Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

martedì 7 giugno 2016

La corsa a fare politica

Mi sono sempre spiegato poco tutta questa frenesia del candidarsi, del voler essere eletti. Del festeggiare come matti se si viene eletti. Essere eletti è una responsabilità enorme, significa dimenticare i propri interessi e fare quelli della comunità, impegnarsi al massimo per fare le cose bene, avere le spalle larghe per sopportare le critiche di chi non sarà contento di quello che decidi di fare, avere la forza morale necessaria per resistere alle scorciatoie e ai mezzucci, e per non essere sedotti dall'illegalità o dal fascino dell'abuso del potere. Significa notti insonni e preoccupazioni perenni, alta tensione morale e fronte sudata. E invece vedo gente che festeggia come se avesse dato finalmente una svolta alla propria vita (tipo vincita alla lotteria) o come se comunque fossero tutte rose e fiori. E vedo poi gente che una volta occupata la poltrona si comporta con arroganza e incompetenza e ha come unico fine quello di non perdere il consenso. Vedo insomma più onori che oneri, e invece far politica (quella vera) dovrebbe proprio essere l'opposto. Difatti, non dovrebbe esserci la corsa a fare politica, ma la volontà, da parte di alcuni, magari in possesso di qualche competenza o almeno di qualche dote, di dedicare 5 o 10 anni della propria vita (non di più) alla comunità, per poi tornare alle occupazioni di prima, senza essersi arricchiti (anzi) o senza aver sistemato qualcuno. Fare politica è un impegno gravoso, anche fastidioso, che una persona si assume perchè ama la sua gente, la sua terra, perché crede in qualcosa e crede di poter fare qualcosa, non una gara che vinci e una volta vinto festeggi perchè adesso sei a posto, o almeno: festeggiando così è questa l'impressione che dai.
C'e' qualcosa che non torna, e io il perchè lo so.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: