Fin qui nulla di strano, anzi il tutto è piuttosto banale e voi, se mi state leggendo provenendo da Facebook (quel social che non riusciamo a gestire con la tranquillità necessaria perché la vita reale ci disturba e ci toglie tempo), sarete a questo punto già passati al post sottostante, quello pubblicitario con la foto di una gran gnocca scollacciata e il testo ammiccante che vi dice "Guardate Martina cosa tiene sul tavolo del salotto, veramente scandaloso!" Come darvi torto?
Questa è la parte 1, quella meno interessante dopotutto. Ma chi è quel cretino che spara tute le cartucce al primo colpo? Se interessati, sapete dove trovarmi (per ora, poi forse in galera, non so mica...)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: