Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 23 maggio 2010

Maria Luisa Busi non ci sta!

Qualcosa si muove finalmente... Maria Luisa Busi, uno dei volti più noti dell'informazione televisiva, rinuncia con una decisione clamorosa a condurre il Tg1 e motiva ampiamente la sua scelta con una lunga lettera che riportiamo oltre; Giulio Borrelli rincara la dose (Una Rai senza la Busi e senza Santoro è una Rai più povera, a questo punto occorre chiedersi che senso ha il canone, dice Borrelli), Badaloni chiosa. Finalmente qualcuno fa sentire la sua voce ferma contro questo progressivo imbarbarimento dell'informazione, ormai asservita al potere nella sua quasi totalità, e contro un TG1 ormai diventato lo zimbello del mondo libero, grazie a chi lo dirige e a chi ha messo lì chi ora lo dirige. Roba che il Tg4 sta acquistando sempre più credibilità, al confronto: almeno lì sai bene chi muove le fila, al TG1 invece si spaccia l'informazione per libera da condizionamenti di parte... Finalmente una persona che rischia del suo, si espone, ci mette la faccia (anche se in questo caso lo fa decidendo di toglierla...), si batte per quello in cui crede!

Ecco la meravigliosa lettera della Busi (http://antefatto.ilcannocchiale.it/2010/05/22/mi_urlavano_scodinzolinibrnon.html). In attesa che altre persone oneste, altri giornalisti seri, che amano il loro lavoro e sanno di dover rendere conto solo alla verità e ai lettori e non a un capo e ai suoi interessi, si smarchino da questo schifo che spesso si condivide per pochezza morale e a volte, a malincuore, per convenienza. La rivolta morale può partire anche da gesti simili. Date retta alla vostra coscienza! Liberiamoci dello schifo che dilaga!

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: