Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

lunedì 18 maggio 2009

Una repubblica fondata su che cosa?

Su Italians (che frequento abitualmente) leggo le considerazioni di Giulio Portioli che a sua volta si riferisce ad un precedente intervento di Carla Due e un po' sobbalzo (poco, ormai l'età è quel che è...).
Ignoro a bella posta la retorica da Italians di Portioli (laureato che emigra e, dopo un inizio di sacrifici, si afferma lontano dalla patria ingrata) e vado al sodo: il lavoro è un DIRITTO, non diciamo assurdità. Dovere è accettarne anche uno non rispondente alle proprie ambizioni e capacità, in attesa di tempi migliori; dovere è darsi da fare per cercarlo e svolgerlo al meglio quando lo si trova. Quando una società non è in grado di garantire un lavoro dignitoso ai suoi componenti ha miseramente fallito, altro da dire non c’è. E così quando permette lo sfruttamento dei lavoratori, le morti bianche, la tirannia degli imprenditori aguzzini drogati di profitto. Evitiamo di spararle troppo grosse per non mancare di rispetto a chi, a 40 anni, si ritrova in mezzo a una via in nome della flessibilità e non sa come sfamare i propri figli. Emigrare per lavorare equivale a confermare che questo paese ha fallito.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


1 commento:

Anonimo ha detto...

E' da un pezzo che questo paese ha fallito. Si sà, no?
Le morti bianche aumentano,i diritti diminuiscono.. e sarà sempre peggio. Parte della colpa è di quei componenti che una volta ci tutelavano, ovvero i sindacati che piano piano sono arrivati a fare gli interessi dei padroni.
Questa Italia non fa nemmeno venir voglia di laurearsi perche viene da pensare "tanto poi non si trova lavoro e si resta disoccupati", purtroppo è cosi. L'unica possibilità è di andare all'estero e se ne avessi le possibilità lo farei anche io; lo farei perche ho vergogna di questo paese e di chi lo governa, perche non mi sento più patriottica e perche non c'è , appunto, speranza di riuscita.
L'Italia ha fallito, e continua a farlo.. un giorno qualcuno risolverà la cosa? Se resta il Berlu..direi di no.
Ops..mi sono lasciata prendere la mano..Sorry ;-)
By Giada