Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

mercoledì 11 agosto 2010

Prego, dopo di lei...

Le possibilità che Fini si dimetta "sono pari a zero". E certo, prima di lui, "che non è nemmeno sotto processo", dovrebbe essere "Berlusconi a dimettersi, al contrario imputato in più processi" e con lui, "per lo stesso motivo, i ministri Matteoli, Fitto e il sottosegretario Bertolaso". Parole di Italo Bocchino, capogruppo di Futuro e Libertà alla Camera.
Al di là della tenera curiosità che sempre mi stimolano coloro i quali scoprono dopo vent'anni di che pasta è fatto Berlusconi, dico che "quando ce vo', ce vo'". E finalmente Bocchino ha detto chiaro e tondo quel che pensiamo da giorni. Dimissioni? Prego, dopo di lei, caro Papi. E dopo la sua cricca.
Stendiamo invece un velo pietoso sulla squallida campagna di stampa orchestrata da giornalisti già condannati per diffamazione in passato, da giornali che NON appartengono a Berlusconi ma da suoi familiari o sostenitori e da emittenti tv che pur essendo sue seguono una linea rigorosamente autonoma.
Cavaliere, non siamo tutti idioti. Forse molti, ma non tutti. Su quel "molti" giostra il filo a cui è appeso. Si riguardi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


3 commenti:

andrea ha detto...

Questa richiesta di dimissioni rasenta l'assurdo,ma è perfettamente nel solco della loro ideologia e di chi li vota.
Si attua un ribaltamento della realtà talmente radicale da sembrare quasi inverosimile.
Praticamente si pretende l'immacolatezza totale del denunciante,pena l'obbligo di dimissioni.
In poche parole,se tu sostieni che un inquisito si deve dimettere,loro proteggono l'inquisito e lo difendono a spada tratta.
Ma appena tu incappi in una qualche disavventura giudiziaria,ti devi dimettere per avere invocato giustizia e non per quel che hai combinato.
Io mi chiedo dove vogliono arrivare in un clima simile,ma comincio a capire perchè la resa dei conti al tramonto del fascismo non è stata pacifica.

mauroarcobaleno ha detto...

dovessi scommettere una lira sul futuro di questo circo non lo farei; il dramma è che ci viviamo...
ciao

(grazie per il commento, so che chi sai tu ironizza sul mio blog, adesso c'e' anche andrea, +1!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)

mauroarcobaleno ha detto...

cazzo sono fritto, ho scritto alle 22.08 e vedo ora che lenin sul blogshow ha scritto alle 22.04, se LUI se ne accorge sono rovinato!!!!!!!!!!! ah, ma tanto LUI non mi legge. fiuuuuuu....