Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 21 febbraio 2010

Una giuria di pochi neuroni e tanti ormoni

Per il secondo anno consecutivo, al fondamentale Festival di Sanremo vince un Amico della De Filippi. Inoltre il trio Pupo-Principe-Canonici, che complessivamente non commento per non rischiare di andare nel penale, arriva secondo, Mengoni (X-Factor) terzo. Inoltre vengono eliminati dal podio Cristicchi, Arisa, Grandi, Noemi, Fornaciari, Malika (premio della critica) e tutti i migliori. Gli orchestrali, di fronte a tento scempio, appallottolano gli spartiti e si ribellano. Traducendo: i migliori a casa, i re di Amici e X Factor e l'improbabile trio nazionale fra gli allori.

Ma davvero dobbiamo meravigliarci? Chi vota a Sanremo, spendendo 0,75 centesimi a sms (un furto)?
Io no. Mia madre e mio fratello no. Non conosco nessuno fra gli amici o i colleghi di lavoro che lo faccia. Votano gli adolescenti, o meglio: le adolescenti, quelle in piena tempesta ormonale, più ormoni che neuroni, che se solo dici Tokyo Hotels svengono con la bava alla bocca. Sedute accartocciate sul divano o per terra, magari in compagnia, tutte ridolini e strillini, orsacchiottini e cuoricini, sparano sms col nome dell'idolo agognato dai loro costosi gadget (che fra le altre cose servono anche per telefonare) con la stessa frequenza di un bombardiere di Bush sui paesi nei quali occorre esportare la democrazia. Premiano il tipo belloccio e palestrato o tenerone cucciolone che regala loro i primi brividi orgasmatici, e lo favorirebbero anche se si presentasse a cantare le pagine gialle stonando trenta volte; non votano la musica, il testo, l'interpretazione, scordatevelo. E da loro cosa ci aspettiamo, il trionfo di Cutugno (mamma mia!) o di canzoni di qualità come quelle di Cristicchi, Malika etc (magari)?
E questo sempre che il meccanismo di voto sia regolare, perchè io dove non vedo non credo, in questi campi. Troppo facile per un soggetto X inviare un pacco di sms al fine di portarsi a casa tutto il cucuzzaro.

In ogni caso, risultato atteso. Se fai votare i gatti non potrà vincere un cane. Se votano i cani, vincerà un osso. Se votano i porci, una ghianda. Il televoto è quanto di più stupido, disomogeneo, ingiusto, non rappresentativo, antidemocratico ci possa essere.
Odio i reality, gli x-factor-amici-grandefratello-fattoria etc. Per me è pornografia sentimentale mista a trash.
La tivù italiana è un cassonetto, rare eccezioni a parte (rarissime), infracito di pubblicità idiota, autopromozioni pacchiane, personaggi privi del benchè minimo talento, volgarità, stupidità, vuoto assoluto.

Se siamo idioti è anche per colpa della tv.
Ma, francamente, stasera non me ne frega niente!

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


1 commento:

luca c. ha detto...

uno schifo di cacca, ma se a chi lo guarda va bene cosi' perche' toglierlelo? non si toglie la ghianda al porco:-)