Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

giovedì 17 dicembre 2009

Il tramonto non porterà subito a un nuovo giorno

Il fatto che Berlusconi sia stato ferito al volto da uno squilibrato è un episodio da condannare. La violenza, di qualsiasi tipo (verbale, psicologica, fisica) è da rigettare. Tartaglia sarà processato e sarà punito secondo quanto stabilito dalla legge e già questo dettaglio lo differenzia enormemente dalla persona che ha ferito in Piazza Duomo.

Ma il fatto che Berlusconi sia stato ferito al volto da uno squilibrato non modifica di un pelo il giudizio che ho su di lui, la sua condotta profondamente antidemocratica, la sua storia giudiziaria assolutamente incompatibile con qualsiasi carica pubblica, il suo passato oscuro, le sue menzogne, le sue reticenze, la sua condotta privata e pubblica del tutto indegna di un uomo di stato, le sue continue violenze verbali e delegittimazioni e le sue nefandezze. E il fatto che abbia modificato più volte le leggi per sfuggire ai processi, comportandosi di fatto come un colpevole e come un golpista mascherato. Riassumendo: l'aver ricevuto una statuetta sul volto non fa di lui un uomo migliore, quindi al dispiacere che sempre si prova quando assistiamo a un atto di violenza non segue nessun altro sentimento che possa mutare il nostro giudizio, come è giusto che sia. Per i suoi servi sciocchi sostenere questo equivale a essere i mandanti morali di quell'atto. Resta da chiarire chi siano i mandanti morali delle emerite cazzate che in questi giorni diversi esponenti della maggioranza hanno trovato il modo di dire. Affermare che Marco Travaglio è un terrorista mediatico e il mandante di quell'aggressione (Cicchitto) è una idiozia colossale, parlare di terrorismo di sinitra (Carfagna) è ridicolo.

Davvero fa vomitare poi vedere il modo in cui il centrodestra con le sue tv ha utilizzato e sta utilizzando a fini mediatici la vicenda. I tg ormai sono insopportabili megafoni del potere, inaffidabili e patetici. La sera apprendiamo le ultime su Berlusconi ricoverato, la mattina come ha passato la notte. Bonaiuti che ci racconta come se la passa il premier è stucchevole come un dolce in cui sia finito per errore l'intera scatola di zucchero.

Merdoso è poi il tentativo di sfruttare la vicenda per mettere finalmente la mordacchia a Internet, l'unico media ancora libero (e quindi pericoloso). I veri golpisti sono quelli che fanno queste cose, non i giornalisti che raccontano la verità (scomoda) o i magistrati che fanno il loro dovere.

Anche questo modo di fare politica è violenza. Non si differenzia da quella di Tartaglia, che è solo un esagitato o uno svitato e quindi va scusato, a differenza di chi ci governa, che non ha scuse. Anche dire che non c'è crisi quando la gente perde il lavoro o non ce la fa a pagare il mutuo è violenza. Anche farsi le leggi secondo i propri comodi e mortificare la democrazia è violenza. Chi è cattivo maestro si astenga dal dare lezioni agli altri.

Quando Berlusconi tramonterà, ci vorranno anni e anni per eliminare le scorie e gli effetti negativi di questo modo di fare e di intendere la politica. Il nostro paese era già disastrato, adesso è seriamente compromesso. L'illegalità è diffusa e vissuta come normale, la democrazia in pericolo, l'informazione manipolata dal potere al 90 per cento. Dispiace vedere connazionali, accecati da pregiudizi e fanatismi di parte, incapaci di rendersi conto di palesi verità come queste, delle nostre tristissime condizione e prospettive.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail


4 commenti:

fioredicampo ha detto...

Come faccio a condividere questo post su Facebook?

Anonimo ha detto...

Sono rimasta impressionata da come i politici abbiano manipolato la situazione per : mettere censura ad internet, mettere l'oscuramento a Facebook (roba da dittatura), manipolare il popolo rendendo il Presidente del Consiglio un martire.
In questi giorni si sente parlare solo del nostro presidente e delle pagine a sfondo violento create su Facebook. Il culmine è stato raggiunto da Maroni parlando persino dell'oscuramento di esso. Ma stiamo dando i numeri? Con quale diritto credono di toglierci la libertà di scrivere ciò che vogliamo? Rimango senza parole.
Buone Feste Mauro e speriamo in bene!
By Giada.

mauroarcobaleno ha detto...

innanzitutto, fiore, grazie per le segnalazioni che farai.
per segnalarlo fai cosi' (ho fatto una aggiuntina ora ora): clicca sul titolo del post che vuoi segnalare, scorri fino a fondo post e prima dei commenti trovi i link
ciao:-)

a giada: Egli si è sacrificato er noi, il Suo dolore non sarà vano se svelenira' il clima politico (cosi' dice Lui)

fioredicampo ha detto...

Fatto!
Grazie a te, Mauro.
Se vuoi aggiungermi agli amici di FB cercami tramite l'indirizzo di posta elettronica: gianna.barbagli@virgilio.it
Ciao.