Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

lunedì 7 gennaio 2019

Io la penso sempre allo stesso modo, voi probabilmente no

La cosa curiosa è che, regnando Renzi e Gentiloni, e prima ancora Papi e Salvini, io scrivevo post che venivano definiti buonisti, assurdi, idioti, etc. e anzi mi attiravano, anche qui ma più spesso su twitter, offese sanguinose.
La ragione era che dicevo cose tipo dobbiamo accogliere tutti, le risorse ci sono per accoglierli e rifocillarli quanto meno, forse pure per trattenerli, i migranti sono una risorsa, non esiste la parola clandestino, i migranti sono i benvenuti, i migranti non sono nemmeno lontanamente fra i primi 1000 problemi di questo paese, la Lega Nord ha posizioni spesso razziste ed omofobe (questo lo dico dal '93 se non erro), se attiriamo anche parecchi delinquenti, fra i migranti, è perché da noi sanno di poterla fare spesso franca quindi la colpa è nostra che abbiamo un diritto incerto e mal applicato e incertezza della pena, etc. E allora era un periodo in cui i flussi erano alti (ora sono bassi) e si moriva di gran lena nel Mediterranero.

Adesso penso sempre le stesse cose, ma proprio le stesse, ma di fronte alla quasi totalità dei media e a vere e proprie orde di agit-prop digitali (cialtroni col 4G) che non fanno che sparare a zero per qualsiasi cosa sul governo gialloverde, spesso inventando di sana pianta o enfatizzando colpe che fino al 3 marzo erano meriti o aspetti volutamente ignorati, è ovvio che mi trovo parecchie volte a dover puntualizzare e precisare su cose che non pensavo di poter leggere, tipo i paragoni fra Hitler e Salvini, o la scarsa memoria storica riguardo per esempio alla politica recentissima di Minniti (Pd) o la sottovalutazione del fatto ovvio che l'Italia è Europa e quindi dovrebbe l'Europa accogliere tutti, con un piano ben calibrato di accoglienza, senza scaricare sul paese di confine l'intero onere della gestione dell'accoglienza.

Cosa è cambiato? Perché prima ero offeso a morte quando sostenevo posizioni ovviamente a favore dell'accoglienza e oggi che mi tocca frenare gli eccessi di chi fino a ieri se ne fregava dei migranti e adesso li usa per colpire un governo che non gli garba perché lo ha spodestato o ha messo in pericolo i suoi interessi (o semplicemente perché è influenzato da media inaffidabili e bugiardi) sono, non dico sempre offeso, ma comunque giudicato male? E spesso dalle stesse persone, anche se non sempre...

Apparentemente dico cose un po' diverse, è vero (l'apparenza però inganna i superficiali), non nel senso che ho cambiato idea, ma nel senso che pur pensandola sempre allo stesso modo insisto su aspetti diversi (perchè gli altri trattano temi diversi), eppure ero offeso prima e lo sono adesso.
Da cosa dipende? Un po' dalla vostra maleducazione, certo. Ma poi? Cosa è cambiato?
Non so cosa sia cambiato. Non io.
Diciamo che siete cambiati voi, e/o la percezione che avete del fenomeno, a causa anche e soprattutto di come questi media venduti raccontano il reale.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: