Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

sabato 16 gennaio 2010

Ancora non ho famiglie da rovinare, peccato...

In attesa della riforma fiscale promessa e poi rimangiata dai soliti capoccioni sparapalle della politica (due sole aliquote = meno tasse per i fottuti ricchi, stesso brodo di sempre per i tipi comuni che però se la bevono - piove, governo ladro) oggi ho giocato per la quarta o quinta volta nella mia vita al gioco truffa Win for Life (spesa: 2 euro) e ho vinto la spasmodica e caleidoscopica cifra di 9,67 euro avendo totalizzato la bellezza di 2 punti. Il mio profitto ammonta dunque a 7,67 euro (devo dichiararli o sono esentasse? 7,67 = 9,67 - 2,00, per le teste dure). Perchè ci giochi se è un gioco truffa? E perchè ogni giorno mangiamo due o tre volte quel che ci potrebbe bastare per vivere bene, perchè ascoltiamo le palle dei tg annuendo beoti o continuiamo a credere alla menata dell'anima gemella e alle bufale degli oroscopi? Io comunque ho vinto, domani incasso. Ho notato che l'estrazione delle ore 10 e quella delle 20 sono le più fortunate (non è vero, che stronzata). Quasi quasi vado in taxi ad incassare. Perchè gioco truffa? Perchè dice che vinci 4000 euro al mese per decenni e invece può essere molto meno di 4000 euro (dipende) e perchè come tutti i giochi simili non è equo, serve solo ad ingrassare lo Stato porco e a rovinare qualche famiglia. Ma a noi non interessa, infatti ci giochiamo con entusiasmo (ancora non ho famiglie da rovinare, peccato... almeno non le ho nel senso classico del termine). Penso che userò 2 di quei 9,67 euro per rigiocare subito e tentare un'altra botta (tipico). Alla fine se non vinco anche domani mi resteranno, netti, 5,67 euro. Un crodino con noccioline al tavolo di un bar: ma a che serve dopotutto desiderare di più, i soldi non danno la vera felicità ecc. ecc.? (frase tipica del morto di fame; ecco perchè mangiamo tre volte di più...). Però vinci (una miseria) e ci rigiochi, perchè vuoi vincere di più. Se vincevo 120 miliardi al superenalotto lo trovavo il tempo di fare un post su un tema qualunque (di certo non per fare coming out, belli) o per imparare i verbi? (ma è linguaggio colloquiale, si può omettere l'avessi vinto, l'avrei trovato). Forse si', lo trovavo. Da Rio. No, non è vero, se vinco una paccata di stra-miliardi non mi muovo da qui, dimenticate i film, col cavolo che parto, a che serve? Non cambio di un pelo le mie abitudini per sei mesi (così dicono tutti, poi il giorno dopo sono già a chiedere quando arriva la Ferrari che hanno ordinato), poi quando la situazione si è calmata compro Kakà così mi sgamano tutti. Ho detto Kakà così per dire, potevo dire compro l'Australia, o il buco dell'ozono (dicono siano grandi uguali). Secondo me quel bar mi porta buono (vaccata). Domani compro anche un gratta e vinci e coi restanti 0,67 euro telefono a UPS solo per sentire la mitica voce registrata. Una cifra sotto i 10 euro non impedisce di fare progetti, come vedete. Dice quello: che cavolo, potevi mandare due euro ad Haiti con un sms o aiutare la ricerca sul cancro, no? Dico io: fatti i casi tuoi, no? E comunque, come no, aggiungo: la villa di qualche "primario" o "servitore dello stato" (qui cito il Maestro) ha bisogno di rifiniture eh? Un consiglio: se volete aiutare fatelo sempre direttamente, mai per interposta persona o ente: che le ville abusive se le finiscano da soli. Offrite la colazione a un mendicante, se proprio vi sentite in vena: è lo stesso una buona azione. Gli euro voglio vedere dove finiscono, raramente arrivano tutti nelle tasche dei bisognosi, diciamo che un po' si perdono per la via... Poi se vinco 120 miliardi un sms lo faccio, dai, e chiamo pure Telethon (per dire: ho più soldi di voi, tiè!). Ok, domani si incassa, ce la farà lo Stato porco a sopportare il salasso? Mi tremano i polsi al pensiero (no, è per via di quelle pasticche rosse che ho preso dieci minuti fa). 'Notte.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: