Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 31 gennaio 2016

Quella insostenibile pena del Family Day

Puntavano al milione, è stato un flop clamoroso. Dicono di avere raggiunto i due milioni, erano in realtà 350.000. La matematica non è un'opinione. In quella piazza e in quelle vie più persone non ci stanno fisicamente, sarebbe ora di finirla con le palle rimbalzate dai media servi e sciocchi.
Hanno buttato una giornata per cercare di impedire la felicità altrui, hanno vomitato odio.
Non vogliono che altri abbiano i diritti di cui loro godono, scendere in piazza per negare diritti è davvero meschino, penoso, squallido.
Hanno idee inumane, preumane, subumane; medievali, retrograde, razziste, omofobe. Culturalmente, fanno orrore.
Non conoscono la coerenza: in piazza c'erano orde di adulteri, pluridivorziati, pedofili o complici di pedofili, concubini, ragazze madri: il loro Dio direbbe ben altre cose. Se questa è la loro idea di famiglia, non si può che migliorare.
Sarebbero egoisti se l'estensione dei diritti indebolisse i loro; poiché così non è, sono solo disinformati e stupidi.
Ho sentito discorsi saturi di niente, mere bolle di vuoto, neuroni in difficoltà che giocavano ad acchiapparella. Nulla può giustificare la loro posizione.
Sono uno dei tanti motivi per cui il nostro paese è la vergogna dei paesi civili.
Sono indistinguibili da chi era contro l'abolizione della schiavitù o l'estensione del diritto di voto alle donne.
La storia li renderà irrilevanti, da macchiette quali sono ora.
I cartelli e le affermazioni del tipo: "sbagliato è sbagliato anche se dovesse diventare legge" sono in tutto e per tutto crimini contro l'umanità e come tali andrebbero giudicati, esattamente come il più bieco negazionismo: qui non si tratta di libertà di espressione, questa è discriminazione, è violenza, è sopruso.



autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: