Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

mercoledì 27 aprile 2016

Questo non è sport, sono affari

Zamparini, presidente del Palermo Calcio, quando non è impegnato a cambiare allenatore o ad offendere quello in carica, esterna. Le ultime esternazioni ci infastidiscono parecchio, dato che domenica c'e' Palermo-Samp e la partita è importante per il Palermo ed è importante per noi, che siccome siamo simpatici e corretti veniamo sempre presi a sassate. Siamo francamente stufi di subire ingiustizie, stare zitti per (innata) correttezza, e poi dover subire prima di ogni match le lamentele sparate su tutti i media dei dirigenti o allenatori della squadra che di volta in volta stiamo per affrontare. Gli altri mettono le mani avanti, noi nemmeno ci lamentiamo dopo aver subito episodi poco chiari, se non in rari casi e dopo essere stati massacrati per settimane. E' troppo chiedere a tutti di stare zitti, al designatore di designare arbitri all'altezza e agli arbitri di applicare il regolamento con equità, uniformità e serenità? Sembra sia troppo, in questo paese. Il campionato non è solo Juve che fa filotto o Milan che fa schifo o Inter che stenta o Roma che tallona il Napoli. Provate a farvi un campionato solo con queste cinque squadre e giocate tutto l'anno fra di voi, poi vedete quanti metri sottoterra raccoglierete le vostre palle. Il campionato lo fa il Chievo come la Lazio, il MIlan come la Samp, il Verona come la Juve, esattamente nella stessa misura, ed è vergognoso che i diritti tv vengano ripartiti in modo tanto squilibrato. Senza le altre squadre, quelle piccole o medie, quelle che non contano una mazza nella vostra logica disturbata, quelle di cui mai vi occupate, la domenica giochereste presto a bocce, tanto sarebbe poco interessante il campionato. E vanno cianciando di Superlega e menate simili. Non siete società sportive, siete aziende; non giocate, fate affari. Non siete giornalisti, ma megafoni del potere. Non siete arbitri sereni, ma persone che temono di non far carriera se sbagliano a danno del potente di turno. Non è sport, è il contrario dello sport.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: