Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

martedì 2 giugno 2015

Per chi ho votato e i discorsi da pirla

Non astenendomi per scelta precisa (non voglio fare il gioco dell'ex-sindaco arrogante che finora solo i fiorentini hanno avuto la bella idea di votare) a questa tornata io ho votato M5S, senza indicare preferenze: nessun problema a dirlo, come sempre dopo ogni voto. Ritengo che una formazione che, a differenza delle altre, non ha indagati o condannati fra le sue fila, resitituisce i soldi del finanziamento pubblico e pone il vincolo dei due mandati, in questo panorama si distinuga gia' nettamente dal restante, abituale, sconfortante marciume: scelgo la miglior portata fra quelle che il cuoco (e non io) ha preparato: si chiama votare.
Quanto a Renzi, la sua affermazione secondo cui alle regionali non si vota il governo mi puo' anche star bene, ma allora nemmeno alle europee, e quindi quel 40,8 di cui si e' vantato tutti i giorni dal 2014 a ora non significa nulla: ci vuole coerenza. I numeri sono chiari, le chiacchere stanno a zero: il PD mantiene lo stesso numero di regioni (non ne perde, non ne guadagna, il 5-2 e' fumo negli occhi), ma perde 2 milioni di voti in un anno (!) e ne prende pure 1 in meno del Bersani 2010; in percentuale dal 2014 a oggi scende dal 40,8% al 25% quindi perde un 16%; vince (in due casi per un pelo) dove si aspettava di vincere, perde rovinosamente sui tavoli dove aveva puntato tutto (Liguria, Veneto); alla fine il Renzi ducetto e amato dalla folla e' apprezzato da poco piu' di 1 italiano su 10 (il 25% del 52% di votanti fa il 13%): sarebbe questo l'uomo che ha l'appoggio incondizionato degli Italiani al punto di voler fare riforme importanti senza coinvolgere le minoranze e procedendo a colpi di fiducia? Ripeto: i discorsi servono per capire i numeri, ma i numeri non li cambi coi discorsi da pirla che ieri e oggi ho letto e sentito quasi ovunque. E, in ogni caso, il problema principale resta quello di cui nessuno, tranne M5S, parla: il fatto che un italiano su due se ne frega.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: