Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

sabato 8 ottobre 2016

Il prof e l'alunno che non ha studiato

Zagrebelsky dice che i nuovi senatori non potranno materialmente svolgere due funzioni diverse (esempio sindaci e senatori), una delle quali, come senatore, ha competenze infinite, fra cui i rapporti con l'Europa, etc. etc. e subito Renzi interviene parlando dei fondi europei mal spesi; il professore dice che ci saranno problemi giuridici nel fatto che un sindaco sarà anche senatore, e subito Renzi interrompe e dice che lui è stato sindaco etc; Zagrebelsky parla di rapporti tra Stato e Regioni nella questione delle grandi opere come discariche o ponti sullo stretto e subito Renzi parte a parlare del punto sullo Stretto. Il professore non sa più che pesci prendere, sta parlando a una persona che non ha gli strumenti per capire quello che lui sta dicendo. Il professore pone questioni costituzionali, sviscera gli aspetti tecnici, esplora le implicazioni giuridiche; Renzi che su questi terreni ne sa quanto io ne so di gemmologia scivola e allora per aggrapparsi svicola: parla dell'attualità, di quello che ha fatto, di quello che non hanno fatto i suoi predecessori etc. Uno parla della riforma della Carta, dei suoi difetti, l'altro parla dell'attualità, fa campagna elettorale, sparge fumo, cerca di far confusione per mascherare la sua agli occhi degli astanti. Il professore dice che un sindaco che dovrà recarsi in Senato non potrà svolgere bene i due lavori e che di certo per fare bene il senatore non basterà andare a Roma una volta al mese; Renzi risponde dicendo che quando era sindaco andava a Roma una volta alla settimana; il professore risponde: ma per occuparsi a Roma della sua città, non per fare tutt'altro e molto di più... ma tanto Renzi non capisce, e ricomincia a parlare, afferma che il sistema che è in discussione c'e' anche in Germania e in tanti altri paesi, il che è falso, e anche Zagrebelsky lo dice. L'articolo 70 è scritto coi piedi, il prof. lo analizza evidenziandone le storture, Renzi dice che è chiarissimo ed uguale a quello degli altri paesi del mondo (falso). E poi lo irride, lo interrompe, lo tratta con aria di superiorità, come se si trattasse di un vecchio col cervello andato o di un parruccone che non vuole progredire e che non è calato nella realtà ma immerso nei suoi polverosi libri; gli attribuisce cose che non ha detto e toni che non ha avuto, lo tratta da professorone fuori dalla realtà. Uno spettacolo pietoso, umiliante più per REnzi secondo me che per il professore, che ha semplicemente trovato un alunoo completamente impreparato; fossi un amico di Renzi avrei spento la tv per non soffrire.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it) Per tornare alla home page clicca qui. Se questo blog ti interessa e vuoi essere aggiornato sui suoi contenuti iscriviti al mio feed oppure seguimi via mail. Se vuoi segnalare questo articolo clicca sul titolo del post e vai a fondo post.


Nessun commento: