Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 16 aprile 2010

Una collezione di valore inestimabile

Indignazione vivissima ha provocato l'ultima bislacca uscita del nostro premier presso coloro che, non essendo italiani, ancora riescono a stupirsi sinceramente della sua solida inconsistenza; parlo per esempio di Rushdie e di Grossman. L'affermazione secondo cui "la mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta" anche per i film e le fiction che ne hanno parlato, come "le serie della Piovra" e in generale "la letteratura, Gomorra (di Roberto Saviano ndr) e tutto il resto" e l'accusa quindi rivolta a tutti quelli che a suo dire fanno "pubblicità alla mafia" sono miseri tentativi di distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dal fatto che oggi per Dell'Utri (senatore, stretto collaboratore da sempre di Berlusconi, suo socio in Publitalia e cofondatore di Forza Italia) sono stati chiesti 11 e non più 9 anni di galera per concorso esterno in associazione mafiosa. Oppure sono solo frasi idiote, fate voi. La collezione è già vastissima, il suo valore è inestimabile. E ce l'abbiamo noi, che culo!

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: