Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

giovedì 25 febbraio 2016

Siamo in guerra ma non si dice

Fra un petaloso e l'altro pare che siamo in guerra. La guerra è quella cosa che secondo la Costituzione noi ripudiamo, e poi facciamo regolarmente (cosa ci siamo andati a fare in Afghanistan? - E Iraq, Libia, Serbia, Kosovo)

A quel che ricordo, in una democrazia il popolo dovrebbe saperlo, se siamo in guerra. E magari il Parlamento approvare la decisione. Anzi, dovremmo ripudiarla. Anche se da decenni applichiamo la seconda parte dell'art. 11 nel senso che possiamo entrare in guerra se solo lo decidono cinque o sei ambasciatori. Partono i droni da Sigonella e nessuno ci ha detto nulla. Siamo in guerra con l'Isis e nessuno ci dice niente. Stiamo bombardando l'Isis che si sta espandendo davanti alle nostre coste senza che nessuno ci informi perlomeno sul come.
Ma che democrazia e'? La democrazia renziana, secondo una felice espressione non mia.
Che sia di nuovo una missione di... pace?


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: