Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

lunedì 12 giugno 2017

Elezioni comunali 2017

Sia a livello nazionale che a Carrara è successo quel che molti prevedevano e che alla fine, grosso modo, mi aspettavo anch'io. Si vede che non era difficile previsione, dopotutto. E, se era prevedibile, vuol dire che gli elettori hanno deluso, in primis con la solita astensione che pare da elettori sfiduciati e superiori e invece è solo da cattivi cittadini ed elettori pigri. I giornali e le tv gridano all'evento solo perché sono prezzolati, nemmeno a dirlo: devono dar fiato alle panzane partorite da due dei tre partiti più corrotti del paese. L'italiano guarda la tv, legge i giornali e vota; la rete fra quelli che si recano alle urne conta ancora poco, ecco perché ancora non è stato predisposto un bavaglio ad hoc. Quando dai tutte le informazioni e nel modo giusto (chiaro ed imparziale) le persone comprendono e si mobilitano, nel caso si sdegnano (vedi per esempio la discussione sulla morte dignitosa di Riina). Quando le nascondi, le annacqui, le tarocchi, la gente non arriva a conoscerle nella loro interezza e verità.

In sintesi, solo un popolo di disinformati può votare partiti pieni di corrotti e farabutti, guidati da leader inconcludenti e bugiardi, responsabili di decenni di ruberie, scandali e malgoverno. A meno di non pensar peggio di chi vota. Ma non penso; il voto è una decisione, e tu la prendi in base a ciò che sai, oltre che per emulazione o sensazioni. E ciò che sai dipende in primo luogo da come assumi le informazioni, quelle sulla tua città come quelle sull'Italia e sul mondo. Se io chiedo al macellaio se la carne è buona, avrò un certo tipo di risposta; se lo chiedo al suo acerrimo concorrente, ne avrò un'altra: entrambe non credibili. Basare la mia scelta su informazioni assunte in questo modo non potrebbe che farmi sbagliare. Alla fine, il meccanismo è semplice: è meglio rubare e controllare tv e giornali che cercare di comportarsi onestamente senza occupare i media: meglio non da un punto di vista etico, ma elettorale. Del resto quando c'é un golpe, gli autori occupano subito sede del potere e la sede di tv, radio e giornali, non il bar del paese o la camera di commercio o la bocciofila. Sono dinamiche note, ma sempre valide. Che la connessione internet in Italia faccia schifo rispetto agli altri paesi solo voi pensate che sia un caso.


Facendo quattro conti approssimativi, a Carrara ieri su 100 persone 67 hanno detto: va benone così, chi finora ha governato o ha fatto poco per ostacolare il governo locale si è ben comportato, dobbiamo continuare a dar loro fiducia, la città è ben amministrata, pulita, efficiente, ricca di attrattive, coi bilanci sani, sicura, a misura d'uomo, moderna, un gioiellino. Chi finora ha avuto il timone ha fatto bene, quei pochi errori possiamo perdonarli.
Le altre 33 hanno detto: è uno schifo assoluto da decenni, cambiamo radicalmente, peggio di così non si può. si è perso anch e il pudore.

Mi piace il voto, inteso come esercizio democratico, lo amerei alla follia se solo fosse perfetto, cioè arricchito da una propaganda imparziale di media terzi e non dalle fanfare dei media venduti, ma insomma: dicono che pretendo troppo. La stessa cosa che mi fanno capire quando ciancio di politici incensurati o di legge sul conflitto di interessi.
Nella mia vita mi sono sempre recato alle urne; solo una o due volte, in caso di referendum, mi sono avvalso dell'astensione come forma di scelta.

Dati questi numeri, quando nei prossimi 5 anni al bar incontrerò qualcuno che mi parlerà malissimo dei politici al governo e di quelli all'opposizione (tanto son tutti d'accordo), e mi dirà che le cose in città vanno malissimo da anni, etc. io dirò: evidentemente tu sei uno di quei 3 su 10, che fortuna averti incontrato; sei il dodicesimo oggi, lo sai? (prendo molti caffè). Non ho ancora incontrato uno che mi lodi la maggioranza e la minoranza che le tiene bordone, sarà un caso.

Il punto è che negli anni scorsi mi capitava di continuo di sentire discorsi come quelli, non sapete quanti negli ultimi mesi. Addirittura discorsi con minacce fisiche, offese irripetibili.
Le conclusioni tiratele voi.

Complimenti a quei 33 che indipendentemente da quel che hanno scelto hanno capito (non da ora) che la situazione è da rovesciare completamente e hanno votato di conseguenza. Con l'informazione che ci ritroviamo 3 su 10 è buono. Un affettuoso saluto ai 67: mi fa piacere che a così tante persone le cose vadano bene, è un buon segnale, solo: prendete meno caffè o al bar tenete la bocca chiusa così io mi gusto il mio, parlate di calcio, che so, tanto siete quasi tutti juventini. E complimenti anche a chi comunque è andato a votare, pur facendo bianca o nulla: come ho detto ieri, niente a che vedere con i pigri e i civicamente mal educati che sono rimasti a casa.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: