Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

venerdì 20 agosto 2010

I complici dei pedofili non ne possono più degli omosessuali

Il vescovo emerito (?) di Grosseto, tal Babini, che è già assurto tempo fa ai disonori della cronaca (o della cronica, visto il suo stato) per una serie di violente dichiarazioni razziste e omofobe e che di recente ha criticato severamente gli uomini di chiesa che si macchiano di atti omosessuali, ritenendoli addirittura peggiori degli atti di pedofilia perché «si tratta di uomini viziosi e perversi, che si sono abbandonati a oscene pratiche contro natura», torna a vomitare alcune nefandezze che sarebbero già irricevibili se pronunciate da un ubriaco al bar, figurarsi se provengono da un vescovo della Chiesa cattolica.

In sintesi, ecco il suo "pensiero": «Tutti conoscono le disordinate tendenze di Elton John e la sua vita depravata, dunque svolgere una sua esibizione davanti alla casa di Dio é offensivo»; «I cattolici farebbero bene a scendere in piazza per protesta contro Elton John. Incredibile che canti davanti ad una chiesa. Non se ne può più degli omosessuali». «Meglio non nascere che vivere certe esistenze».

Si permette a certi figuri di vomitare frasi razziste e omofobe e di incitare alla discriminazione solo perchè vanno in giro con una tonaca. Se mi venissero in mente, anche solo per caso, simili oscenità, mi suiciderei: "meglio non nascere che vivere certe esistenze", dopotutto...
Non eccedo nel mio commento perchè mi spiace prendermela con chi è palesemente affetto da gravi problemi; contesto solo che si dia eccessivo spazio a certi deliri e poi magari si accetti il fatto che un presidente del Senato chieda 700 mln di risarcimento a un giornale che si è limitato a pubblicare notizie sulle sue frequentazioni con mafiosi.

Il sito su cui questo illuminato personaggio scribacchia si definisce "blog di libera informazione cattolica" e se lo si visita si possono cogliere perle siffate:

"Gli islamici sono un pericolo come del resto tutti quelli contrari alla fede Cattolica. Ne abbiamo fatti entrare troppi ed ora non lamentiamoci. Diamo loro lavoro, quello che manca ai nostri.

"L’Aids si combatte solo con una attività sessuale ordinata e legata ai sentimenti. Ma questo risulta difficile da comprendere per coloro che sono a favore di aborto, eutanasia e unioni gay, e sono sempre più lontani dal significato della vita."

"Finiamola con il Ramadan."

Ribadisco: tutte le religioni, e certamente quella cattolica, sono gabbie mentali che deprimono l'umanità, l'intelligenza e la sensibilità dell'essere umano e che, sulla base di dogmi inventati e di regole assurde e spesso ripugnanti, dividono gli uomini e seminano odio fra loro, impedendo loro di condurre un'esistenza libera da condizionamenti e da pre-giudizi e di ragionare con la propria testa e con il proprio cuore.

Non vogliono che un omosessuale canti davanti al Duomo perchè ha una vita disordinata e perversa. Ma proteggono i preti che violentano i bambini e i loro superiori che li coprono. E vorrebbero guidare la nostra vita, dettarci le regole, dirci cosa è bene e cosa è male.

Ma levatevi dalle scatole, non avete la statura morale necessaria nemmeno per far la predica a un batterio.


autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)

Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


1 commento:

Anonimo ha detto...

Per restare in tema:
http://www.giornalettismo.com/archives/77275/coppia-gay-scambia-bacio-fruttivendolo/

un saluto, by giada