Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

martedì 28 marzo 2017

Siete idioti

Potrei dire che non si deve uccidere un essere umano, che è contro ogni morale, che è un peccato gravissimo, ma preferisco andare oltre questa visione per certi versi relativa e limitante: ciascuno ha una sua morale, una sua religione, il suo modo di vedere le cose del mondo. Oggi voglio essere pratico.
Dico che vedo decine di idioti che di punto in bianco decidono di rovinarsi la vita: basterebbe pensare a questo per evitare di commettere alcuni omicidi, anche se chi li sta per commettere non dovesse credere in alcun valore. Leghi per sempre la tua vita a quella della persona che più odiavi (la odiavi tanto da ucciderla); non ti pare grottesco? Un conto è uccidere per legittima difesa, per salvare te stesso a i tuoi cari da ingiusta e potenzialmente letale offesa, qui è questione di sopravvivenza, ma uccidere come spesso accade oggi davvero è insensato, prima ancora che bestiale.
Giovani uccisi dal branco, mariti che uccidono mogli o figli (ieri uno ha ucciso a martellate i figlioli di 2 e 4 anni), madri che si lanciano nel vuoto con la creatura in braccio, migranti o poveracci presi di mira, omicidi a seguito di futili discussioni stradali o banali questioni di vicinato o squallide trame di pseudo amori spesso non ricambiati: fate ridere, prima ancora che ribrezzo.Fate ridere e schifo insieme.
Che vendetta è uccidere e uccidersi? Pensate che domani nell'universo si parlerà di voi? E come potrà soffrire di questo la persona che odiate, se l'avete uccisa e quindi in un certo senso liberata da ogni sofferenza? E voi, quale vantaggio ne avrete, essendo morti pure voi? O credete fermamente in un aldilà laico, o siete, per l'appunto, idioti, ciecamente idioti.
Un gesto e la vostra vita, in un certo senso, finisce. Certo, meno di quella del tizio che avete (spesso vigliaccamente) ucciso, ma finisce. Non avrete più pace, non potrete più fare quel che vi piace, e avendo commesso certe turpi azioni a occhio la limitazione vi dovrebbe pesare ancor di più dato che quel che avete fatto dice che siete tipi più materialisti che spirituali. Spese legali, risarcimenti milionari, carriere lavorative o di studi interrotte, futuro spezzato, affetti troncati, galera, accuse e ingiurie di ogni tipo, processi, colloqui, appelli, cassazione, isolamento. Basta con gli apericena, con la moto da seimila euro, con i sabato sera a cazzeggiare. Certo, in Italia spesso il diritto è un carnevale, spesso nemmeno vi beccano, spesso se vi beccano ve la cavate con dieci anni quando ne avreste meritato quaranta, ma la vostra vita, come era fino a quel giorno, come piaceva a voi, finisce. O diventate dei braccati, degli squallidi latitanti, o dei galeotti: magari miracolati, ma pur sempre imprigionati.
iete idioti, prima ancora che bestie immonde. A ben pensare, siete bestie immonde perché profondamente idioti.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: