Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

sabato 6 marzo 2010

Un ridicolo, misero, significativo abuso di potere

Adesso, dopo il decreto legge varato nella notte che configura un vero e proprio abuso di potere avallato dal finto garante delle istituzioni, già convinto firmatario del lodo pateracchio Alfano, e che pone rimedio al pasticciaccio brutto delle liste laziali presentate fuori tempo massimo per via di un panino, vogliono farci credere che Napolitano ha agito saggiamente e in maniera equilibrata, che non si poteva tollerare che una parte politica non avesse liste a Roma, ecc. Tutte cazzate, ca va sans dire. Le regole ci sono e vanno rispettate. Una società senza regole è come una famiglia senza regole: va presto a puttane. Se non avessi rispettato io i termini, adesso sarei a terra. Gli stessi paraculi gonfi di soldi che adesso invocano la ragion di stato, minacciano azioni di forza e tirano per la giacchetta il malleabile capo dello stato, sono quelli che quando la lista della Mussolini dava fastidio esigevano rispetto della forma, firme regolari, rispetto dei termini e demonizzavano i cavilli. Gli stessi onorevoli cazzari che oggi affermano che non si possono tollerare attacchi a Napolitano, sono quelli che quando la Consulta tirò la catena condannando il lodo Alfano a un viaggio nelle fogne gridarono al complotto e accusarono il capo dello stato di aver permesso una simile ignominia e di essere al servizio di una parte. Avete capito che razza di voltagabbana dobbiamo sopportare ogni sera vomitarci cumuli di fandonie a tavola mentre ceniamo, nel teatrino bello del Minzolini Show?
Certo, è robetta questo abuso di potere, se pensiamo alle leggi ad personam (più di 40, delle quali 18 clamorose) o al fatto che una persona che, come si è accertato in tre gradi di giudizio (con contorno di una doppia confessione del corrotto), ha corrotto un teste, sia ancora alla guida del paese. E' robetta ma è indicativa del punto a cui siamo giunti: un partito che non riesce nemmeno a presentare in tempo le liste vuole governare il paese (cosa che del resto non sta facendo): curioso, vero? E noi dovremmo affidarci a gente che anche solo per poter continuare a far politica ha bisogno dell'inganno di un misero abuso di potere e di riscrivere le regole dopo averle violate? La fine sarà lenta, ma ineluttabile. La china su cui sono è in discesa: a loro sembra in salita perchè sono sempre girati indietro a farsi boccacce come scolari asini in gita scolastica e a guardarsi le chiappe dai tiri mancini.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui.
Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail
Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


3 commenti:

luca ha detto...

la storia si ripete
e come sempre, quando la maggiorqanza si accorgerà di essere fottuta sarà troppo tardi
il genere umano ha le stesse dinamiche di un gregge impaurito
ciao arcobaleno

Veneris ha detto...

Purtroppo alla gente non passa minimamente per la testa che chi non sa presentare una lista alle elezioni probabilmente non sa neanche governare.

mauroarcobaleno ha detto...

scusa se rispondo solo ora... ma mi ero fermato al grill per un panino. Al limite, mi son detto, se arrivo tardi chiamo il capo dello stato e ordino un deCRETINO.