Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

martedì 1 settembre 2020

Pecoroni



In Italia siamo (siete) così abituati al giornalista leccacul* o direttamente a libro paga del politico o dell’industriale che quando ne salta fuori uno che, bravo e talentuoso ma con idee proprie, critica tutti quelli che a suo dire lo meritano, e loda quelli che ritiene giusto lodare, senza avere datori di lavori o idoli da leccare, viene attaccato, sminuito e di volta in volta etichettato, ma con tutte le etichette, anche quelle fra loro opposte o incompatibili, a dimostrazione del fatto che il difetto è in chi etichetta e non nell’etichettato.

E’ tipico di un popolo che, sacrificati i suoi neuroni sull’altare del tubo catodico spargifango, e devastato da più di vent’anni di berlusconismo-leghismo-renzismo, ha perso lo spirito critico, la memoria storica e spesso è analfabeta, oltre a nutrirsi di pregiudizi ed essere facile preda di tranelli elementari architettati da grandi fratelli di quarta fila.




autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: