Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

martedì 23 ottobre 2018

Chi è peggio?

Quante volte ho dato del matto a qualcuno, e magari seriamente e non per scherzo? Eppure mai ho avuto noie dall'associazione malati psichiatrici, tanto per fare un esempio. O quante volte ho dato dell'ignorante, o peggio? Poche, in generale, perché sono un tipo educato, ma a volte è successo, e non tutti sono educati, comunque. O pensate alle battute sui calvi, sugli obesi, sui divorziati... e c'e' gente che si ammazza, a volte, per simili problematiche (non per le battute di un comico eh, ma per le problematiche vissute male o per i bulli della scuola o del lavoro, che non scherzano, ma sono seri, loro...), quindi non sono pillolette. Non dico nemmeno dei discorsi sulle persone di colore, l'Italia ci campa su queste storiacce.
O puoi fare battute su tutto o su niente, se cominci a porre paletti (questo sì, questo no) fai censura. Quindi come con Luttazzi, con Natangelo, etc, anche con Grillo, pur trovando la battuta un po' così (ma i filosofi della sinistra a cui si riferiva si sono offesi, poi?), io difendo il principio, sebbene quella di Grillo fosse comicità mentre quella di Luttazzi e Natangelo sia satira (sono due cose diverse).

La battuta sarà sgradevole, sgangherata, poco riuscita, fortina, si può dire quel che si vuole. Volete dire idiota? Fate pure, ma se scatenate l'inferno o cominciate a offendere siete nel torto. Come è legittima la battuta, per me, è legittimo che non piaccia, ma le reazioni (per esempio chi mi ha offeso personalmente su twitter solo perchè ho espresso pacatamente una mia legittima opinione su un fatto) sono inqualificabili, queste sì ingiustificabili, idiote. Il classico vomito che fluisce ciclicamente via social, innescato da eventi a volte minimali, fino a gonfiarsi di niente. Se qualcuno si ritiene ingiuriato dalla battuta di un comico, lo denunci. Se lo trova sgradevole, lo abbandoni. Ma che paese è quello che ridacchia alle serie affermazioni omofobe di pessimi premier, e comunque le lascia passare ("scherzava...") e si indigna per le battute magari infelici di un comico e predicatore? Per non parlare dei titoli razzisti di giornali prioritari, questi sì seri. Boh.
E lo dico io che conosco la problematica da vicino e sono, modestia a parte, tollerante ed equilibrato.

Se anzichè riflettere preferite pensare che io sia un'idiota, fate pure, è legittimo. Vi dimostrate però, così facendo, già peggiori del #Grillo che immaginate (solo) voi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: