Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

sabato 16 aprile 2016

Voto o astensione

Votare è un diritto-dovere. Se poi non voti non ti vengono a cercare a casa né ti multano. Ma ti comporti da cattivo cittadino e quando poi al bar critichi il governo fai solo pena.
Nel caso particolare del referendum, votare è sempre un diritto-dovere ma tecnicamente e indirettamente (per via del quorum da raggiungere) è ammessa l'astensione. Moralmente è però una decisione meschina e scorretta: invalidi la scelta di milioni di persone. Sarebbe corretto invece esprimere la tua scelta, senza depotenziare quella degli altri.
Diverso è ancora il caso di chi, ricoprendo una carica pubblica, invita all'astensione. Si macchia di una colpa grave, vergognosa e disonorevole. E commette un reato bello e buono. Sto parlando di Napolitano e Renzi, tanto per fare due esempi.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: