Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

giovedì 21 maggio 2009

Italia 1 dice il falso

Questa sera ho scritto una mail al direttore di Studio Aperto (il TG di Italia 1). Un amico, negli stessi istanti, leggeva un libro di Schnitzler. Non voglio fare il pessimista di professione, ma penso che lui abbia impiegato profittevolmente il suo tempo. Inoltre, qualcosa mi dice che riceverò una risposta analoga a quella che ricevetti da Filippo Facci (Il Giornale): silenzio. D'altra parte chi siede sui banchi della ragione può non avere il tempo di rispondere alle mail di estremisti giustizialisti comunisti dipietristi e fan di Travaglio, posso ben capire. Ecco quel che ho scritto:

---

"Egregio Direttore di STUDIO APERTO,

La presente per comunicarLe che l'on. Silvio Berlusconi NON fu assolto nel processo Mills, come vergognosamente dichiarato nell'edizione di Studio Aperto del 19 maggio.
(http://chiarelettere.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2252391)

Il processo per la corruzione di David Mills da parte di Silvio Berlusconi si era aperto con il rinvio a giudizio di entrambi nel 2006 (per i reati previsti dagli articoli 110, 319, 319ter e 321 del codice penale e commessi fino al 1998). La posizione di Berlusconi e' stata stralciata in seguito all'entrata in vigore del "lodo Alfano" sull'immunità alle c.d. alte cariche dello stato.

Quindi Berlusconi e' impunito per legge (il lodo Alfano) e non assolto. Questi sono FATTI.

Al campo delle opinioni appartengono poi le affermazioni di chi considera il lodo Alfano una vera e propria vergogna nazionale (opinione di molti) e una legge incostituzionale (secondo centinaia di giuristi e studiosi).

Rimanendo in ogni caso ai semplici fatti, spiace vedere uno dei principali TG italiani mistificare bellamente la realta' dei medesimi.
Questo non e' giornalismo: il giornalismo e' al servizio della verita', piacevole o scomoda che sia. Quello a cui abbiamo assistito l'altra sera è tutt'altra cosa.

Cordialità."

---

Gli Italiani non ricordano la dittatura, la mancanza di libertà, l'angoscia, la guerra. O sono troppo vecchi per ricordare con esattezza e piena consapevolezza le implicazioni di quel regime (chi oggi ha settant'anni all'epoca ne aveva dieci...) o così giovani e ignoranti da non sapere. Presto avranno quel che si meritano: la perdita di quel che non sanno apprezzare. E' il mio augurio, altro non merita un popolo così miope da ricadere sempre negli stessi errori.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


1 commento:

ANNA ha detto...

Proprio perchè il tg di Italia Uno è uno dei principali canali di informazione... deve essere data in pasto la notizia che Berlusconi è stato assolto. Ti aspettavi che i SUOI DIPENDENTI lo dipingessero come un truffatore??? Avranno famiglia sti' poveri cristi! Come dico sempre io: "Tu puoi dirmi ciò che vuoi e io posso crederti oppure no."