Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 1 maggio 2009

Abitudini










(clicca sulle immagini se vuoi ingrandirle)

Italia - Queste foto sono state scattate questa mattina (è venerdì ma è festivo, è il primo maggio). Ragion per cui la raccolta della spazzatura verrà fatta lunedì, penso; anche se venisse fatta domani, comunque, scaricare per strada tutto quel che ci avanza il giovedì sera o il venerdì mattina equivale a lasciarlo dentro o accanto al cassonetto (da notare che "accanto" sarebbe vietato) per un giorno e due notti (o per tre giorni nella peggiore delle ipotesi). Oltre a questo vi sono almeno altri quattro aspetti da sottolineare:
1) bella la poltroncina, peccato che per gli oggetti di questo tipo si richieda espressamente al cittadino di portarli al deposito comunale dei rifiuti ingombranti o di contattare telefonicamente gli addetti che provvederanno gratuitamente al ritiro; questa poltrona, a occhio, rimarrà lì per giorni, speriamo che prima delle offese delle intemperie qualcuno la addocchi e decida che per il suo, di salotto, può tutto sommato andare ancora benone; di recente mi è capitato di imbattermi in un materasso, due televisori a tubo catodico, un frigo enorme, un armadio tutto sventrato, in pratica un tentativo non convenzionale di arredo urbano...
2) la raccolta di foglie, rami, erba e sottoprodotti del giardinaggio fai-da-te, appositamente riposti in sacchetti forniti gratuitamente dal Comune, è prevista, in questa zona, il lunedì (è sbiadito ma vi assicuro che, dal vivo, si legge a due metri di distanza) e, come potete leggere, si raccomanda espressamente di non lasciare i sacchetti per strada prima di questa scadenza;
3) un cartellone piuttosto grande spiega nei dettagli ogni cosa, invano;
4) di foto come queste potrei farne cinquanta in una giornata, in almeno dieci zone diverse. E' un malcostume diffuso; da questo punto di vista l'Italia è unita come non mai.




Ma non si era detto "divieto di affissione"?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


Nessun commento: