Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

martedì 19 aprile 2011

Scaricabarile

E' iniziato il processo che ci rendera' ancora piu' ridicoli agli occhi del mondo civile e che vede imputato per due reati gravissimi un barzellettiere che da anni, ben saldo alla sua poltrona di premier, si fa letteralmente i "casi" suoi e che nel tempo libero modifica le leggi per non farsi processare, tanto ha la coscienza pulita. E cosa succede? Quello che era facilmente prevedibile, e siamo solo all'inizio di questo circo, vedrete cosa accadra' andando avanti... Parlo di uno degli sport più praticati dagli italiani, assieme al salto sul carro del vincitore, e cioè lo scaricabarile. Minetti, quella che faceva l'igienista dentale poi è stata eletta (non da noi) e infine si occupava nottetempo di salvare prostitute finite in Questura, dice che erano Lele Mora ed Emilio Fede a portare le ragazze ad Arcore, in specie quelle minorenni, lei no di certo. Fede replica che quel che manca a Minetti e al suo legale è un buon psichiatra e dice che fu Mora a portare Ruby, lui di certo no (sebbene Ruby dica che è stato proprio lui). Lele Mora infine da' del boccalone al Fede e dice in pratica che quasi nessuno è mai atto ad Arcore, anche Berlusconi forse non c'è mai stato, e lui comunque poche volte.
Sta a vedere che c'era solo Ruby, nelle Arcore's nights. Chissà come si sarà annoiata tutta sola, poverina. Magari avra' ammazzato il tempo dando una scorsa agli estratti conto.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: