Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

domenica 8 agosto 2010

Chi non vota è più astuto di chi vota?

Tutti, nel "PDL che non c'è più", parlano di quando andare a votare: a novembre, così facciamo paura agli innocui compagnucci del PD e impediamo al traditore Fini di organizzarsi, a marzo che è un mese che ci porta buono, oppure domattina presto prima di far colazione così freghiamo tutti, ecc. Fingono di non ricordare che non spetta a loro, nè all'opposizione (quella finta e quella vera), nè ai presunti traditori decidere se e quando sciogliere le Camere e andare a nuove elezioni, ma a Napolitano. Adesso direte: allora stiamo freschi! Condivido, non è che come custode della Costituzione l'attuale presidente abbia uno score brillante (eufemismo), in ogni caso muovere le mandibole cianciando di elezioni e di prerogative che non competono a te è sinonimo di arroganza mista a idiozia. Andare a votare in queste condizioni, poi (legge elettorale antidemocratica, monopolio tv in mano all'attuale premier, leggi ad personam approvate o allo studio che proteggono i delinquenti consentendo loro di continuare a delinquere dai posti di potere, barbarie diffusa) sarebbe una vergogna mondiale e, di fatto, stupido e inutile. Ma voi avete mai visto un privilegiato che annulla di sua iniziativa i suoi immondi privilegi? O un ladro che si ammanetta da solo? O un aspirante dittatore che si converte di botto alla democrazia costituzionale? No? Appunto. Come uscirne? Non so, ma sarà ben dura uscirne morbidamente. Che gli Italiani meritino lo schifo attuale è fuori di dubbio: lo hanno voluto o non hanno fatto nulla per evitarlo. Parlo della maggioranza, si intende. L'unica cosa che han saputo fare quelli che ragionano un filo di più è non votare (vedi incremento dell'astensione), che come scelta mi pare però assai stupida perchè controproducente, quindi non sono così sicuro che dopotutto questi siano davvero quelli che ragionano un filo di più: semmai, solo un filo... Perchè non votare quando si potrebbe votare per chi (ancora) è pulito, o lo sembra? Lo so, scelta ristretta... ma non votando mandi su i soliti ladri, tanto peggio tanto meglio non mi pare una tattica proficua se ti sbatti 8 ore al giorno per meno di 1000 euro. Fare filosofia è bello, ma non porta il pane in tavola. Nel frattempo le cinque tv di regime e i quotidiani fedeli alla cricca spargono un po' di merda su Fini (la questione delle case): strano, non si erano mai occupati con tanta solerzia di case comprate chissà come (Scajola), di presunti favori tra parenti (Bertolaso), di reati, scandali e vergogne assortite (il premier e la maggioranza, prego mischiare le carte e pescare a caso nel mucchio, non si sbaglia comunque). Questi servitori fedeli che dicono di fare informazione dove andranno a nascondersi quando il castello di argilla franerà? Saranno abbastanza veloci da cambiar maglia senza farsi accorgere?

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: