Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione (art.21)

* HOME * CHI SONO * REGOLAMENTO * COSA HO APPENA [RI]LETTO * COSA HO APPENA [RI]VISTO, [RI]ASCOLTATO *
MI PIACE * FB 1 * FB 2 * SCRIVIMI * CONDIVIDO * DEFINIZIONI * SCRIVIMI * FONTI *


.

lunedì 2 febbraio 2009

La notizia sarà quando non farà più notizia

Reykjavik, 01.02.2009, 17:58 - Islanda: formato nuovo governo, lo guida prima donna gay
Johanna Sigurdardottir e' il primo premier donna dichiaratamente omosessuale a guidare il governo di un Paese occidentale. La socialdemocratica islandese ha annunciato di aver formato un nuovo esecutivo che cercherà di far riemergere il Paese scandinavo dall'abisso in cui e' precipitato a causa della crisi economica(Repubblica.it)

"Dichiaratamente": perchè non è di certo la prima donna o il primo uomo non eterosessuale divenuto premier. E' il primo che non fa mistero della sua natura.
Scintilla, insopportabile alla vista, l'abisso che ci separa dall'Islanda. Qui, nel nostro amato paese, lacci e lacciuoli (Chiesa, pregiudizi, razzismo, lacune educative e culturali) fanno sì che da anni nemmeno si riesca ad approvare una legge sulle unioni civili. In Islanda vige la "partnership registrata" come nel resto dell'area scandinava, mentre il primo paese al mondo ad istituire il matrimonio di fatto anche per le persone omosessuali fu la Danimarca nel 1989.
Condividiamo le parole di Franco Grillini (Gaynews di oggi): "La nomina di una lesbica alla guida di un paese a democrazia avanzata costituisce un fatto di rilevanza storica e di enorme valore simbolico che fa impallidire lo squallore del dibattito su questi temi che caratterizza la politica italiana".
Attendiamo fiduciosi che anche in Italia presto o tardi torni a risplendere la luce della ragione, sempre più offuscata da una deriva culturale senza precedenti, anche se, a dire il vero, potremo dire di aver sconfitto lo squallore non solo e non tanto quando accadranno anche da noi eventi simili, ma quando per via di una finalmente raggiunta maturità delle persone una nomina del genere, o fatti analoghi, cesseranno di diventare notizia e non si porrà più enfasi sull'orientamento sessuale di una persona nominata premier, proprio come oggi non se pone sul colore dei capelli. Lunga è la strada, però, ed inaffidabili le guide.

autore: mauroarcobaleno (blog.mauroarcobaleno.it)


Nessun commento: