Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 14 febbraio 2010

Odifreddi a "Massa Scienza" con "Hai vinto, Galileo!"

L'altro ieri sera ultimo atto della rassegna Massa Scienza, al teatro Guglielmi di Massa (MS), ospite Piergiorgio Odifreddi con il suo ultimo volume "Hai vinto, Galileo", dedicato alla vita e all'opera di Galileo Galilei, il famosissimo scienziato pisano che nel corso del XVII secolo visse e studiò entrando in rotta di collisione con l'ottusità e la violenza della Chiesa Cattolica. Platea gremita, palchi occupati per tre quarti, pubblico interessato e attento anche se un po' intimidito quando alla fine si è trattato di rivolgere qualche domanda al noto matematico, logico, saggista e divulgatore, divenuto famoso soprattutto nella sua veste di paladino degli atei o, quanto meno, di "eroe" e portavoce di chi, semplicemente, vorrebbe che l'Italia fosse veramente uno stato laico e che chi crede non cercasse di imporre quello in cui crede agli altri o di contrabbandarlo come verità scientifica svalutando così la vera scienza, che non di dogmi è fatta ma di osservazioni e di deduzioni, in una ricerca che sempre si rinnova di una verità spesso solo sfiorata ma non per questo meno ambita.
Odifreddi ha parlato di Galileo, dell'uomo (non privo di difetti), dello scienziato (non esente da errori) e dello scrittore (davvero talentuoso); ha ricordato le sue osservazioni e i suoi rivoluzionari scritti e la sua battaglia, perduta ma alla fine poi vinta, per affermare verità scientifiche contrastanti con quelle presunte tali della Bibbia. E' stato chiaro e brillante nell'esposizione, da buon divulgatore, pacato e divertente quanto è bastato per rendere piacevole una materia non facilissima; ha intrattenuto per un'oretta e mezza un pubblico soddisfatto. Non sono mancati i soliti accenni pungenti ai cattolici e alle loro rigidità intellettuali, spesso provocati da maliziose domande del pubblico. Odifreddi è mal visto da molti per la sua presunta cattiveria e mancanza di rispetto nei confronti di chi crede ma francamente l'ho sempre trovato sì pungente ma mai offensivo e comunque sempre preciso, esauriente e sicuro delle proprie argomentazioni, anche di fronte ad attacchi massicci.
E' l'unico appuntamento di questa rassegna a cui mi è capitato di partecipare. In estate avevo appreso con rammarico dell'annullamento della prevista data con la meravigliosa Margherita Hack, che spero di poter ascoltare presto.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: