Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

lunedì 11 luglio 2016

La Chiesa cattolica è sempre la stessa, non fatevi infinocchiare

Il Fatto Quotidiano di oggi ospita un interessantissimo articolo di Marco Marzano che mi spinge a ricordare alcune verità di cui non parlo da troppo.
Il succo è: nonostante Bergoglio sappia vendersi meglio e mediaticamente sia un asso, specie se paragonato a Ratzinger che per il palcoscenico era negato, l'uno e l'altro sono omofobi e la Chiesa cattolica ha sempre le stesse meschine e putride idee su sesso, amore, etc. Quindi, caro Bergoglio, plaudiamo alle tue trovate da circo (es: "chi sono io per giudicare?"), ma la sostanza, che è poi quella che conta, è sempre la stessa da secoli: avete idee inumane, scritte da uomini col cuore impuro, sotto dettatura di nessun dio, semmai del diavolo.

Catechismo della Chiesa Cattolica

Articolo 2357 L'omosessualità designa le relazioni tra uomini o donne che provano un'attrattiva sessuale, esclusiva o predominante, verso persone del medesimo sesso. Si manifesta in forme molto varie lungo i secoli e nelle differenti culture. La sua genesi psichica rimane in gran parte inspiegabile. Appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che « gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati ». Sono contrari alla legge naturale. Precludono all'atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati.

Articolo 2358  Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione.

Articolo 2359 Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Attraverso le virtù della padronanza di sé, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un'amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione cristiana.

Combatto e combatterò sempre queste affermazioni inaudite, disumane, violente, deliranti. Bergoglio o no, la Chiesa è questa: una setta che influenza pesantemente con le sue idee le leggi di uno stato laico, che inquina le coscienze, che aizza l'uomo contro l'uomo, che usa violenza nei confronti di tutti quelli che hanno un orientamento sessuale non eterosessuale. Per non parlare dell'ipocrisia di un clero farcito di gay. Il dio dei cattolici, che non esiste, non ha mai detto queste cose; se le avesse detto, non rappresenterebbe nulla per me proprio in ragione di esse.



autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Mauro, io credo che ogni religione sia un' inutile e pericoloso intermediario fra Noi e la Divinità, di cui siamo tutti parte. Credo anche che le deviazioni sessuali siamo comunque delle anomalie, con tutto rispetto per che ha intrapreso una diversa esperienza. L'amore fra un uomo ed una donna è l'unione fra le due forse, positiva e negativa, cioè l' incontro fra le due polarità che portano all'unità. Senza offesa per alcuna Persona, sento l'omosessualità come un'aberrazione, un atto contro Madre Natura. Tutto deve rinnovarsi attraverso la procreazione. Grazie, chiedo scusa a chi non condivide.

mauroarcobaleno ha detto...

Mah, l'espressione deviazione sessuale per me non ha alcun senso. In natura esistono diverse forme di sessualità, il resto è omofobia. Il sesso fra gli esseri umani ha diversi fini, quello procreativo è solo uno. Anche atto contro natura non ha senso per me. Non esistono dei e non hanno idee così  sciocche e antiumane. Ciao.