Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

giovedì 27 maggio 2010

La nostra vita (di Daniele Luchetti)

Il film racconta una storia personale, una storia tragica, e la cala nell'Italia di oggi: lavoro nero, evasione, immigrazione, Stato assente, presente difficile e futuro carico di incertezze, legge del più forte, ecc. Non giudica il protagonista, non vuole giudicarlo, ma lo racconta: sta a noi giudicare. E' un film molto triste, sia per la sciagura che lo apre sia per il clima che si respira e che è poi quello del paese in cui oggi viviamo. Ma nello stesso tempo è bellissimo il rapporto che c'è tra il babbo e i figli, un rapporto d'amore, ma anche un rapporto cameratesco, teso sempre a coinvolgerli, a prepararli alla vita ma anche a farli sentire parte della squadra fin da piccolissimi. Ed è bellissimo il clima di allegria che anima queste famiglie, povere, senza prospettive, con mille problemi e mille guai eppure sempre pronte a sorridere e ad aiutarsi nel momento del bisogno, sempre solidali, unite, sempre pronte ad incontrarsi e a condividere piccole gioie, felici di vivere nonostante tutto. Certo, il protagonista viola diverse leggi... vi è costretto dalle circostanze? Oppure è disonesto per vocazione? Ognuno formulerà il suo giudizio, Luchetti questo vuole. E' sempre difficile distinguere il bene dal male in maniera netta, in questo film lo è ancora di più: siamo bene e siamo male nello stesso tempo, siamo fatti così. E comunque alla fine fra le due possibilità che gli si aprono davanti Claudio sceglie quella che non frega gli operai. Spiace notare che molti non sono riusciti a cogliere la mano del regista di mestiere in questo ottimo film che colpisce allo stomaco e lascia lo spettatore triste ma non deluso, abbattuto ma più ricco. Quanto a Germano, poi, la sua interpretazione è ottima, davvero inaspettata. Luchetti firma un ritratto desolante dell'Italia di oggi ma amche un inno alla vita che va sempre e in ogni caso vissuta pienamente. Con Soldini è una delle più belle conferme di questi mesi.

La nostra vita
Italia, 2010, Drammatico, 95'
Regia: Daniele Luchetti
Cast: Elio Germano, Raoul Bova, Isabella Ragonese, Luca Zingaretti, Stefania Montorsi, Giorgio Colangeli, Alina Berzunteanu, Marius Ignat
Trama (filmup): Claudio (Elio Germano) è un operaio edile di trent’anni che lavora in uno dei tanti cantieri della periferia romana. E’ sposato, ha due figli, ed è in attesa del terzo. Il rapporto con sua moglie Elena (Isabella Ragonese) è fatto di grande complicità, vitalità, sensualità. All’improvviso, però, questa esistenza felice viene sconvolta...

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: