Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

lunedì 7 settembre 2020

Lerci e irrecuperabili


C’e’ gente in giro (molti Italiani...) la cui vita consiste nel fare i gradassi, picchiare, intimidire, molestare, ricattare, provocare, uccidere gli altri, e spacciare e fare la bella vita con proventi illeciti. In genere sono giovinastri, merdacce subumane, bestie con indosso abiti da uomo.
Questi devono essere messi in condizione di non nuocere prima che possano fare del male.
Spesso sono soggetti noti alle forze dell’ordine.

Quando uno scatena una rissa o ricatta o picchia per motivi futili non si deve fare il discorso: è la prima volta, passi. No, la prima volta va stangato. Perché se uno è così la prima volta è solo la prima volta che è stato preso, ce n’erano molte altre prima e ne seguiranno altre, fino al morto.

Per caso puoi scivolare o puoi investire un pedone. O puoi versare il latte. 
Ma certe cose per caso non si fanno, nemmeno la prima volta.

Le carceri sono un inferno, indegno di un Paese civile, ma le leggi sono troppo buone, davvero troppo.

Occorre togliere il lerciume dalle strade, prima che scorra il sangue.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: