Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

mercoledì 4 marzo 2020

Un martedì poco super

Ancora non si hanno dati definitivi sul SuperMartedì però è ovvio che dopo aver pompato Sanders per giorni adesso un buon risultato appare modesto.

La notizia è il risveglio di Biden (a volte si risvegliano).
Del resto porsi agli estremi non paga mai in termini di voti, i moderati-centristi (quelli che dicono di voler cambiare le cose ma poi tanto non cambia nulla) sono più rassicuranti. E Biden è uno di questi. Lo scandalo ucraino, le sue gaffes, il suo carisma prossimo allo zero e il suo programma all'acqua di rose non bastano a renderlo meno appetibile di Sanders, che davvero cambierebbe gli Usa e il mondo, se eletto, ma che fa paura a tutti quelli a cui le cose vanno bene o benino e che hanno paura di ogni cambiamento. Ecco perché lo chiamano comunista e lo dipingono come il diavolo, quando in realtà il suo programma è semplicemente illuminato da una robusta e salvifica socialdemocrazia.

Sanders vuole cambiare radicalmente tutto quel che non funziona, e ridare una speranza ai derelitti d'America, a quelli che sono strangolati dai debiti studenteschi, a quelli che sono terrorizzati dalla possibilità di perdere il lavoro e ammalarsi (zero copertura sanitaria). Sanders ha tutti contro: i Repubblicani, moltissimi Dem del suo partito!, le lobby farmaceutiche, l'industria delle armi, molti media, i ricconi, etc.
In più, nei giorni scorsi, tutti hanno endorsato Biden, anche il macellaio sotto casa mia e questo si è fatto sentire. Biden è Sistema. Obama è con Biden. Biden è rassicurante. Allora tanto vale tenerci Trump, forse. Forse no, ma insomma: ci siamo capiti: non avrai più i conflitti di interesse e le mattane del Carota, ma il trend non cambierebbe.

Sanders non ha immensi patrimoni personali da buttare in campagna come Bloomberg (mezzo miliardo di dollari buttati nel cesso in spot, per vincere solo le Samoa!), Sanders va avanti grazie ai numerosissimi contributi della gente comune, della classe operaia, degli sfortunati d'America (donazione media 18 dollari). Sanders deve combattare contro il mondo!

Se la spunterà Biden, Trump secondo me se lo mangerà come uno spuntino poco impegnativo.
Se vincerà Sanders, Trump rischierà di brutto: le due soluzioni saranno molto diverse, l'elettorato si polarizzerà, e allora ne vedremo delle belle.
Ma adesso, col risveglio del poco sveglio Joe, Sanders rischia di non farcela, anche perché arrivare con più voti al congresso lo esporrebbe comunque ai giochetti pro Biden, che Bernie potrebbe evitare solo staccandolo enormemente...



autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: