Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * FONTI *


.
Se trovi interessante quel che scrivo non sai cosa ti perdi su Twitter e Facebook.
Se non mi trovi interessante, lo accetto, ma hai un problema! :-)

martedì 23 luglio 2019

Approcci da Mesozoico

Sottotitolo: Cosa non dire a una donna
Catenella acchiappa lettori: Consigli fondamentali a costo zero: deve esserci un errore!
(Lo dice anche il mio psichiatra quando cerca di farmi la diagnosi)

Svolgimento:

L’approccio (nei confronti di una donna) è una tecnica difficile. Spesso la cosa più semplice è apprezzata, ma altrettanto spesso ad essere semplici si appare banali. E’ un campo in cui la brutta figura è sempre dietro l’angolo, anche se a volte una mossa stupida ti fa fare bingo.

Più si è tranquilli più si riesce a “staccare”, ma chi è single non è mai tranquillo, perché sta giocando la partita sul serio. Chi invece è fidanzato o sposato quando flirta va alla grande perché è sereno, è come se giocasse a scudetto vinto, e quindi dà il meglio. Non deve vincere per forza, quindi gioca e bene e spesso vince; un insuccesso non lo fa disperare, tanto è sistemato. Quindi gioca alla grande, è sciolto, brillante, addirittura in stato di grazia. Sa di non rischiare nulla, o quasi, quindi osa. E osare, essendo tranquilli e non sull’orlo di una crisi di nervi, è garanzia di successo.

Ecco perché spesso le donne dicono: “i migliori sono già presi”. Non è così. E’ che voi li vedete migliori perché essendo già presi danno l’idea di non essere difettosi, come invece parrebbe essere il single (se non lo vuole nessuna a 40 anni un motivo ci sarà, pensate) E poi c’è il fatto che appaiono migliori perché, come detto, sono più sciolti nel flirt, dato che giocano, anziché giocarsi la vita.

In ogni caso molti ancora non hanno capito che ormai alcune frasi sono una condanna senza appello. pare impossibile ma è così.
Come è possibile, oggi, nel 2019, dire a una donna: ma non ci siamo già visti da qualche parte? Anche fosse, è una tattica abbietta. Se davvero l’avete vista, non ditelo: semmai se ne ricorderà lei.
Non parlerò nemmeno di archeologie conclamate come quella di chiedere l’ora: per fortuna quasi più nessuno lo fa. Se proprio non sapete l’ora, calcolate la posizione del sole, ma non chiedetela a una femmina, nemmeno a una con cui non ci volevate provare, perché rischiate una figura di cacca sesquipedale.

Frasi più elaborate come quella che segue potevano forse andar bene negli ‘80 ma oggi no: lo sai che tuo padre è un ladro? Perché? Perché per farti due occhi così ha rubato due stelle... Oppure la solita zuppa degli occhi come laghi di montagna o del bel sorriso, ché in pratica tutte hanno un bel sorriso oggi, ad eccezione di quelle cui mancano sei denti sul davanti o ne hanno uno marcio in bella vista.

Tutte o quasi tutte oggi sono curate, levigate, lucidate. Tutte sono vestite alla moda e provocanti. Tutte o quasi resusciterebbero un cadavere. La donna, poi, cura maniacalmente i dettagli, fateci caso. Non veste mai a ufo, ogni uscita è figlia di un progetto, anche quando è sciatta non è trascurata: è scarmigliatamente sexy, e ti eccita perché ti fa venire in mente la domestica o la casalinga.
Difficile (ma non impossibile) trovare una donna in cui almeno un dettaglio non sia sessualmente esplosivo.

Io non voglio dar consigli, però dico: parlate poco, giocate di sguardi, siate più decisi che verbosi, tanto 9 donne su 10 alla terza riga aprono lo smartphone, oggi, o cominciano a pensare a cosa dire dieci minuti dopo all’amica per prendervi per il sedere. Uno sguardo di fuoco incenerisce più di mille frasette mielose. Gli occhi, se avete fatto bene la punta prima di uscire, sono un amo letale. Certo, la parolina giusta al momento giusto è la chiave che apre la serratura più tenace, ma deve essere calibrata, tempista, essenziale, non sovrabbondante e a strascico: non siamo alla pesca. E il tono deve essere narcotizzante, suadente, mortalmente sensuale, non urlato o grezzo o incerto. Deve essere deciso, non titubante. Definitivo, non in attesa di repliche.Maschio, non brutale. Da seduttore cui non si resiste, non da disperato all’ultima spiaggia.

Restando alle frasi, una non eccezionale ma che denota già un livello di decenza accettabile potrebbe essere questa: scusa, ma sei maggiorenne? Perché? Ma, niente, è che stanotte ti voglio sognare, e non voglio problemi nemmeno in sogno...
E’ stupida, dite? Ok, ma intanto non è trita. E poi siamo fra uomini che non sanno spiccicare due parole in croce, non so chi ha i titoli giusti per fare il criticone, qui.
Oppure: ehi, certo ha dei numeri tu! Grazie... Beh, pensavo: almeno uno me lo puoi dare, tipo quello telefonico?

Al di là delle frasi, il trucco per avere uno score di alto profilo è comunque quello di flirtare da coniugati o fidanzati: ci si diverte di più, e ci si tiene in esercizio!
Da single non flirti, ma annaspi.

---
fonte immagine e-giochiamo it

—-
autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: