Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

mercoledì 6 aprile 2016

Online

Ho fatto un rapido conto, sommando lavoro a tempo libero e device a device: in 24 ore sono connesso, non continuativamente, sulle 7-8 ore di media, a cui aggiungiamo un 1-2 ore di lavoro offline al pc. Intendo non 7-8 ore a spippolare su web e social, ma ore non continue in cui sono online cioè ricevo e consulto aggiornamenti, news, scrivo mail, faccio ricerche, scrivo, pubblico e interagisco. La domenica un po' meno. E ritengo di andarci piano. Di certo sul terreno ci sono due vittime, da 6-7 anni a questa parte (non parliamo poi degli ultimi 3, cioè dalla nascita della maialetta): la lettura di libri, a vantaggio di quella di giornali cartacei e online, e la visione della tv. Se quest'ultima vittima è gradevole che sia tale (la tv, tolte due o tre cosette e qualche evento sportivo live, inquina il cervello) il primo evento è negativo, e presto dovrò porvi rimedio (non so come, sto cercando calendari estesi che contemplino giorni di 36 ore e mesi di 60 giorni), perchè se sono quel che sono (evitate giudizi, grazie: so bene che non tutti fra di voi possono avere gusti ottimi) lo devo in buona parte a quel che ho letto. Anche teatro e cinema hanno bisogno di flebo.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: