Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

giovedì 9 aprile 2009

La censura non è mai scusabile

Gli studenti del liceo Beccaria di Milano si sono visti censurare l'ultimo numero dell'"Urlo", che raffigurava una vignetta su Benedetto XVI e la contraccezione: la preside l'ha trovata di pessimo gusto e ha fatto strappare la copertina dai giornalini. Gli studenti si sono difesi dicendo che era loro intenzione stimolare un confronto, attraverso la vignetta (satira) e i contenuti delle pagine interne (cronaca e commento). Morale della storia: il Papa può esprimere sempre il suo pensiero anche se, poniamo, scientificamente falso e tale da poter ostacolare l'efficacia che il preservativo ha, assieme ad altri mezzi, nell'arginare la diffusione dell'Aids; alcuni studenti redattori di un giornalino scolastico non possono invece esprimere la loro opinione, anche per mezzo della satira, perchè il soggetto rappresentato potrebbe offendersi. Il problema è sempre lo stesso: la satira, da Aristofane in poi, non ha riguardi, altrimenti non è satira ma propaganda e la censura non è mai scusabile od opportuna ma sempre odiosa e da condannare, indipendentemente dalle ragioni addotte dal censore; giornalismo, spesso, è dire quel che alcuni non vogliono che sia detto. L'unico aspetto positivo della vicenda è che almeno questi giovani ed entusiasti giornalisti hanno imparato da subito come funziona il mondo.
(*)

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


Nessun commento: